Flash

12/11/2013

Flash

0-papa_bergoglio

C’eravamo sbagliati. Proprio nel momento in cui si definiva Papa Francesco come “ammutolito” di fronte al dilagare della corruzione – tanto più colpevole in tempi di crisi poiché sottrae risorse e mina qualunque sforzo collettivo anzi lo svuota di senso e di credibilità – ebbene proprio in quelle ore Papa Bergoglio lanciava il più duro e sentito monito (meglio: condanna) ai “sepolcri imbiancati” che non solo danno “pane sporco” ai propri figli, ma sottraggono (ad esempio con l’evasione fiscale ma non solo) risorse allo Stato e pretenderebbero di “lavarsi la coscienza” donando una frazione del maltolto alla Chiesa.

A costoro Francesco rivolge l’anatema evangelico del “gettarsi a mare con una “macina” al collo e, dunque, sparire dal consorzio civile: cioè uscire definitivamente da una comunità alla quale non appartengono bensì a spese della quale prosperano colpevolmente.   Bene, anzi benissimo.    Ma non vogliamo qui commentare l’aspetto dottrinale (che evidentemente non ci compete) delle prediche mattutine del Papa durante le messe “private” del mattino nella Casa Santa Marta in cui risiede, piuttosto cercare di capire quanto nelle sue parole ci sia di risentimento morale, di fastidio quasi, per chi non danneggia soltanto il proprio Paese (in questo caso l’Italia) ma rende poco credibile lo sforzo di risanamento – dentro e fuori la Chiesa romana – in cui si è impegnato e che ritiene parte della propria missione.  In breve quanto queste siano parole – e sia pure assai riconfortanti – e quanto fatti per ciò che gli compete.

Ricordiamo a titolo di esempio come quel provveditore alle opere pubbliche Balducci non sia soltanto nelle piene attenzioni dei giudici per le malversazioni della “ricostruzione” dell’Aquila (una vergogna nel giudizio della UE e non un nostro vanto…) ed altro collegato con la cricca (assai cattolica a partire dal già famoso Bertolaso) della cosiddetta Protezione civile, ma abbia a lungo ricoperto la carica di “Gentiluomo di Sua Santità”.  Lo è ancora?  E se sì a che titolo? Insomma se al nostro Papa non mancano certo le parole (di cui anzi si studiano ora le “epifanie” talora sgrammaticate per le orecchie dei puristi ma certamente assai chiare), occorrerebbero fatti ugualmente da tutti riconoscibili. Ad esempio trasformare davvero gli ex conventi diventati alberghi a cinque stelle in ostelli: non c’è che l’imbarazzo della scelta nel reperirne gli ospiti: ad esempio quelli che si apprestano ad un inverno per strada.    In breve: le coperte e magari la zuppa non bastano…

Naturalmente le stesse domande vanno rivolte a chi ritiene di aver praticato esistenze “politiche” per il bene comune.   Qui suggeriamo un intervento forse minore ma ancora più dovuto del prezioso “buonismo” di Papa Francesco: ci riferiamo all’odioso caso della nave militare “Chimera” che dopo aver salvato profughi a mare li avrebbe minuziosamente depredati.   La stampa informa che l’inchiesta giudiziaria è in corso, ma i dettagli conosciuti sono agghiaccianti più che nauseanti: bambini perquisiti di nascosto e ricerche nelle biancherie intime delle donne quasi si trattasse di corrieri della droga e non di poveracci che non si fidano – giustamente– di nessuno.   Il “bottino” sarebbe di 80 mila euro e di vari “preziosi”.   Il prezzo pagato sarebbe la dignità del Paese.     In questo contesto il Presidente della Repubblica, che ha recentemente ammonito – in qualità di responsabile supremo delle Forze Armate – ad esercitare senso di responsabilità nella discussione sulle spese militari ed eventuali tagli (esempio gli F35…) potrebbe anche utilmente invitare i responsabili militari – a mare e in terra – a riflettere sulle conseguenze, non solo morali (o giudiziarie) ma direttamente contro lo Stato e la pubblica credibilità, di tali comportamenti.     Una volta gli sciacalli (ad esempio dopo i terremoti ed altre calamità) venivano passati per le armi: non solo e non tanto per la gravità dei fatti, quanto perché esplicitamente fuori – e contro – la comunità.  Ora – dopo i tanti e forse eccessivi per chi fa soltanto il proprio dovere elogi per i salvataggi a mare – tornerebbe forse utile cercare di non – dicasi non – tentare di “lavare in casa i panni sporchi”: insomma far chiarezza, non tentare di stendere un velo pietoso. O proteggere quelli che un profugo siriano ha così descritto: “quelli non erano soldati, quello era l’esercito di Alì Baba, ladroni”.   Dopo i funerali di Stato “in absentia” un altro trionfo della credibilità nazionale…

Nel frattempo risulterebbe che i due marò in attesa di giudizio in India sarebbero stati raggiunti dalle famiglie ed ora tutti godrebbero di sontuose vacanze nella Capitale indiana.   A spese di chi? Ovviamente di tutti noi.    Si noti che il Governo Giapponese – in caso di riscatto a seguito di sequestro di propri cittadini in zone a rischio – viene da questi debitamente rimborsato: da noi lo Stato sparagnino largheggia ad intermittenza con l’unico parametro del gradimento televisivo…  Di responsabilità manco se ne parla.

Di più, se qualcuno che può si ispira alle parole di Francesco, agisca di conseguenza.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto