Flash

14/11/2013

Flash

napolitano_bergoglio_getty

“Che Dio protegga l’Italia e tutti i suoi abitanti” (“abitanti” e non “cittadini” che sarebbe stato troppo chiedere ad un Papa e – per di più – Gesuita, nonostante i due secoli abbondanti passati dall’adozione di quel termine così laico e così carico di implicazioni non necessariamente gradite a Santa Romana Chiesa) e così ha concluso – con un piccolo peccato veniale – il proprio discorso di commiato al termine della visita al Quirinale: un palazzo storico che fu “loro” poi “nostro” dopo il 20 settembre 1870 e che – oggi – aspira in qualche misura ad essere “comune” proprio in quanto – come ha ricordato Papa Bergoglio citando il suo predecessore Benedetto – “Casa degli Italiani”.

Una mattinata intensa e prevedibilmente animata dal reciproco intento di incontro e di convergenza.  Ma anche una mattinata che ha visto il Papa particolarmente – anche se non esplicitamente – preoccupato ed il Presidente Napolitano particolarmente stanco: il suo discorso è stato – come prevedibile – più formale e teso a sottolineare come non solo i due Concordati (1929 e 1984) rimangano i parametri di una vicinanza tutta particolare, ma anche come nell’ambito di una comunanza europea le “radici cristiane” giochino un ruolo di primo piano.     Il tutto è stato immediatamente commentato come una riprova della solidità del dialogo tra credenti e noncredenti e – ovviamente come l’ennesima riconferma del riconoscimento del ruolo speciale che la Chiesa di Roma gioca in Italia.

E’ sfuggito però il fatto che il “preoccupato” Bergoglio abbia – pur tra le  righe del rispetto “diplomatico” – proseguito la sua dura polemica sulla corruzione sistemica come fattore disgregante – tra l’altro – di una struttura a cui la Chiesa tiene tantissimo e cioè la famiglia.  Oggi frastornata, svilita e priva di speranze come la grande maggioranza del Paese.

Non solo ma Papa Francesco ha anche impartito un garbato sermone sulla necessità che l’Italia ritrovi “creatività e concordia” e possa dare il proprio “contributo al consesso internazionale nella direzione della pace e della giustizia”.    Detto ancora più esplicitamente significa che – come Italiano d’origine e come Pastore, Vescovo di Roma – condivida insoddisfazione e preoccupazione per i destini dell’Italia e dei suoi “abitanti”.

Volendo, potremmo anche immaginare la delusione che prova giorno per giorno dal momento del suo rientro definitivo.

Certo anche Napolitano ha ripreso questi temi parlando della necessità del recupero di “energia morale”.  Peccato però che i destinatari preferiti del suo messaggio siano – in toto – coloro che hanno determinato – con comportamenti e scelte legislative e di governo – i fatti negativi e distruttori di tale energia.   Fino all’abolizione di fatto del principio di base della Costituzione: “la sovranità appartiene al popolo”.    Al popolo non ai Partiti – veri e/o  presunti – e alla loro nomenklatura.

In breve un “cortocircuito” che sfugge ai “commentatori”, ma non a Bergoglio.

Certo è che, se invece di quest’ultimo il Conclave (e lo Spirito Santo) avessero scelto come successore di Benedetto il Vescovo di Milano Cardinale Scola, le cose sarebbero state più facili: si pensi che Scola starebbe attualmente progettando un ascensore “di cristallo” esterno al Duomo che permetta di raggiungerne “turisticamente” la cima.   Una soluzione adottata decenni fa negli alberghi internazionali a cinque stelle.    Ma è dubbio che questa soluzione avvicini né Dio, né l’estetica.  Forse però si approssima al previsto “pateracchio” dell’Expo Milano 2015….

Quanto infine a Papa Francesco è dall’indomani della sua omelia sulla “pietra al collo” per i corrotti che si moltiplicano le voci su di una possibile “insurrezione” del verminaio che in tale corruzione prospera da decenni.  Anche dietro il “Portone di Bronzo”.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto