Flash

21/10/2013

Flash

185361225

“Lasciamoli giocare” questa – secondo le cronache – la direttiva “moderata” che ha ispirato i gestori dell’ordine pubblico durante la grande manifestazione (tuttora in corso con la “tendopoli” di piazza di Porta Pia di fronte al monumento al bersagliere e al Ministero dei Trasporti) di sabato a cui hanno partecipato una serie di movimenti di base (NoTav, diritto alla casa, ecc.). Risultato: pressochè zero incidenti, un pugno di fermati e qualche contuso nelle forze di sicurezza.

Con cinismo pari a quello della “regia” governativa, si potrebbe affermare: molto rumore per nulla.  Niente feriti, niente morti, niente distruzioni (a parte il piagnisteo dei commercianti che avrebbero perso i fantomatici guadagni del sabato pomeriggio).  Insomma un successo del “gioco” democratico che potrebbe perfino permettersi qualche “sbavatura” di piazza.  A guardare bene e a contestualizzare l’evento con l’apatica dialettica politica (legge di “stabilità”) e con i riflettori sempre accesi sul caso giudiziario-parlamentare di Berlusconi  “impepato” dalla querelle sessuale della fidanzata Francesca con l’impudente attrice bulgara Bonner, il bilancio è assai più modesto e – per certi versi – perfino preoccupante.

Certo l’esordio “democristiano” nella gestione dell’ordine pubblico ci riporta ad una qualche ordinarietà democratica (oltre naturalmente ad autoconfortarsi con la “tenuta” dei movimenti).  Eppure in controluce le note sono meno “accordate”: ricordano perfino le manifestazioni nell’ordinato Giappone degli anni ’80 del secolo scorso che da una parte venivano “difese” dalla polizia “democratica” e dall’altro preludevano all’apatia sociale dei successivi venti e più anni di recessione e “perdita di senso”.

E questo è ciò che viene delineandosi in un’Italia sempre più abulica, sempre più priva di prospettive, sempre più incapace di tradurre il malessere in un linguaggio politico, in una mediazione che includa e non accentui le separatezze.    Facciamo un elenco alla rinfusa di questa triste “arlecchinata”: ad Agrigento (città di Schifani ed Alfano) si celebrano i funerali “in absentia” (di morti e parenti) delle 366 vittime di Lampedusa, absentia degli “interessati” ma non dei “politici”, insomma una trovata che neppure il Nobel Dario Fo avrebbe potuto immaginare.   Non bastasse, le televisioni impazzano con l’intervento degli “psicologi” militari (versione contemporanea del bicchiere di mistrà – e dei fucili dei carabinieri – per indurre i fantaccini a saltar fuori dalle trincee per essere massacrati o, nel migliore dei casi, per massacrare il nemico): “psicologi” che “spiegano” come la perdita sia stata grave. Embè?

Le pensiline delle stazioni traboccano di centinaia di marginali ovviamente senza casa, né asilo, nel frattempo pattuglie di ogni genere vigilano sul “decoro” esteriore delle città.  L’effetto – per chi lo vuole vedere – è dickensiano.    Ma è il panorama politico e la sua manipolazione mediatica il dato più surreale: i futuri dirigenti vengono estratti dal cilindro come i famosi conigli.  Un esempio per tutti quello dell’“antagonista” (scelto dalla nomenklatura) del super-giovane Renzi e cioè il grigio Cuperlo già capelluto “Lothar” del Mandrake D’Alema che viene quotidianamente “pompato” dai media amici. Si vedrà con quale effetto.

Ancora, mentre il Prof Monti si autoaffonda nell’oblio tra stizza e rancore (e “risorge” Casini),

i canali di comunicazione tra Partiti e cittadini sono sempre più sclerotici, ostruiti:  La morte – dopo lunga agonia – sia dei Partiti di massa che di quelli d’opinione ha spaccato in due il Paese ormai rozzamente diviso tra coloro che decidono e coloro – la stragrande maggioranza – che subiscono.  Oppure – nel migliore dei casi – sono autorizzati a “giocare”.  Evviva.

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto