Flash

10/10/2013

Flash

ecografia

La “gita al mare” del “giovane Letta” in compagnia del Presidente UE, il democristiano portoghese Barroso, rispettivamente e a loro volta accompagnati dal Vice Premier (sic) e Ministro degli Interni (di nuovo sic) Alfano e dalla Commissaria “umanitaria” Maelstrom, ha segnato ieri un “punto di non ritorno” nella vergogna della farisaicità e della incapacità di governo delle classi dirigenti europee ed italiana.  Di quest’ultima soprattutto. Vediamo perché.

Ieri il conto finale delle vittime del barcone della morte aveva superato i 300: considerate le proporzioni del Mediterraneo rispetto all’Atlantico, la tragedia supera di gran lunga il celebrato Titanic: ma il barcone rimane senza nome e le vittime sono solo biologicamente umane, pezzi di carne sbranati da individui non umani come i leghisti italiani a suo tempo vezzeggiati dalla politica italiana (e tuttora detentori di “chiavi del progresso” come il patetico Expo Milano 2015 affidato a Maroni, responsabile – con l’incredibile Bossi ed il “desaparecido” Fini – delle misure alla radice delle 303 morti.

Ma l’attenzione spetta alle vittime 288 e 289 (così denominate dalla burocrazia della morte): una ragazza eritrea di neppure vent’anni ed il suo bambino nato di sette mesi durante il naufragio ed ancora legato a lei dal cordone e tenuto stretto dentro i pantaloni. Questa è la dimensione dell’orrore, ma non è questa la dimensione della risposta. E non basterà a riabilitarla la “difficile” decisione di seppellirli insieme, come insieme erano morti.

Gli autorevoli gitanti non sono infatti riusciti a dare la benchè minima impressione – in primo luogo agli abitanti di Lampedusa – di credibilità, responsabilità, capacità.  E, naturalmente Letta peggio di Barroso venuto comunque ad assumersi (a seguito del piagnisteo italiano) parte della responsabilità politica e finanziaria.   Nel programma originario (in stile sovietico) non era neppure previsto un incontro con i superstiti: forse per timore della “puzza” che regna all’ “Hotel Italia” il Centro di “accoglienza” così macabramente simile all’ “accoglienza” nei “campi” nazisti (quelli dove si continua instancabilmente a praticare i “pellegrinaggi” della Shoah”).     Solo la Sindaco Nicolini riusciva a trascinarveli, a specchiarsi per cinque minuti nella loro impotenza .

Dopo l’inginocchiamento davanti ai morti (facile per il cattolicissimo giovane Letta) c’era poco da dire ai vivi ai quali si cerca ora almeno di risparmiare l’ “incriminazione” prevista da norme che definire folli è troppo poco.      Dalle impronte digitali alle carte della burocrazia italiana era già scattata la trappola: punire i vivi ed escluderli dal desiderato rifugio in Paesi più civili del nostro.   Ora cercheranno di “metterci una pezza”, ma – come si dice volgarmente– la frittata è fatta.

Inutile qui ricordare come le norme abbiano fatto salire il numero delle vittime promuovendo non la solidarietà in mare, bensì il timore delle “grane” ed il silenzio omertoso ed assassino. E’ la regola nazionale.   Che fare mentre un intero Paese sprofonda e a malapena se ne accorge: ottusi, analfabeti di ritorno, ludomani (ah, ah), irretiti da volpi che titillano il peggio nazionale, vili e violenti camuffati da “brava gente”.    Ma sì la colpa è dell’Europa, noi – come al solito – siamo innocenti.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto