Flash

16/10/2013

Flash

abolizione_imu_provvedimenti_governo_645cut

Mentre ad Ancona i centri sociali accolgono “rumorosamente” il Premier Letta e ricevono un “forte” segnale che annuncia la prevista mano dura autunnale, mentre ad Albano Stato e territorio (Prefetto e Sindaco) si scontrano intorno alla sepoltura di un nazista morto, a Roma si compie un esercizio sublime di neo lingua orwelliana: tagli e tasse si trasformano in “interventi” per 11,6 miliardi, la mancata o ridotta “scure” sulla sanità pubblica si tramuta in “Sanità salvata”, e – per finire – 4 o 5 euro (al mese!) diventano un “sostanziale” taglio al mostruoso prelievo sui redditi dei lavoratori dipendenti (“cuneo fiscale”) ormai prossimo al 50%.

Dimenticavamo: l’odiata IMU si trasforma in TRISE (tassa sui rifiuti e servizi) e viene annunciata come “più leggera”. Si vedrà.  Anche se non si capisce bene perché – data la mole dell’imposizione generale – ci voglia pure un supplemento perché vengano prelevati i rifiuti (dove ciò avviene) ed erogati servizi – strade e ponti – (dove ci sono). Sintesi finale: né stangata, né frustata (per scuotere il Paese dal torpore e dalla recessione).   Così l’organo “di Governo” La Repubblica in scrupolosa osservanza del principio base della “neolingua”, ovvero il ribaltamento di senso delle parole.

Vero è che – nelle condizioni attuali – era difficile sperare di meglio, salvo operare – o avviare una riduzione delle – sulle diseguaglianze che hanno progressivamente trasformato l’Italia in un Paese pre-moderno (o classicamente del “Terzo Mondo”): quello cioè dove la crisi fa i ricchi sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri, mentre meno del 10% dei cittadini detiene oltre il 50% della ricchezza nazionale.     D’altro canto così va il mondo…    E, peraltro, il giovane Letta, centrista che più centrista non si può, non avrebbe mai neppure immaginato una deriva “rivoluzionaria” e neppure un avvio di progetto complessivo per l’Italia: ciò è contrario ai sacri principi del doroteismo ai quali tanto il “vecchio” che il “giovane” Letta hanno ispirato ed  ispirano vita ed “azione”.     Infatti l’antico ammonimento di Alberto Cavallari (“moriremo democristiani?”) va aggiornato alla luce degli ultimi sviluppi in “moriremo dorotei?” (per i più giovani: i “Dorotei” così denominati dal convento al Gianicolo di Santa Dorotea in cui si riuniva il “super-centro” della Democrazia Cristiana).

Tocco di furbizia finale introdotto nella “Legge di stabilità” (stabilità de che?) ovvero della Legge Finanziaria…: l’operazione  (non a caso “congegnata” da un esperto Banca d’Italia come l’ottimista  Ministro Saccomanni) si articola sull’intero triennio con il doppio risultato di triplicare nell’immaginario collettivo i valori assoluti impegnati ed ipotecare il prolungamento dell’attuale direzione politica (Letta medesimo e suoi variegati accoliti) per ben tre anni: come si dice, “per completare il lavoro”.   Senza contare che la durata triennale avrà un effetto “placebo” sui “guardiani” europei e della finanza internazionale.

Nel frattempo con furori tecnologici (i “droni”) e scarse idee parte la Campagna “Mare nostrum”.  Tra parentesi scherzavamo quando in anteprima la definimmo “Mare Nostrum”… E invece no: l’hanno proprio chiamata così.   Come si dice: non temono il ridicolo.  In fondo basta mettere i droni al posto dei rostri e delle triremi.  Ed in ogni caso mela e mandarino, nonché “pizza di mezzanotte” sono le nostre armi invincibili…. Anche in un mare infestato di cadaveri.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto