Flash

01/10/2013

Flash

Unknown-5

“Grande è il disordine sotto il cielo, la situazione è dunque eccellente”.    La celebre frase del grande autocrate e fondatore della nuova Cina – il Presidente Mao, il “Grande Timoniere” – rischia di essere polverizzata nell’Italia dei paradossi e delle menzogne come abito di vita.

Certo il caos lo abbiamo e in dosi massicce, ma è più che dubbio che la situazione sia, o possa diventare eccellente.   I tredici poveracci venuti dal “Terzo Mondo” frustati ed affogati su una delle più belle spiagge siciliane (vittime della “commercializzazione” di migrazioni planetarie e della cecità italiana sulla nostra collocazione nel vasto mondo) rischiano di diventare la metafora non solo del futuro che ci attende, ma anche del beota presente in cui siamo imbozzolati.

Ridurre la nostra congiuntura (e la sempre più pesante eredità di un ventennio “horribilis”) al solo “caso Berlusconi” ed immaginare che la politica – questa politica – possa risolvere entrambe con i soliti artifici di vertice, è pura illusione e – giorno per giorno – fa peggiorare la contabilità del naufragio e rischia di renderlo irreversibile.  Pretendere poi che l’appartenenza al G8 – o il ruolo italiano nella UE – siano scialuppe sufficienti per un salvataggio in extremis costituisce l’ultima illusione.   L’orchestra suona, ma il Titanic affonda.

Il capofila è naturalmente il Caimano che alterna (nello stupore internazionale) mattane simili all’Hitler dell’assedio finale al bunker di Berlino alla nevrotica ripetizione dei trucchi utilizzati  nel ventennio da lui contrassegnato.  E – perfino ora – c’è chi lo ascolta o farnetica di “aiutare la destra” a trovare la dimensione del Partito popolare europeo.  Sic.

Nessuno (o quasi) si pone il problema di riportare le decisioni al popolo italiano, che – anzi viene tenuto accuratamente all’oscuro come un “terzo incomodo” da tacitare alla meno peggio e, comunque, da escludere da ogni futura “soluzione”.   La questione della legge elettorale è emblematica: la semplice proposta di alcuni mesi fa del radicale (e PD) Giachetti di cancellare il “Porcellum” e, dunque, di ritornare automaticamente (in attesa di tempi migliori…) al precedente – e decente in termini di rappresentatività – “Mattarellum” è stata cassata proprio dal PD: dai Bersani, dalle Finocchiaro e fantasmi associati.   La proposta – che avrebbe salvato il salvabile – era infatti “divisiva” rispetto all’amato PdL.  Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti, zero riforma ed annuncio di maggiori inciuci.

Va notato che i “grillini” furono l’unico grande Partito a votare in favore della proposta Giachetti.     Ed ora che – ovviamente Grillo non si fida più e tenterebbe il “tutto per tutto” – lo si accusa di essere lui il sostenitore del “porcellum”.  E, con l’occasione, si colpevolizza anche il Giachetti medesimo.  Davvero l’impudenza stalinista di certi personaggi del PD è pari soltanto alla loro libidine autoritaria (per non parlare dei casi di “affarismo” che scoppiano a ripetizione) che copre un incoercibile complesso di inferiorità piccolo-borghese.

Con premesse siffatte il dibattito/scontro di domani in Parlamento si annuncia come la premessa delle nuove “vergogne” che avevamo annunciato dopo la prima mossa del Caimano/biscazziere (dimissioni dei parlamentari/cavalli senatorii di Caligola): si prepara infatti una mega-scialuppa (non per il Paese!) bensì per quella parte dell’“Armata Brancaleone” del PdL che rifiuterà la capsula di cianuro (come i gerarchi nazisti) e preferirà il traghettamento sul bastimento PD.   L’accoglienza sarà pronta e festosa con l’assistenza del sempreverde Casini, della mutria di Monti, la levità di Montezemolo.

In fondo – a meno di altri colpi di teatro di Berlusconi – il compito del giovane Letta si annuncia facile.  E in ogni caso il suo “tutore” gli ha già assicurato la sufficienza piena.

Purtroppo la Commissione “esterna” (l’economia, l’occupazione, la decrepitezza nazionale, il malumore dell’assenza di prospettive e dell’affollarsi di bugie e mezze verità) non sarà altrettanto benevola.   Ma il vero punto dolente dell’Italia sta proprio qui: tra chi vuole semplicemente (?!) tornare ad un’inesistente “età dell’oro” della Patria e chi vuole – o necessita – un radicale rinnovamento.   Per questo, non Letta e nessun “compare” della nomenklatura offre alcuna prospettiva.

Grande è disordine sotto il cielo, la situazione non è eccellente.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto