Flash

16/10/2013

Flash

abolizione_imu_provvedimenti_governo_645cut

Mentre ad Ancona i centri sociali accolgono “rumorosamente” il Premier Letta e ricevono un “forte” segnale che annuncia la prevista mano dura autunnale, mentre ad Albano Stato e territorio (Prefetto e Sindaco) si scontrano intorno alla sepoltura di un nazista morto, a Roma si compie un esercizio sublime di neo lingua orwelliana: tagli e tasse si trasformano in “interventi” per 11,6 miliardi, la mancata o ridotta “scure” sulla sanità pubblica si tramuta in “Sanità salvata”, e – per finire – 4 o 5 euro (al mese!) diventano un “sostanziale” taglio al mostruoso prelievo sui redditi dei lavoratori dipendenti (“cuneo fiscale”) ormai prossimo al 50%.

Dimenticavamo: l’odiata IMU si trasforma in TRISE (tassa sui rifiuti e servizi) e viene annunciata come “più leggera”. Si vedrà.  Anche se non si capisce bene perché – data la mole dell’imposizione generale – ci voglia pure un supplemento perché vengano prelevati i rifiuti (dove ciò avviene) ed erogati servizi – strade e ponti – (dove ci sono). Sintesi finale: né stangata, né frustata (per scuotere il Paese dal torpore e dalla recessione).   Così l’organo “di Governo” La Repubblica in scrupolosa osservanza del principio base della “neolingua”, ovvero il ribaltamento di senso delle parole.

Vero è che – nelle condizioni attuali – era difficile sperare di meglio, salvo operare – o avviare una riduzione delle – sulle diseguaglianze che hanno progressivamente trasformato l’Italia in un Paese pre-moderno (o classicamente del “Terzo Mondo”): quello cioè dove la crisi fa i ricchi sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri, mentre meno del 10% dei cittadini detiene oltre il 50% della ricchezza nazionale.     D’altro canto così va il mondo…    E, peraltro, il giovane Letta, centrista che più centrista non si può, non avrebbe mai neppure immaginato una deriva “rivoluzionaria” e neppure un avvio di progetto complessivo per l’Italia: ciò è contrario ai sacri principi del doroteismo ai quali tanto il “vecchio” che il “giovane” Letta hanno ispirato ed  ispirano vita ed “azione”.     Infatti l’antico ammonimento di Alberto Cavallari (“moriremo democristiani?”) va aggiornato alla luce degli ultimi sviluppi in “moriremo dorotei?” (per i più giovani: i “Dorotei” così denominati dal convento al Gianicolo di Santa Dorotea in cui si riuniva il “super-centro” della Democrazia Cristiana).

Tocco di furbizia finale introdotto nella “Legge di stabilità” (stabilità de che?) ovvero della Legge Finanziaria…: l’operazione  (non a caso “congegnata” da un esperto Banca d’Italia come l’ottimista  Ministro Saccomanni) si articola sull’intero triennio con il doppio risultato di triplicare nell’immaginario collettivo i valori assoluti impegnati ed ipotecare il prolungamento dell’attuale direzione politica (Letta medesimo e suoi variegati accoliti) per ben tre anni: come si dice, “per completare il lavoro”.   Senza contare che la durata triennale avrà un effetto “placebo” sui “guardiani” europei e della finanza internazionale.

Nel frattempo con furori tecnologici (i “droni”) e scarse idee parte la Campagna “Mare nostrum”.  Tra parentesi scherzavamo quando in anteprima la definimmo “Mare Nostrum”… E invece no: l’hanno proprio chiamata così.   Come si dice: non temono il ridicolo.  In fondo basta mettere i droni al posto dei rostri e delle triremi.  Ed in ogni caso mela e mandarino, nonché “pizza di mezzanotte” sono le nostre armi invincibili…. Anche in un mare infestato di cadaveri.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto