Flash

20/09/2013

Flash

papa-francesco_h_partb

Rieccolo.  Ma non il mini-incubo nazionale SB, imbozzolatosi nel mausoleo autocelebrativo  al centro di Roma della nuova sede della “nuova” Forza Italia (nel palazzo già ufficio di Giulio Andreotti che da lì, una volta terminato il rito della rasatura con il proprio anziano barbiere, emanava i rescritti a favore dei suoi elettori, ciociari e non), bensì il solito Papa Francesco.

E la sua sortita – sotto forma di intervista al periodico dei Gesuiti “Civiltà Cattolica” – approfondisce – più che consolidare – un messaggio ormai incontrovertibile di apertura e rinnovamento.   Basta con gli editti sui preservativi, l’anatema ai divorziati,  il bando (solo pro-forma…) degli omosessuali.    La Chiesa di Bergoglio è un “ospedale da campo” (metafora sua) dove si pratica chirurgia d’urgenza e si salvano vite.   Spezzate prima, reiette poi.   L’imperativo è l’accoglienza, non il bando.   In questa scelta per il “nocciolo duro” della carità messa al centro dell’azione pastorale si potrebbe infine immaginare la transizione ad una chiesa che non rifiuti sepoltura in terra consacrata ai suicidi.  Oppure che istruiscano i parroci a pretendere meno gabelle per il solo fatto di celebrare un funerale “extra-moenia”.  Oppure che “Don Bancomat” (vedasi cronache di qualche mese fa) venga cristianamente preso “a calci in culo”.  Ed infine che si metta la mordacchia ai persecutori (cristiani) della Englaro (che – a detta di Berlusconi – poteva ancora “figliare”).    Detto tra parentesi e senza peli sulla lingua, esattamente come lui poteva “amare” tutte le “bambine!” delle cene eleganti, nel numero – minimo e dichiarato – di otto (8).     Suscitando ovviamente la rinnovata ammirazione dei suoi seguaci maschi.   Spazzatura che proprio oggi il suo ex maggiordomo (in memoria dei “servi” irriverenti di Jonathan Swift) rinverdisce con il divertente ricordo dello svuotamento delle regali tasche dalle dozzine di biglietti con numeri di telefono delle “volontarie” per il “frago” (come disse la moglie Veronica nella sua pubblica accusa).

Ma torniamo a Francesco e rimettiamo il “mini-incubo” tra le parentesi che merita.    Il fatto è che le confessioni al giornale di famiglia (Gesuita) sono ancora una volta prova che la “missione in corso” ha un alto grado di autenticità (e perciò piace anche ai più scettici): a Bergoglio piace Manzoni (ok: a noi non piaceva perché i tempi promettevano – invano – di meglio e, naturalmente, perché imposto e mal spiegato), e Fellini e soprattutto il capolavoro “La Strada” strapieno di umanità.  Sente Mozart (sarà Massone? O ama il sublime?) e via così. Ma soprattutto mette i piedi al posto dei piedi e la testa al posto della testa: così la Curia romana diventa – correttamente – una “struttura di servizio” e non il centro del potere.

In verità l’intervista (più estesa e meditata) raccoglie e struttura le singole precedenti sortite; ad esempio quella contro le “lobby” (queste e non il singolo omosessuale – o massone – sono i nemici).   Poi spiega come il “decisionismo” (di cui si dichiara colpevole in gioventù) è antitetico ai buoni risultati della ponderazione e dell’ascolto.    E aggiunga chi vuole un raffronto con la realtà italiana d’oggi.

Breve, ancora una volta questo Papa – che fa il Papa – si colloca al cento della scena ed offre continui spunti di “buona volontà”: e lo fa meglio per queste vie laterali, rispetto a quando si lascia benevolmente “coinvolgere” in dialoghi “alti” ed elitari sul “cammino comune” tra verità rivelata (come si dice…) e senili ansie di morale laica ed illuminista.  Peraltro esibite, più che vissute.

Infine, speriamo continui perché ce ne è molto bisogno.  Soprattutto (ma non solo) dalle parti della sua nuova casa al “centro del mondo”.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto