Flash

07/11/2013

Flash

APTOPIX_NYC_Mayors_Race_DeBlasio-0391f

Con l’ingloriosa chiusura dell’ “affaire” Cancellieri in cui l’omertà partitocratica ha prevalso sul rispetto per i cittadini e per l’immagine del nostro Paese, pensavamo di aver in qualche modo toccato il fondo.  Almeno per questa settimana. E invece no.

Mentre New York gioiva di essere stata capace di riportare al centro dell’attenzione dell’iniziativa politica i propri cittadini, la stragrande maggioranza di essi – e ne parleremo oltre – l’Italia tutta – o quasi – sprofondava nella vergogna (che non mancherà di essere internazionalmente rilevata) di una nuova, invereconda, dichiarazione dell’uomo che da vent’anni tiene in pugno i destini nazionali.

Questa volta Berlusconi – all’apice del suo evidente delirio narcisistico (non privo di estimatori…) -  ha paragonato i propri figli ed il dorato disagio in cui si trovano a causa delle sue disavventure giudiziarie (ovviamente tutte dipinte come invenzione e/o congiura) ai bimbi ebrei al tempo della “shoah”.   Chi ha visto una sola volta un’immagine dei bambini scaricati dai treni piombati e separati a colpi di frusta dai genitori spesso avviati direttamente non al resort keniota di Briatore bensì alle camere a gas, non può non provare un moto di vomito (per i credenti di umana pietà) di fronte a siffatta indefinibile affermazione.

Comparare Anna Frank e il suo tenero amore perduto a Barbara Berlusconi, il calciatore Pato (e magari il possesso dell’intera squadra del Milan) significa aver smarrito (se mai lo si è posseduto) non solo e non tanto la dignità che converrebbe a chi ha detenuto e detiene pubbliche responsabilità quanto ogni barlume di senso comune.   Difenderlo è ancora peggio, perché se la botte dà il vino che ha (e tanto peggio per chi non distingue il vino dalla feccia e per chi ha così a lungo simulato di apprezzarla e di preferirla), ora il punto è quello di quali altri abissi di insipienza e di afasia morale siamo ancora destinati a toccare.

Si trattasse di un cittadino qualunque il nostro Stato – pervasivo a sproposito e al tempo stesso privo di qualunque senso critico – avrebbe già avviato le procedure di trattamento sanitario obbligatorio.   Mentre si compie il classico demagogico salto in avanti su temi quali l’omofobia e il “femminicidio” (entrambi peraltro già coperti da precise ed univoche norme penali e di civile convivenza), un episodio come questo viene liquidato come “battuta”, “sfogo” ed assorbito nel fangoso folklore nazionale.  Esattamente come il “familismo” del prefetto “di ferro” (aì tempora, aì mores…) Cancellieri.

E questo è solo l’antipasto di quanto accadrà se la “profezia” (registrata dal “notaio” Vespa) della grazia presidenziale non si avverasse.

Così, mentre possiamo risparmiare commenti vuoi sul peggiorare della recessione (altro che “agganciare” il treno della ripresa…) del tutto indifferente all’andamento delle aste del Tesoro e – ovviamente – alle estemporanee anticipazioni del Ministro “tecnico” Saccomanni, converrà spendere due riflessioni sulla trionfale vittoria del “supermeticcio” Bill de Blasio eletto sindaco di New York con oltre il 74% dei voti, un risultato netto, voluto e reso possibile da una legge elettorale (come nota acutamente – a raffronto con i casi italiani – Vittorio Zucconi) al fondo rispettosa di quel principio della “representation”.    Un caso appunto opposto al nostro in cui del binomio “No taxation without representation” è da anni ed anni rimasto solo il concetto di “taxation”: essendo – come noto – forzosamente delegata la rappresentanza ad una nomenklatura che – da molto tempo – rappresenta soltanto sé stessa ed i propri interessati accoliti.

A New York – dopo gli “aggiustanenti” tecnici dei repubblicani Giuliani e Bloomberg – è tornato il tempo di misurarsi con i cambiamenti economici e culturali legati ad una globalizzazione (ed un cosmopolitismo) di cui la città verosimilmente costituisce il più grande “laboratorio” mondiale.    Ma anche il tempo di ribilanciare differenze economiche e di opportunità che vedono oltre il 40% della popolazione confrontata con la soglia della povertà.

E c’è di più, perché sentire De Blasio ringraziare in una pluralità di lingue i propri elettori ha fatto stringere il cuore pensando ai parlamentari italiani spesso perfino incapaci di pronunciare correttamente la parola Afghanistan (figurarsi sapere dove sia o quali siano i problemi sul tappeto e se e come si relazionino a noi) nel momento stesso in cui ne votano l’oneroso impegno militare.

D’altro canto proprio un Paese come l’Italia che dal cosmopolitismo ha tutto da guadagnare (e su cui aveva nei secoli costruito la propria forte identità… altro che Cavour, i Savoia e compagnia cantante) si attarda viceversa in una provinciale – autoconsolatoria – contemplazione di sé ed anzi ostenta la propria indifferenza per l’“altro”.    Non ci sarà da stupirsi se dall’attuale fase di abulia si passasse ad una di sempre più attivo risentimento verso la pletora di “cattivi maestri” di cui siamo – non da oggi – infestati.

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto