Flash

22/10/2013

Flash

Unknown

“Precipitosi”.    Così il giovane Letta ha pubblicamente e ripetutamente rimbrottato gli immarcescibili “Magnifici Tre” – Camusso Bonanni ed Angeletti – ritenuti colpevoli di possibile attentato alla stabilità (cadaverica) di un Paese che – a suo dire – sarebbe già passato dal fare alla “ripresa”.  Per non parlare della “detassazione” che non sarebbe di 14 euro bensì di… 15 al mese.  Calunnie, sempre calunnie.

Forse il Primo Ministro ignora che la decisione dei capi dei Sindacati confederali corrisponde perfettamente a quello che si definisce “il minimo sindacale”: quattro ore di sciopero frastagliato per regioni e, dunque, a “zero impatto” politico: insomma più che un grido, un sospiro.   Tanto per mostrare di essere ancora in vita.  Eppure è bastato per infastidire il narcisismo lettiano: dopo tutto i “maggiordomi” dell’attuale “commedia all’italiana” si sono presentati (nel disinteresse generale) senza che nessuno li avesse chiamati e questo non si fa, almeno non nelle case “per bene”.    Non solo, ma avendo di buon grado e da tempo accettato di entrare in catalessi (di buon grado, cioè senza i fragori con cui la Signora Thatcher sul serio “spezzò le reni” alle già gloriose “Trade Unions” britanniche), la riapparizione dei “Tre” costituisce – di per sé – un intralcio all’armonia della rinascita nazionale….

Il punto – naturalmente – sta altrove e lo dimostra la querelle intorno alla “simpatica” improntitudine con cui Maradona ha annunciato che i 39 milioni di euro “dovuti” ad Equitalia se li possono ficcare… in quel posto.   Mirabile sincerità e, d’altro canto, Equitalia (ma anche l’INPS “scoperta” mentre “cacciava” un pensionato per 1 (uno) centesimo con costi stimati di 223 euro) continua imperterrita a “fare il suo mestiere” che non è quello di stanare i grandi evasori, o realizzare una qualche equità fiscale, bensì di attuare il mantra della “Signora Omicidi” (dall’indimenticabile film con Alec Guinness e Michel Caine: ovvero che un bel bottino si fa con tanti piccoli soldini da tanta gente…  Con il risultato di non disturbare l’unico vero “patto sociale” vigente in Italia e cioè quello con i superricchi ed una vasta platea parassitaria assortita di elusione ed evasione.    Questioni che non sono all’ordine del giorno del Governo “del fare”.

Anzi esso si autoprotegge (“almeno fino al 2015”) con due scadenze del tutto irrilevanti per i destini nazionali: il semestre (dal luglio prossimo) in cui l’Italia avrà la presidenza di turno UE e poi – udite, udite – l’Expo di Milano 2015.   Ebbene la prima è più un onere routinario che un onore meritato e, comunque, più che portare vantaggi impone obblighi.  Quanto alla seconda – considerato il ruolo del leghista Maroni a capo della regione interessata – servirà soltanto (speculazioni a parte) a confermare l’evidente contraddizione tra un’Italia sempre più chiusa nel proprio declino e la rifiutata opzione dell’integrazione, dell’apertura e del cosmopolitismo.

Ciò non bastasse, il “bollettino” quotidiano offre altre sconfortanti conferme.  La “farsa” dei “funerali” di Agrigento (parole del Sindaco) lascia ancora una volta sul campo perfino il decoro nazionale: la presenza dei rappresentati del regime da cui i disgraziati eritrei fuggono con la traversata del deserto ed il finire in pasto ai pesci del canale di Sicilia e la continuata restrizione dei 156 superstiti nelle baracche di Lampedusa chiude l’affaire nelle solite secche che – prima che politiche – sono morali e culturali.

Bene ha fatto la Sindaco dell’isola Nicolini a chiedere al Quirinale che il 3 Ottobre divenga un nuovo Giorno della Memoria dedicato alle 366 vittime dell’Isola dei conigli, alle migliaia che già sono morti e forse moriranno e – soprattutto – a quella madre morta con il suo bambino venuto per attimi alla luce e ancora annodato a lei nel primo – ed ultimo – abbraccio.   Non sarà facile in un Paese che si impegna solo quando i fatti sono “a distanza di sicurezza”: la gazzarra intorno alla sepoltura del nazista Priebke, l’affollarsi di potenti proprio in questi giorni tra Auschwitz ed il Ghetto di Roma e, perfino, l’opinabile (ed opinato tra gli altri dallo storico  Carlo Ginzburg) dibattito sulla penalizzazione di qualunque forma di negazionismo (così come si è fatto con l’omofobia…) ci confermano che le leggi sono fatte in Italia per i morti e non per i vivi.     Costano meno… e non costringono a guardarsi dentro…

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto