Flash

14/11/2013

Flash

napolitano_bergoglio_getty

“Che Dio protegga l’Italia e tutti i suoi abitanti” (“abitanti” e non “cittadini” che sarebbe stato troppo chiedere ad un Papa e – per di più – Gesuita, nonostante i due secoli abbondanti passati dall’adozione di quel termine così laico e così carico di implicazioni non necessariamente gradite a Santa Romana Chiesa) e così ha concluso – con un piccolo peccato veniale – il proprio discorso di commiato al termine della visita al Quirinale: un palazzo storico che fu “loro” poi “nostro” dopo il 20 settembre 1870 e che – oggi – aspira in qualche misura ad essere “comune” proprio in quanto – come ha ricordato Papa Bergoglio citando il suo predecessore Benedetto – “Casa degli Italiani”.

Una mattinata intensa e prevedibilmente animata dal reciproco intento di incontro e di convergenza.  Ma anche una mattinata che ha visto il Papa particolarmente – anche se non esplicitamente – preoccupato ed il Presidente Napolitano particolarmente stanco: il suo discorso è stato – come prevedibile – più formale e teso a sottolineare come non solo i due Concordati (1929 e 1984) rimangano i parametri di una vicinanza tutta particolare, ma anche come nell’ambito di una comunanza europea le “radici cristiane” giochino un ruolo di primo piano.     Il tutto è stato immediatamente commentato come una riprova della solidità del dialogo tra credenti e noncredenti e – ovviamente come l’ennesima riconferma del riconoscimento del ruolo speciale che la Chiesa di Roma gioca in Italia.

E’ sfuggito però il fatto che il “preoccupato” Bergoglio abbia – pur tra le  righe del rispetto “diplomatico” – proseguito la sua dura polemica sulla corruzione sistemica come fattore disgregante – tra l’altro – di una struttura a cui la Chiesa tiene tantissimo e cioè la famiglia.  Oggi frastornata, svilita e priva di speranze come la grande maggioranza del Paese.

Non solo ma Papa Francesco ha anche impartito un garbato sermone sulla necessità che l’Italia ritrovi “creatività e concordia” e possa dare il proprio “contributo al consesso internazionale nella direzione della pace e della giustizia”.    Detto ancora più esplicitamente significa che – come Italiano d’origine e come Pastore, Vescovo di Roma – condivida insoddisfazione e preoccupazione per i destini dell’Italia e dei suoi “abitanti”.

Volendo, potremmo anche immaginare la delusione che prova giorno per giorno dal momento del suo rientro definitivo.

Certo anche Napolitano ha ripreso questi temi parlando della necessità del recupero di “energia morale”.  Peccato però che i destinatari preferiti del suo messaggio siano – in toto – coloro che hanno determinato – con comportamenti e scelte legislative e di governo – i fatti negativi e distruttori di tale energia.   Fino all’abolizione di fatto del principio di base della Costituzione: “la sovranità appartiene al popolo”.    Al popolo non ai Partiti – veri e/o  presunti – e alla loro nomenklatura.

In breve un “cortocircuito” che sfugge ai “commentatori”, ma non a Bergoglio.

Certo è che, se invece di quest’ultimo il Conclave (e lo Spirito Santo) avessero scelto come successore di Benedetto il Vescovo di Milano Cardinale Scola, le cose sarebbero state più facili: si pensi che Scola starebbe attualmente progettando un ascensore “di cristallo” esterno al Duomo che permetta di raggiungerne “turisticamente” la cima.   Una soluzione adottata decenni fa negli alberghi internazionali a cinque stelle.    Ma è dubbio che questa soluzione avvicini né Dio, né l’estetica.  Forse però si approssima al previsto “pateracchio” dell’Expo Milano 2015….

Quanto infine a Papa Francesco è dall’indomani della sua omelia sulla “pietra al collo” per i corrotti che si moltiplicano le voci su di una possibile “insurrezione” del verminaio che in tale corruzione prospera da decenni.  Anche dietro il “Portone di Bronzo”.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto