Flash

18/11/2013

Flash

cut

Come previsto ed annunciato, la Compagnia “di giro” dei “Moderati” (vattelapesca che vuol dire in un Paese in cui l’unico “estremista” doc è il negletto Premio Nobel Dario Fo) ha offerto al suo pubblico – e ad una critica a dir poco benevola – ben due spettacoli: una “matinée” in solitaria dell’anziano Capocomico interrotta dopo un paio d’ore di applauditissimo “assolo”  dal sollecito medico personale  (evidentemente timoroso di perdere il proprio paziente “full time”…) e al pomeriggio un prezioso saggio teatrale dell’”attor giovane” al suo debutto sul proscenio come nuovo “capocomico”.

La mattinata di Berlusconi  non ha evidentemente deluso i propri fan: in prima fila il già isterico radicale Capezzone (un tempo protegée di Pannella, noto scopritore di talenti “repubblicani” a partire dall’indimenticato Rutelli), la collezionista di borse Hermes Santanchè (la “pitonessa” del falchi) ed il già pluri-Ministro professore siciliano ultra-liberale Antonio Martino.  Anzi questi costituisce una rinnovata sorpresa ed un interrogativo che si risolve – come vedremo oltre – in una emblematica spiegazione  della contraddizioni tutte italiane del berlusconismo.  Come può infatti un ortodosso liberal-liberista praticare un culto incondizionato (lo si ricorda cantare uno degli inni sfornati per le kermesse di partito con la mano sul cuore stile statunitense, la sua seconda – o prima – “patria”) ad uno che ha fatto della “protezione” – goduta o estorta -  il motore del proprio successo?   Boh… Eppure la rutilante “analisi” del lacrimante neo-“Padre della patria” (anche i caimani piangono…) indicazioni ne contiene.

Infatti dopo aver debitamente elogiato l’Albania (“seguono i miei consigli: sono tutti amici e discepoli”), l’India (milioni di laureati e di forza-lavoro “fresca” a getto continuo, e soprattutto piena libertà di licenziamento) ed i Paesi limitrofi dell’Adriatico (dove i ricchi immatricolano SUV e Mercedes scopo evasione fiscale), Il “liberale” Berlusconi ha spiegato come la camicia di forza del “fiscal compact” comunitario non conteggi il “sommerso” – aggiungiamo noi criminale e paracriminale – che in Italia aggiungerebbe un buon 30% al PIL, mentre se così facesse l’Unione Europea (abbandonando i propri “calcoli cervellotici”) ci libererebbe dal laccio del 3%.  E poi via alla spesa. Ovviamente briciole al popolo bue e il grosso a note “vittime” come imprenditori e bottegai.   Con gioia del Prof Martino…  Ma anche degli spettatori della “matinée”, ormai stregati e dimentichi del fatto di non essere tutti ( o meglio: quasi nessuno) appartenenti alle categorie “protette”.

Insomma mano tesa ai transfughi in nome della lotta alla sinistra (ma quando mai…) e soprattutto all’Europa che “ci strozza” per far piacere a Merkel e Sarkò (che non c’è più, ma ha riso di lui….).  Cala il sipario (per ragioni “mediche”), musica che sfuma e il primattore si ritira a rimuginare sull’ingratitudine di allievi e concittadini.

Il pomeriggio la tragedia si fa commedia ed il “figlio” (ma quanti ce ne ha?) recita enfaticamente a soggetto declinando la propria gioia per l’affrancamento (si vedrà…) dall’ingombrante genitore: succo della recita un “venceremos” tutto da dimostrare…   A meno che l’ansia “bipolare” del PD non attivi immediatamente ogni possibile trasfusione che lo renda più credibile di quanto non lo sia stata l’esigua Armata Brancaleone del Prof Monti e della sua supponente Scelta Civica.   I gazzettieri e gli “ispiratori” si sono già attivati e dopo aver debitamente ri-celebrato la mattinata con Papa Bergoglio e la pattuglia di “invitati d’onore” di Napolitano sono esplosi nelle grida di trionfo: “Finalmente abbiamo una destra Repubblicana”.

Già, perché la sinistra “Repubblicana” proprio non esiste e – se esiste – batta un colpo allorchè si voterà sul caso Cancellieri.   E, già che c’è sulla – ormai non difficile da attuare – decadenza dal Senato di Berlusconi.   Ed infine, seguendo l’esempio testamentario del Caimano, faccia sapere ai propri “coatti” ( coatti perché: “Se no dove vanno…,” D’Alema dixit) elettori quale è la sua piattaforma, quali le logiche economiche e politiche, quale la visione dell’integrazione europea e globale.

Infatti non bastano più gli slogan d’accatto tipo “di austerità si muore” e neppure l’appiattimento sui mantra di Letta (stabilitààà, trallalà) o di Saccomanni: “è un problema tecnico, già in via di risoluzione…”

Infatti, gli aspiranti “innovatori” (ma “con juicio”…) dovranno a loro volta rispondere al “pentolone” anti-europeo scodellato dal Caimano nel suo addio alle scene: perché nel minestrone – come al solito – tra castronerie, bugie e mezze verità – ce ne sono alcune tutte vere e gli Italiani lo sanno, lo sentono.     Infine – a stemperare il giubilo – è bene che ricordino che tra “Cinque stelle”, “nulli” e astenuti ci sono due italiani su tre.   Difficile cancellare un “non consenso” di questa dimensione.   Ancora più difficile surrogarlo con gli “alfaniani”.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto