Flash

26/11/2013

Flash

re_lear_10

Scordiamoci Re Lear e la tragica grandezza della vecchiaia dell’ingratitudine dell’amore e del disamore filiale: qui siamo ad un famoso “carosello” (“commercial” televisivo degli anni 50/60) che al robottino “faccio tutto mi” che chiedeva di essere premiato con il bucato si replicava con durezza “in casa c’è chi lo fa meglio di te e a lei dico ‘grazie Candy’”.

Questo è lo stato dell’arte a meno di 24 ore dalla decadenza di Berlusconi dal Senato e – lo voglia o no – dalla sua uscita dalla scena politica.    Il fatto che l’interessato non si renda conto che il suo ventennale bluff  è ormai finito dimostra fino a che punto lo si era lasciato “crescere” e dimostra anche – ancora una volta – il vuoto morale intellettuale caratteriale in cui vive ed opera.   Purtroppo per lui, ancora non vuole prendere atto che non egli stesso, ma altri lo avevano posto su quel trono di cartapesta.  Certo gli obiettivi sono stati raggiunti (ad esempio l’edificazione di una società autoritaria, ma “morbida”, lo spappolamento della generalità delle strutture democratiche come ad esempio i sindacati e così via), in breve la realizzazione del famoso “programma” Gelli.    Poiché questo vecchio membro della P2 non voleva rendersi conto di essere ormai diventato inutile ed anzi controproducente, lo si è lasciato “cuocere nel suo brodo”.   Ma ora basta: la “fuga” in extremis del sodale Cicchitto già passato dalla sinistra socialista (non è il solo…)  alla P2 era – da sola – un segnale incontrovertibile del crollo finale.

Davvero l’Italia è un Paese tristemente strano: mentre i Dalla Chiesa vengono mandati a morire nell’indifferenza generale (e con loro i Borsellino e tanti altri), gli Schettino (quello che aveva paura del “buio” ma non di fare lo sbruffone sulla pelle di centinaia di sventurati che gli si erano affidati) sopravvivono ad oltranza.    Il non essere “niente” non li condanna, ma anzi li aiuta in una sopravvivenza ad oltranza.   E questa è la via scelta (ma ne aveva altre?) da Berlusconi.    Non capisce, non può capire che ormai è solo d’impaccio.   “Amazzoni” più o meno isteriche a parte, è rimasto solo ed i suoi appelli sono soltanto fastidiosamente imbarazzanti.

Come aveva profetizzato vent’anni fa il “grand viveur” nazionale (“l’avvocato” Agnelli) sull’avventura politica di Berlusconi: “Se vince, vinciamo tutti; se perde perde solo lui”.   Ecco ci siamo: ha perso, ma solo lui.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto