Flash

14/11/2013

Flash

napolitano_bergoglio_getty

“Che Dio protegga l’Italia e tutti i suoi abitanti” (“abitanti” e non “cittadini” che sarebbe stato troppo chiedere ad un Papa e – per di più – Gesuita, nonostante i due secoli abbondanti passati dall’adozione di quel termine così laico e così carico di implicazioni non necessariamente gradite a Santa Romana Chiesa) e così ha concluso – con un piccolo peccato veniale – il proprio discorso di commiato al termine della visita al Quirinale: un palazzo storico che fu “loro” poi “nostro” dopo il 20 settembre 1870 e che – oggi – aspira in qualche misura ad essere “comune” proprio in quanto – come ha ricordato Papa Bergoglio citando il suo predecessore Benedetto – “Casa degli Italiani”.

Una mattinata intensa e prevedibilmente animata dal reciproco intento di incontro e di convergenza.  Ma anche una mattinata che ha visto il Papa particolarmente – anche se non esplicitamente – preoccupato ed il Presidente Napolitano particolarmente stanco: il suo discorso è stato – come prevedibile – più formale e teso a sottolineare come non solo i due Concordati (1929 e 1984) rimangano i parametri di una vicinanza tutta particolare, ma anche come nell’ambito di una comunanza europea le “radici cristiane” giochino un ruolo di primo piano.     Il tutto è stato immediatamente commentato come una riprova della solidità del dialogo tra credenti e noncredenti e – ovviamente come l’ennesima riconferma del riconoscimento del ruolo speciale che la Chiesa di Roma gioca in Italia.

E’ sfuggito però il fatto che il “preoccupato” Bergoglio abbia – pur tra le  righe del rispetto “diplomatico” – proseguito la sua dura polemica sulla corruzione sistemica come fattore disgregante – tra l’altro – di una struttura a cui la Chiesa tiene tantissimo e cioè la famiglia.  Oggi frastornata, svilita e priva di speranze come la grande maggioranza del Paese.

Non solo ma Papa Francesco ha anche impartito un garbato sermone sulla necessità che l’Italia ritrovi “creatività e concordia” e possa dare il proprio “contributo al consesso internazionale nella direzione della pace e della giustizia”.    Detto ancora più esplicitamente significa che – come Italiano d’origine e come Pastore, Vescovo di Roma – condivida insoddisfazione e preoccupazione per i destini dell’Italia e dei suoi “abitanti”.

Volendo, potremmo anche immaginare la delusione che prova giorno per giorno dal momento del suo rientro definitivo.

Certo anche Napolitano ha ripreso questi temi parlando della necessità del recupero di “energia morale”.  Peccato però che i destinatari preferiti del suo messaggio siano – in toto – coloro che hanno determinato – con comportamenti e scelte legislative e di governo – i fatti negativi e distruttori di tale energia.   Fino all’abolizione di fatto del principio di base della Costituzione: “la sovranità appartiene al popolo”.    Al popolo non ai Partiti – veri e/o  presunti – e alla loro nomenklatura.

In breve un “cortocircuito” che sfugge ai “commentatori”, ma non a Bergoglio.

Certo è che, se invece di quest’ultimo il Conclave (e lo Spirito Santo) avessero scelto come successore di Benedetto il Vescovo di Milano Cardinale Scola, le cose sarebbero state più facili: si pensi che Scola starebbe attualmente progettando un ascensore “di cristallo” esterno al Duomo che permetta di raggiungerne “turisticamente” la cima.   Una soluzione adottata decenni fa negli alberghi internazionali a cinque stelle.    Ma è dubbio che questa soluzione avvicini né Dio, né l’estetica.  Forse però si approssima al previsto “pateracchio” dell’Expo Milano 2015….

Quanto infine a Papa Francesco è dall’indomani della sua omelia sulla “pietra al collo” per i corrotti che si moltiplicano le voci su di una possibile “insurrezione” del verminaio che in tale corruzione prospera da decenni.  Anche dietro il “Portone di Bronzo”.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto