Flash

05/11/2013

Flash

Simpson-Krusty-il-Clown

La grande giornata parlamentare del prefetto Cancellieri si apre vuoi con gli echi della “querelle” tra il dottor Saccomanni (ex Banca d’Italia) ed attuale Ministro dell’Economia e l’Istituto di Statistica (ISTAT), vuoi con il risolutivo giudizio della Commissione Europea: l’Italia chiude l’anno con meno 1,8% di decrescita del Pil, il debito è al 133% sempre sul Pil, la disoccupazione ha superato il 12%.     Nonostante tutto l’ottimismo possibile il 2014 vedrà crescere tanto il debito, quanto la disoccupazione, solo il tasso di crescita passerebbe impercettibilmente dal segno meno al segno più.    Naturalmente a Dio piacendo.

L’ottimismo della volontà dovrebbe a giusto titolo coniugarsi con il pessimismo della ragione. Oppure adottare il barocco “celodurismo” del Premier Letta che dispensa – invece di concrete misure – accuse a casaccio di “disfattismo”.  Anzi si dovrebbe ricordare a Letta il Giovane (rispetto al celebre zio) che l’intera citazione di Mussolini era: “se avanzo seguitemi, se indietreggio uccidetemi.   Scelga il lettore dove collocare il Governo della “stabilità”.

La giornata – in attesa del climax del pomeriggio prima al Senato e poi alla Camera – è stata peraltro rallegrata da almeno quattro splendidi avvenimenti: Barbara Berlusconi (prima figlia del “secondo letto”) continua a martellare l’anziano Galliani (patron del Milan) in attesa che l’augusto genitore le consegni per intero la periclitante squadra; è iniziata la campagna di lancio del nuovo libro-strenna di Vespa su cui circolano ghiotte anticipazioni; lo scandalo dei pasti da 600 euro dei consiglieri della regione Emilia (dicono i vertici PD: “aspettiamo le decisioni della magistratura”… ma come non bastano gli scontrini fiscali…? E poi non si può mettere nel “frullatore” una Regione modello, dice il Presidente Errani…), infine l’ulteriore rinvio a fine mese del voto sulla  decadenza dal Senato di Berlusconi.  Usque tandem, fino a quando…?   Ovvero ha ragione il Vespa-pensiero che riporta aspettative di grazia presidenziale per il Caimano.  Tanto c’è tempo – almeno – fino al 27 novembre “scivolosa” nuova data del voto parlamentare…

Ma veniamo al “clou” della memorabile giornata.   Ebbene niente di nuovo, se non fosse che il “capolavoro” del prefetto-Ministro – ovvero passare da “accusata” a “vittima” – splendidamente riuscito al Congresso di Chianciano dei Radicali italiani, i quali – sinceramente – hanno fatto la classica figura dei “selvaggi” con gli “specchietti” (nel caso: ma come io che mi batto per rendere umane le carceri, che voglio l’amnistia e l’indulto, che seguo i detenuti uno per uno, il carcere “blend” di inferno strutturale e paradiso umano, e così via “col cuore in mano”) accogliendo con applausi frenetici un discorso splendidamente “radicale”.

In Parlamento la relazione di Cancellieri è stata da una parte più puntuale e dall’altra ancora meno convincente nel senso che – nello scrupolo di non aprire ulteriori “varchi polemici” – ha inevitabilmente finito per confermare tutti i dati collaterali (non strettamente giuridici) dell’evidente “disparità di trattamento”.  Ed infatti oltre il 60% degli italiani messi a sondaggio non si sono dichiarati affatto convinti.   Di più, la punta di arrogante durezza (selettiva?) che ne ha indubbiamente facilitato una pluridecennale carriera (“che devo soltanto a me stessa…” e non ad “amicizie”) è emersa chiaramente.   All’orecchio della gente comune – e di molti parlamentari – ciò suona perlomeno strano dato che – come tutti sanno e milioni di casi reali confermano – in Italia non esistono carriere neutre, di solo merito.  La Cancellieri sarebbe un’eccezione mirabile.  Così come lo sarebbe la pronta scarcerazione di un Mohamed qualunque… Trattato appunto come le pargole Ligresti…

Per facile connessione d’argomento sorvoliamo sull’esaltazione delle qualità professionali del figlio balzato da un incarico di “top management” all’altro ed anche omettiamo di ricordare che l’amicizia tra le famiglie Cancellieri-Peluso e Ligresti passò anche attraverso uno spinoso caso di irregolarità in rimborsi farmaceutici, almeno stando a non smentite cronache stampa…

Insomma e a farla breve, giustificazioni che funzionano nelle fatiscenti e farisaiche amministrazioni pubbliche italiane (carte a posto…, fascicoli immacolati) stridono non solo con gli imperativi del “politically correct”, ma anche e soprattutto con le crescenti ed ormai globalizzate aspettative etiche di cittadini che proprio non capiscono perché un Ministro tedesco si dimetta per una scopiazzatura (decenni prima) nella tesi di laurea ed uno italiano sia per definizione innocente e non senta l’onta di una più che evidente perdita di credibilità.   E’ forse per questa ragione – nient’affatto economica – che la Germania è un Paese serio e stabile, mentre l’Italia…

Infine, la nota di fondo della “nomenklatura” rimane sempre quella: “chissenefrega”.  Almeno finché l’esercizio del diritto di voto degli Italiani resterà di fatto paralizzato.  Certamente di legittimità morale è difficile parlare, almeno stando al bollettino del giorno…

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto