Flash

It-Next 09/08/2013

FLASH 9 AGOSTO

20130808_c4_esposito-

Confessiamolo: aver paragonato la sentenza della Cassazione sulla montagna di denaro trasferita clandestinamente in qualche “paradiso” da Berlusconi e dalla sua Mediaset al voto del 25 luglio del 1943 con cui il “Gran Consiglio” del Fascismo dichiarava la chiusura per l’Italia del ventennio mussoliniano era un inguaribile eccesso di ottimismo.

Questa estate 2013 non ha nulla a che vedere con quella febbrile del 1943 in cui – pur tra i mille intrighi raccontati da Paolo Monelli in Roma 1943 e che ci sono stati tramandati fino a quando la memoria è stata un valore – si ponevano le basi per la “rinascita” nazionale. Il torpore ferragostano stempera i mille rivoli di una furoreggiante idiozia (la vera moda dell’estate) e fino a settembre: ognuno per sé, secchiello, paletta, Billionaire, anziani a “godersi” l’aria condizionata dei supermercati senza poter fare una spesa decente. Insomma chi se ne fotte… anzi le “code” sono peggio di eventi che sembravano “epocali”.

Tre i casi – tra i tanti – da citare. Il giudice di Cassazione Esposito – dopo aver emesso una sentenza ineccepibile e dunque “storica”- ha deciso di autocelebrarsi pubblicamente fornendo agli orfani di Berlusconi un terreno di cultura per i propositi di “revanche”: quanto a lui non rischia certo la fucilazione nel “carcere degli scalzi” di Verona” (che toccò ai firmatari dell’ordine del giorno Grandi a partire da Galeazzo Ciano genero del Duce), bensì la prevedibile reprimenda del Consiglio superiore della Magistratura convocato “ad horas”, e cioè ai primi di settembre…

In sequenza si potrebbe avere l’intronazione di Marina Berlusconi a capo del partito di famiglia, assicurando all’Italia la prosecuzione di una saga che fa impallidire tutte le Dallas e le Beautiful, rinverdendo sulla scena mediatica globale i fasti del nostro cosmopolitismo rinascimentale. Poco male se questa “telenovela” assomiglia più a “Emergency Room” che alle lussuriose praterie e alle trivelle petrolifere.

Da ultimo (come sempre) i conciliaboli nel PD: Congresso – forse – a fine novembre, zero piattaforma programmatica, complottismo ad oltranza in una autoreferenzialità che il pontificato Ratzinger era un gioco da ragazzi.

Per guarnire questo “horror vacui” un tonitruante “Giovane Letta” che annuncia la fine del “femminicidio” e – per domani – la polizia anti-omofobica. Divertente in un Paese che nomina al vertice del Senato un tipo che paragona una Ministro nera ad un orango e che annovera poliziotti che apostrofano la deportanda moglie kazaka di un dissidente come “tu, puttana russa”…

Evviva. Buon Ferragosto.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto