Flash

29/10/2013

Flash

075709981-71491bbe-2379-4b8d-9776-e603150acf0f

Ok. Moriremo berlusconiani (e, del resto, è assai dubbio che sia meglio morire “lettiani” cioè democristiani considerata anche la perfetta continuità tra il Letta zio – già gran ciambellano del Caimano – ed il poliglotta nipote) a meno che il “neo-Rinascimento” renziano non riesca a varcare i confini della “Leopolda” (una ex stazione granducale fiorentina assurta al rango della storica Stazione di Finlandia da cui sbarcò Lenin per vincere (?) la rivoluzione bolscevica) e divulgare il suo ambiguo, ma roseo,  messaggio all’intera disastrata Italia.

Moriremmo berlusconiani se la “dinasty” ed in particolare le figlie di primo, e di secondo, letto Marina e Barbara (il “lettone” regalato da Putin non ha prodotto eredi…) si accorderanno sia sulla spartizione che sulle responsabilità “politiche”: ci sarebbe da vergognarsi a parlarne  se questo non fosse lo stato del “dibattito” nazionale.

Ma intanto, mentre il Belpaese è affaccendato in queste – e altre simili – minute distrazioni, il mondo si muove – nel bene e nel male e registra eventi che confermano come la storia prosegua il suo incessante zig-zag.  Questo è il caso che ieri mattina ha tenuto i media (e i dirigenti “globali”) con il fiato sospeso: l’attacco dimostrativo – e suicida – alla Città imperiale a Pechino, proprio sotto il grande ritratto del fondatore della “nuova” Cina, il Presidente Mao Ze Dong.

Il Suv che ha frantumato l’accesso al luogo simbolo della seconda potenza mondiale, andando poi bruciato, uccidendo cinque persone (tre del “commando” all’interno  del veicolo e due sfortunati turisti) e ferendone altre trentotto, ha prodotto uno choc e confermato che – comunque – il Paese rimane esposto a rischi che il congelamento della dialettica politica non po’ evitare.

La prima tesi sull’episodio (definitivamente connotato come attacco suicida) verteva sul “nazionalismo” tibetano, successivamente le indagini ufficiali si focalizzavano su estremisti islamici del Xinjiang (ovvero l’estrema periferia continentale ed occidentale del Paese): in ogni caso un episodio che non concerne direttamente l’atrofia politica della Cina.

Eppure la simbologia, proprio nel luogo dove il vincitore Mao sfilò il 1 ottobre 1949 a bordo di una jeep prendendo possesso  del Paese dopo trentennali vicissitudini (dalla “Lunga Marcia alla guerra anti-giapponese),  è assai rivelatrice:  Infatti il continuo rinvio della democratizzazione del Paese (un rinvio che ha contrappuntato l’intera trasformazione e l’enorme crescita economica del Paese)  non riesce a nascondere la “normalità” (sia pure perversa)   da cui neppure la Cina può ritenersi immune.

Lo “stop” sanguinoso del 1989  (con il massacro di studenti ed operai che reclamavano diritti e pluralismo politico) è avvenuto proprio nella Piazza Tien An Men (a dieci anni dall’avvio denghiano della liberalizzazione economica) non ha infatti chiuso un processo che dall’economia (la “struttura” in termini marxisti/marxiani) non può – sia pure a lungo termine – non trascolorarsi nella politica e nei diritti.  Ora le indagini (alla maniera “riservata” cinese) difficilmente andranno oltre il metodo seguito nella “liquidazione” dell’eversore (conservatore) Bo Xilai, testè esemplarmente condannato all’ergastolo.   Ciò non chiuderà la storica partita che investe più di un quarto dell’umanità e in cui si gioca ben altro che le vicende di pargole “liftate” ed appassionate di ballerini e calciatori.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto