Flash

29/11/2012

Flash

Mentre una mega tromba d’aria si avventa sul disastrato complesso industriale di Taranto, un luogo in cui le disgrazie individuali (licenziamenti/malattie) si sommano alla ventennale insipienza pubblica, i due contendenti per l’investitura a candidato premier per il centro-sinistra si misurano in un confronto “all’americana” in vista del “ballottaggio” delle primarie PD di domenica.

Che ne è uscito? Francamente molto poco: che Bersani è stanco di questa prolungata kermesse di esposizione mediatica che evidentemente non gli è congeniale, che il problema – se Renzi vincesse – è che sarà difficile staccargli la spina di una iper-presenza di spirito: insomma il dilemma per gli elettori d’area consisterebbe nel  far parlare il primo fuori di una programmatica e un po’ bolsa bonomia padana ovvero costringere l’altro a dare contorni concreti ad un sogno di cambiamento.

E questo è quanto è emerso dal confronto televisivo, oltre naturalmente alla constatazione che il Segretario Bersani si veste da burocrate sovietico post-modern e il giovane Renzi da “fighetto” di provincia e di buona famiglia.

Alcuni spunti: entrambi in un modo o nell’altro (Bersani: ci vuole più flessibilità in uscita nel mercato del lavoro; Renzi: buone le “riforme” Fornero)  non si discostano dalla linea Monti in tema di lavoro;  non ne parlano ma evidentemente se vogliono crescita e redistribuzione oppure continuare nell’austerità “senza se e senza ma”.

Il Segretario accenna una mini-autocritica al flebile contrasto al ventennio berlusconiano (es.: mancata legge sul conflitto di interessi e difende le sue “lenzuolate” liberalizzatorie; il Sindaco mette in luce tutte le occasioni mancate dalla sinistra (+ il centro) degli ultimi due decenni.

Una contesa emblematica: quella sull’odiata Equitalia dalla quale Bersani si smarca e che Renzi promette di addomesticare.  Nessuno tocca il cuore del problema: in un Paese in cui si ringraziano i Pavarotti e i Valentino Rossi di pagare un quarto (al massimo…) di quanto devono, ai cittadini “normali” si infliggono punizioni di ogni genere e sanzioni record in Europa per un divieto di sosta, 5 chilometri di eccesso di velocità e “crimini” consimili.  Un esempio incontrovertibile dell’arretratezza italiana: l’equivalente infrazione nella vicina Francia costa 68 euro che scendono – scendono – a 45 se si paga entro 48 giorni (60 nel caso di pagamento on line con carta di credito). Il tutto con due paginette che – se inviate in Italia – saranno in Italiano.   Equitalia fa l’opposto decine di incomprensibili pagine, raddoppio triplico della “pena” e, soprattutto, rapporto costruito sul modello dell’esazione medievale.

Di queste cose non si è parlato, come non si parlato di riportare la politica industriale nelle mani del processo costituzionale, come non si è parlato manco di striscio di politica estera e/o dell’Italia nel mondo, salvo ribadire che anche l’acciaio si può fare con lo “stile” italiano.

Consolazione.  I contendenti fuori del centro-sinistra tacciono. Forse sperano nell’auto-eliminazione degli avversari.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto