Flash

15/11/2013

Flash

1289336326_italia_paese_corrotto4

Archiviata la visita di Papa Francesco al Quirinale (in fondo in fondo più importuna che “storica” per il tono sincero e di incoraggiamento che Bergoglio vi ha imposto) è ripresa  la “spasmodica” attesa per il Consiglio nazionale del PdL che domani, sabato, dovrebbe rivelarci l’esito della disfida tra “falchi” “lealisti” e “colombe ministeriali”…   Naturalmente la saga berlusconiana non è destinata a chiudersi nelle prossime ventiquattro ore: due fattori evidenti lo impediscono.  Il primo è la resistenza ad oltranza del caimano che – oltre tutto – teme a giusto titolo che – una volta tornato ad essere un cittadino “normale” – potrebbe essere chiamato da un giudice “qualunque” a pagare i conti non solo personali, ma anche quelli di uno squallido ventennio che ha contrassegnato un declino nazionale senza precedenti e – alla fine – ha incrinato la passiva fiducia nello “stellone d’Italia” che comunque ci avrebbe protetti.

Così non è stato e – con buona pace del farisaico ed auto-ingannatorio ottimismo del giovane Letta – i conti restano tutti da pagare.  Nel frattempo una serie di minuti episodi – tutti collegabili in una orrenda tela di ragno – si sono interposti ad intrattenere il pubblico prima dell’entrata in scena dei “gladiatori”.

Ha cominciato il Presidente dell’INPS, quel Signor Mastrapasqua che presiede alle pensioni (nonchè Casse integrazioni guadagni e altri ammennicoli dello sgangherato sistema previdenziale italiano): l’uomo – il cui reddito raggiunge tra il principesco salario e le sue attività “private” il milione di euro – ha incautamente lanciato un allarme sulla “sostenibilità” del sistema.   Nonostante il “massacro” realizzato dalla professorina Fornero sotto la guida dell’ineffabile Professor Monti.    Allarme prontamente rientrato: probabilmente grazie alla spiegazione debitamente fornitagli dal Governo che il primo ad essere “insostenibile” sarebbe stato lui medesimo…

D’altro canto proprio Mastrapasqua contribuisce decisamente a realizzare un primato italiano (forse l’unico) e cioè quello delle super-paghe ai super-burocrati pubblici: quasi il doppio degli Stati Uniti il 30% più della Francia ed il 40$ della Gran Bretagna.  Per non parlare della virtuosa Germania.   Quanto ai risultati, questi sono sotto gli occhi di tutti.   Ma in verità nessuno ha mai pensato di selezionare la “crema” amministrativa nazionale in base a criteri professionali e/o meritocratici bensì in accordo con il tasso di acquiescenza rispetto alla nomenklatura politica… oltre che – naturalmente – con quel familismo peloso che il caso Cancellieri ha messo sotto i riflettori…

Nel frattempo sono circolate ulteriori statistiche sul tasso di “non corruzione” nel sistema italiano: siamo 82esimi!  Ovvero tra i più corrotti al mondo.  Logico dunque suggerire a Papa Francesco (per la prossima visita al Quirinale) di far precedere la sua mitica Ford Focus da un TIR carico di macine da mulino in pietra da consegnare agli italiani che si siano distinti nella realizzazione del primato negativo.

Sempre in queste ore è stato riconfermato che nella contribuzione fiscale i dipendenti” superano i “padroni”: un’anomalia nella storia del capitalismo che ci mette – ancora una volta – nei primi posti al mondo.

A fronte di questa parziale rassegna (che Letta definirebbe: “disfattismo catastrofista”) c’è il giubilo espresso dallo stesso Premier: “Ce l’abbiamo fatta da soli”.    E certo chi avrebbe lo stomaco di venire a darci una mano?  Papa Francesco a parte…   Intanto è confermato il calo del PIL del 2% nel 2013 (altro record tra i Paesi sviluppati…), ma con la certezza  che nel 2014 torneremo a… la stagnazione con lo 0%: insomma un trionfo.

Non basta.  Le migliaia di militari statunitensi stazionati nell’area napoletana (ma non i Napoletani medesimi) bevono e si lavano i denti solo con acqua minerale a causa del comprovato inquinamento delle acque per uso domestico.  Non per razzismo o per l’“eccezionalismo” statunitense ma per la semplice ragione che non intendono ammalarsi…

Del resto e come noto, l’intera regione (come pure vaste aree dell’intero Meridione) è infestata da tutti i tipi di inquinamento, a partire naturalmente da quello criminale e da quello ambientale.   Ancora evviva: ce l’abbiamo fatta.  Da soli.

Una prima conclusione dà però ragione al giovane Letta: ce l’abbiamo fatta se volevamo semplicemente tornare alla (indisturbata) cloaca nazionale.  Un po’ meno se ci si augurava di andare – anche di centimetri – avanti.  Sarebbe ora di affrontare questo problema le cui insopportabili sfaccettature non sono né la transizione al post-berlusconismo, né la scelta del nuovo “caudillo” del Partito Democratico.  Il tema per gli italiani normali è quello di sfuggire ad una immobilità che si fa di giorno in giorno più putrescente e sfacciata.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto