Flash

08/10/2013

Flash

caos humano

Un’altra settimana si è aperta nel Paese del Sole.  E come?   I morti “extracomunitari” di Lampedusa sono ormai 232, almeno quelli accolti nelle bare nuove fiammanti frettolosamente inviate (elegantemente bianche quelle dei bambini…) e sono 155 i superstiti, tutti “doverosamente” incriminati per tentata immigrazione clandestina: nel frattempo sono “ospitati” – insieme ad altre centinaia di disgraziati – all’“Hotel Italia”, denominato “Centro di accoglienza”, la cui caratteristica è di essere “doverosamente” fissato sullo stesso standard del sistema carcerario nazionale: sovraffollamento, sporcizia, assenza di docce, caos.

Mentre si attende per domani nell’isola il Presidente della Commissione Europea Barroso accompagnato dal glorioso vice Premier e Ministro dell’Interno Alfano (il “coniglietto ridens”, pubblicamente e ripetutamente definito “un cretino” dal vate nazionale “ciocca ribelle” Vittorio Sgarbi), le sole voci senzienti che ancora si occupano della vicenda – che ha disturbato il week end calcistico nazionale – sono quelle del Presidente della Repubblica che puntualmente illustra al frastornato popolo italiano la differenza tra immigrazione ed “asilo” e della Sindaco di Lampedusa che si “accontenterebbe” dell’eliminazione della famigerata legge Bossi-Fini, due noti campioni della storia patria più recente.   Insomma siamo alle solite: ad aspettare che vittime ed occasioni mancate svaporino nel dolce oblio dell’inerzia e dell’impotenza.

Intanto le cifre ed i fatti si ammassano indisturbati. Stabile la disoccupazione al 13% con un picco giovanile stimato al 40%…, sceso di ben 4,7 miliardi il gettito IVA a conferma della stasi (= recessione) economica nazionale. Continua nel frattempo  la “guerra di posizione” dell’IMU (più o meno come le disfide simboliche e mortifere della Prima Guerra mondiale), ILVA ed Alitalia stanno lì a dimostrare l’insipienza delle classi dirigenti e – dietro l’angolo – c’è la “manovrina” d’autunno: quasi una leggiadra masturbazione applicata ai nuovi “servi della gleba”.  E chi sono costoro? Semplice: i cittadini italiani espropriati di ogni sovranità dalla ossificata e non rappresentativa nomenklatura politica.     Che con l’ottimo Letta ha intanto inventato la provocatoria “consultazione telematica” tra gli Italiani e le Istituzioni (ma di che parlano?) chiamati a dire la loro sui “grandi temi”.    Ma ancora di che parlano? Non basterebbero vere elezioni e referendum rispettati?

Lo stanco replay prosegue con il radical-PD Giachetti che intraprende lo sciopero della fame per tenere aperto il dibattito anti-Porcellum.   Ma subito la “pitonessa” PD (speculare alla famigerata Santanchè) Finocchiaro lo “etichetta” come auto-protagonista e nemico delle soluzioni “condivise”: sfrontatezza senza limiti, naturalmente della Finocchiaro. Chiude il cerchio Letta (con la sua preoccupante “ombra” Franceschini) che ammonisce: “non perdiamo più tempo”.  Ma a chi si rivolge l’alfiere dei “decreti del fare”?    E perché – mentre si crogiolano con la cifra totem del 3% di deficit sul Pil e si avvinghiano come l’edera ad una strumentale concezione dell’integrazione europa – non fanno almeno la più simbolica scelta dei virtuosi – cioè ragionevoli – Tedeschi, ovvero il “tetto” di legge alle retribuzioni?   Ovvero perché non riducono – almeno – il “Digital Divide”?   Ogni giorno di stasi e di difesa dei privilegi (non diritti..) acquisiti produce un più forte ed irreversibile regresso.    Dato che sono democristiani, copino  almeno il pragmatico ed efficace riformismo di Bergoglio (quello vero, non quello “incapsulato” da Scalfari, che peraltro non è il Papa Giovanni bensì il Cardinal Bertone della Repubblica).

“Mi viene un dubbio” (ancora una volta secondo il felice stilema di Papa Francesco): non sarà che il “vaffa” grillino sia insufficiente di fronte ad un cosiffatto black out cerebrale ancor più che etico?     D’altro canto, “Il Signore acceca quelli che vuole perdere”.

Quanto a noi, staremo a vedere.  Almeno finchè (“sondaggio” telematico della Presidenza del Consiglio a parte) non si possa “partecipare”…

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto