Flash

29/10/2013

Flash

075709981-71491bbe-2379-4b8d-9776-e603150acf0f

Ok. Moriremo berlusconiani (e, del resto, è assai dubbio che sia meglio morire “lettiani” cioè democristiani considerata anche la perfetta continuità tra il Letta zio – già gran ciambellano del Caimano – ed il poliglotta nipote) a meno che il “neo-Rinascimento” renziano non riesca a varcare i confini della “Leopolda” (una ex stazione granducale fiorentina assurta al rango della storica Stazione di Finlandia da cui sbarcò Lenin per vincere (?) la rivoluzione bolscevica) e divulgare il suo ambiguo, ma roseo,  messaggio all’intera disastrata Italia.

Moriremmo berlusconiani se la “dinasty” ed in particolare le figlie di primo, e di secondo, letto Marina e Barbara (il “lettone” regalato da Putin non ha prodotto eredi…) si accorderanno sia sulla spartizione che sulle responsabilità “politiche”: ci sarebbe da vergognarsi a parlarne  se questo non fosse lo stato del “dibattito” nazionale.

Ma intanto, mentre il Belpaese è affaccendato in queste – e altre simili – minute distrazioni, il mondo si muove – nel bene e nel male e registra eventi che confermano come la storia prosegua il suo incessante zig-zag.  Questo è il caso che ieri mattina ha tenuto i media (e i dirigenti “globali”) con il fiato sospeso: l’attacco dimostrativo – e suicida – alla Città imperiale a Pechino, proprio sotto il grande ritratto del fondatore della “nuova” Cina, il Presidente Mao Ze Dong.

Il Suv che ha frantumato l’accesso al luogo simbolo della seconda potenza mondiale, andando poi bruciato, uccidendo cinque persone (tre del “commando” all’interno  del veicolo e due sfortunati turisti) e ferendone altre trentotto, ha prodotto uno choc e confermato che – comunque – il Paese rimane esposto a rischi che il congelamento della dialettica politica non po’ evitare.

La prima tesi sull’episodio (definitivamente connotato come attacco suicida) verteva sul “nazionalismo” tibetano, successivamente le indagini ufficiali si focalizzavano su estremisti islamici del Xinjiang (ovvero l’estrema periferia continentale ed occidentale del Paese): in ogni caso un episodio che non concerne direttamente l’atrofia politica della Cina.

Eppure la simbologia, proprio nel luogo dove il vincitore Mao sfilò il 1 ottobre 1949 a bordo di una jeep prendendo possesso  del Paese dopo trentennali vicissitudini (dalla “Lunga Marcia alla guerra anti-giapponese),  è assai rivelatrice:  Infatti il continuo rinvio della democratizzazione del Paese (un rinvio che ha contrappuntato l’intera trasformazione e l’enorme crescita economica del Paese)  non riesce a nascondere la “normalità” (sia pure perversa)   da cui neppure la Cina può ritenersi immune.

Lo “stop” sanguinoso del 1989  (con il massacro di studenti ed operai che reclamavano diritti e pluralismo politico) è avvenuto proprio nella Piazza Tien An Men (a dieci anni dall’avvio denghiano della liberalizzazione economica) non ha infatti chiuso un processo che dall’economia (la “struttura” in termini marxisti/marxiani) non può – sia pure a lungo termine – non trascolorarsi nella politica e nei diritti.  Ora le indagini (alla maniera “riservata” cinese) difficilmente andranno oltre il metodo seguito nella “liquidazione” dell’eversore (conservatore) Bo Xilai, testè esemplarmente condannato all’ergastolo.   Ciò non chiuderà la storica partita che investe più di un quarto dell’umanità e in cui si gioca ben altro che le vicende di pargole “liftate” ed appassionate di ballerini e calciatori.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto