Flash

25/11/2013

Flash

berlusconi-putin-uaz-patriot_05cut

Mentre a Ginevra si è appena concluso l’accordo “sperimentale” (da verificare dopo sei mesi) con l’Iran (su cui si riferisce con due commenti di Alessandro Caivano e di Immanuel), su Roma si addensano avvenimenti interni ed internazionali destinati ad interrompere la monotona attesa del “balletto” renzian-cuperl-civatiano nonché lettiano: oggi arriva lo zar Putin (che domani sarà a Trieste per un vertice bilaterale italo-russo) e mercoledì pomeriggio potrebbe concludersi la parabola politica del Caimano.   Già i programmi degli avvenimenti annunciano un calendario che tutto sarà meno che noioso.

Intanto Putin (nell’insolita veste di “defensor fidei” e della tradizione ortodossa russa – non male per un ex agente del KGB – considerata parte integrante della politica dei “valori” a cui dovrebbe ispirarsi il “rinascimento” della Russia) incontrerà Papa Bergoglio.  Ed è difficile immaginare due individui più diversi…  Poi parteciperà ad un banchetto d’onore di Napolitano al Quirinale, mentre la tarda serata sarà dedicata ad una visita – con o senza “intrattenimento” – ad un amico gravemente malato, Silvio Berlusconi.   Ed in fondo questo è il “clou” della giornata romana del nuovo Zar.   Immaginare che consigli Vladimir darà a Silvio: moderazione, resistenza ad oltranza (Palazzo Grazioli e dintorni come la Stalingrado romana), rievocazione dei bei tempi andati e delle serate nelle dacie intorno a Pietroburgo e a Mosca o – perfino – ammonimenti storici sulla durata media dei “ventenni” (tutti appunto fatti di venti anni… tranne Stalin e Mao che però non rientrano nel novero dei “moderati”).  Boh…

Nel frattempo Silvio preannuncia “carte americane” che dimostrerebbero come egli – invece che il truffatore – fu il truffato nello scandalo Mediaset: in sostanza una specie di “arma segreta” che lo renderebbe mondo di ogni colpa e, dunque, vittima sacrificale del “colpo di Stato”.  Non bastasse, egli allude a “scoop” anti-renziani ed altre azioni di “terra bruciata” palesemente ispirate dalla sceneggiatura dell’indimenticato film di Moretti: il rogo finale.

Il tutto è destinato a consumarsi mercoledì pomeriggio al Senato allorchè (salvo imprevisti…) si voterà la decadenza dal Senato.  Certamente è difficile capire (anche per osservatori di media intelligenza) in che senso questo sarebbe un “colpo di Stato”: Berlusconi è ormai solo un Senatore, ma anche un pluricondannato di cui la magistratura ha certificato l’“attitudine a delinquere” e comunque non detiene alcuna carica di Governo.  Dunque – a meno di ritenersi al centro dell’universo italiano – dove sta il “golpe”?   Forse Putin gli ricorderà i precedenti storici tipo Giulio Cesare e Bruto (“tu quoque”) anche se il parallelo Silvio/Cesare e quello Angelino/Bruto fa accapponare la pelle.

Insomma ne vedremo delle belle ed anzi speriamo che i tre contendenti al “trono” del PD (con disfida finale il Giorno dell’Immacolata) vadano in gita e ci lascino godere lo spettacolo.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto