Flash

31/10/2013

Flash

come-mantenere-una-zucca-di-halloween-622x466

Quest’anno la notte di Halloween degli Italiani si annuncia un po’ meno festosa e ancora meno per quella minoranza che –ancora – si prende la briga di pensare (ancor peggio se con la propria testa).   Certo la Lega terrà non una, ma ben due “feste della zucca” entrambe in quel di Piacenza terra dove la Bassa padana (e le colline) stingono nella marcita lombarda: a Pecorara con il redivivo (si fa per dire) Bossi e l’intramontabile Tremonti e a Ziano con il Matteo Salvini, “delfino” dell’ex delfino Maroni.     Lì si rischia che le zucche siano amare, senza contare che in italiano “zucca” e “zuccone” hanno un significato univocamente negativo e dispregiativo.  Ma tant’è…

Il brutto – quello che conta – sta altrove e cioè  nell’accelerata “esondazione” del pentolone in cui ribollono i miasmi nazionali.  Qualche esempio: intanto quello rituale della “saga” berlusconiana (“senza fine, senza fine, tu trascini la nostra vita”, ecc. ecc. come cantava la Mina d’antan) assortita quotidianamente di figlie (di primo e secondo letto…), di democrazia “violata” (ci risiamo…) e del coraggioso ex-delfino (si parla del fisiognomico coniglietto Alfano).   Qui siamo alla milionesima replica e – d’altro canto – fin che ci sono spettatori lo spettacolo va avanti.

C’è dell’altro ed un posto d’onore spetta al caso della figlia del costruttore Ligresti che – secondo un’indagine della stessa magistratura – sarebbe stata scarcerata dopo una sola settimana di custodia cautelare in quanto “a rischio di anoressia e depressione” Ohibò, al soccorso,al soccorso!  Ed infatti – direttamente contattata dai familiari – la Ministro Cancellieri avrebbe favorito un esito opposto a quello del povero Cucchi.   Certo si capisce che per una miliardaria (?) abituata ai “Green” degli ippodromi la sofferenza è incomparabile con quella di un geometra forse tossico e certo abituato alla vita di strada…. Eppure tanta selettiva sollecitudine suscita perplessità.  Almeno.    Il rimedio c’è e si può attuare subito e “a costo zero”: trasformare il numero privato della signora Cancellieri in Numero Verde a disposizione di tutti gli Italiani i quali – nel caso avessero un congiunto, un amico, un vicino di casa in custodia cautelare potranno risolvere in quattro e quattr’otto la penosa vicenda.

Altro che crisi della giustizia….

Lo “zibaldone” ne contiene però una ancora peggiore: il denunciato caso dei profughi Siriani prima salvati dalla corvetta militare “Chimera” e poi destramente “alleggeriti” dei propri poveri averi già messi scrupolosamente “a custodia” dal personale militare di bordo, salvo poi non riaverli mai più.  Senza parole.   Anzi solo citando l’ultimo testo del sociologo francese Alain Touraine che inquadra la crisi dello Stato nel contesto di una vera e propria “fine della società” , delle sue strutture e delle sue istituzioni incompatibili con la globalizzazione finanziaria.   Ma, anche qui, il fenomeno (a cui assistiamo giorno dopo giorno mentre monta l’indifferenza) non è “neutro” e fa invece capo alle responsabilità di cui già parlava un altro sociologo – il grande Pierre Bourdieu – parlando di “dominazione e sottomissione” e precisamente della politica “professionale” e dei “media di servizio” (al loro servizio…).

Purtroppo l’antidoto prescritto – quello dell’individuo come “soggetto etico” autonomo – non appare minimamente praticabile in questa sfibrata Italia in cui i “maestri” ripetono il vuoto mantra delle “istituzioni” ed i leader spacciano impunemente la propria autoreferenzialità per “amore” per il proprio Paese.

Buon Hallowen, buoni Morti, buoni Santi. Buon week end.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto