Flash

29/11/2012

Flash

Mentre una mega tromba d’aria si avventa sul disastrato complesso industriale di Taranto, un luogo in cui le disgrazie individuali (licenziamenti/malattie) si sommano alla ventennale insipienza pubblica, i due contendenti per l’investitura a candidato premier per il centro-sinistra si misurano in un confronto “all’americana” in vista del “ballottaggio” delle primarie PD di domenica.

Che ne è uscito? Francamente molto poco: che Bersani è stanco di questa prolungata kermesse di esposizione mediatica che evidentemente non gli è congeniale, che il problema – se Renzi vincesse – è che sarà difficile staccargli la spina di una iper-presenza di spirito: insomma il dilemma per gli elettori d’area consisterebbe nel  far parlare il primo fuori di una programmatica e un po’ bolsa bonomia padana ovvero costringere l’altro a dare contorni concreti ad un sogno di cambiamento.

E questo è quanto è emerso dal confronto televisivo, oltre naturalmente alla constatazione che il Segretario Bersani si veste da burocrate sovietico post-modern e il giovane Renzi da “fighetto” di provincia e di buona famiglia.

Alcuni spunti: entrambi in un modo o nell’altro (Bersani: ci vuole più flessibilità in uscita nel mercato del lavoro; Renzi: buone le “riforme” Fornero)  non si discostano dalla linea Monti in tema di lavoro;  non ne parlano ma evidentemente se vogliono crescita e redistribuzione oppure continuare nell’austerità “senza se e senza ma”.

Il Segretario accenna una mini-autocritica al flebile contrasto al ventennio berlusconiano (es.: mancata legge sul conflitto di interessi e difende le sue “lenzuolate” liberalizzatorie; il Sindaco mette in luce tutte le occasioni mancate dalla sinistra (+ il centro) degli ultimi due decenni.

Una contesa emblematica: quella sull’odiata Equitalia dalla quale Bersani si smarca e che Renzi promette di addomesticare.  Nessuno tocca il cuore del problema: in un Paese in cui si ringraziano i Pavarotti e i Valentino Rossi di pagare un quarto (al massimo…) di quanto devono, ai cittadini “normali” si infliggono punizioni di ogni genere e sanzioni record in Europa per un divieto di sosta, 5 chilometri di eccesso di velocità e “crimini” consimili.  Un esempio incontrovertibile dell’arretratezza italiana: l’equivalente infrazione nella vicina Francia costa 68 euro che scendono – scendono – a 45 se si paga entro 48 giorni (60 nel caso di pagamento on line con carta di credito). Il tutto con due paginette che – se inviate in Italia – saranno in Italiano.   Equitalia fa l’opposto decine di incomprensibili pagine, raddoppio triplico della “pena” e, soprattutto, rapporto costruito sul modello dell’esazione medievale.

Di queste cose non si è parlato, come non si parlato di riportare la politica industriale nelle mani del processo costituzionale, come non si è parlato manco di striscio di politica estera e/o dell’Italia nel mondo, salvo ribadire che anche l’acciaio si può fare con lo “stile” italiano.

Consolazione.  I contendenti fuori del centro-sinistra tacciono. Forse sperano nell’auto-eliminazione degli avversari.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto