Flash

14/10/2013

Flash

aff_hommes_contre-01cut

Uomini contro. Anzi uomini “per”: per la pace, per l’umanesimo inclusivo di tutti gli uomini al di là delle classi (allora ben visibili) e delle frontiere.  Così in film di Rosi del 1970 tratto dal libro “Un anno sull’altopiano” di Emilio Lussu.  E naturalmente contro la guerra a difesa della “carne da cannone” e contro l’“inutile strage” come la definì il Papa di allora. Così era una volta, oggi la “scala” è molto più modesta particolarmente – ma, come vedremo, non solo – in Italia.

Anche la politica ha oggi i suoi “uomini contro”, mentre – purtroppo non si vedono  quelli “per”: gli ultimi giorni ne riportano ben due esempi, e non dei minori considerato che uno dirige il terzo (secondo?) Partito italiano e l’altro si accinge a conquistare la guida del primo Partito italiano.   Ha iniziato l’impresa l’antagonista per eccellenza (quello che minaccia di “Impeachment” il Presidente della Repubblica un giorno sì e l’altro pure) ovvero Beppe Grillo che si è scagliato contro i suoi parlamentari, “colpevoli” di voler intervenire immediatamente cancellando l’ottuso obbrobrio della Legge anti-immigrazione, anti rifugiati, anti-tutto “Bossi-Fini”.   L’esempio è evidentemente piaciuto al giovane per antonomasia Matteo Renzi che ha subito sparato bordate contro la “proposta” presidenziale di amnistia ed indulto.

Entrambi sono apparsi motivati da due fattori – entrambi mediatici – : sondaggi che enfatizzano le tradizionali preoccupazioni sulle “invasioni barbariche” e necessità di tenere la scena costantemente.   I due “contro” nostrani pensano di riempire così le loro bisacce vuote di contenuti: di Grillo il fatto è ben noto e si “giustifica” con la sua indifferenza rispetto ai contenuti: un “vaffa” è più che sufficiente (ed il potere “istituzionale fa del suo meglio per confermarne le ragioni…) e poi… il medium è il messaggio.  E quando il messaggio latita, basta il medium, soprattutto se veicolato da contorni scenografici “muscolari” (da vero “Capo”).  Nuotate, salti sulla folla osannante e magari un “programma” presentato come un “Mein Kampf” scolpito sulla pietra e dunque immodificabile dalle marionette parlamentari.

Quanto all’“innovatore” Renzi, di lui si conoscono fin qui solo i “contro” come contro i “dinosauri” del PD (anche questo assai giustificato).  Per il resto circola un’auretta liberista confermata dalle sue frequentazioni con fabbricanti di cachemire e finanzieri rampanti, nonché “consiglieri” di estrazione non certo popolare.  Il tutto seguendo il modello Coca Cola (da lui citato con dichiarata ammirazione) forse ignorando il “flop” dell’invenzione – e dell’imposizione – della formula “Zero”.

Ci sarebbe da ridere, non fosse che Oltreoceano si marcia in sintonia ed il “New York Times” è arrivato a definire i parlamentari Repubblicani come dei folli “Kurtz” (il sanguinario capitano di “Apocalypse Now”): contro il bilancio ma senza sapere dove andare e –intanto – bloccando l’intero Paese sul bilancio federale statunitense.

Certo, il Ventesimo Secolo (il Novecento) è stato senza ombra di dubbio il secolo del sadismo; per il Ventunesimo si prevede (ed è già ben avviata) l’era del masochismo.  Vi terremo – ci terremo –informati.    Senza trascurare quello che “bolle in pentola”, nella putreolenta pentola del continuismo governativo (cd “Legge di stabilità”).

Intanto.   Parte la flotta per il “Mare Nostrum”, anzi loro, di quelli che ci muoiono.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto