Flash

17/09/2013

Flash

8076506321_c7beb54e57

Mentre l’Italia attende con spasmodica ansia il videomessaggio con cui Berlusconi annuncerà la resurrezione di “Forza Italia” (= Forza lupi, so’ finiti i tempi cupi…) che – ancora una volta – salverà l’Italia sia dalla crisi (che intanto peggiora, non migliora…), sia dal “comunismo”, le cronache (Franca Selvatici su “Repubblica”) narrano con quale tempra gli “antagonisti” del Cavaliere  vadano attrezzandosi da tempo per il “rinascimento” nazionale.

“Eravamo a cena da Vissani e c’era Moretti Presidente delle Ferrovie che diceva che con D’Alema aveva parlato bene di me così chiederò a Massimo di darci una mano per quell’appalto in Brasile…” e intanto “L’onta è stata lavata, l’Umbria rossa ha saputo reagire” e poi “bastardo coglione”, ma chi? Il funzionario che avrebbe potuto bloccare il mega-tunnel ferroviario  della TAV sotto Firenze.      C’erano le crepe sotto la scuola: bastava “stuccarle” e via in un profluvio di prevedibili citazioni ed inclusioni (come la ben nota Senatrice Finocchiaro, “Pasionaria” di sé stessa, quella dei pacchi IKEA portati dalla “scorta” e del marito sotto inchiesta giudiziaria).    E chi era a parlare, e quando?  Semplice Maria Rita Lorenzetti, già Presidente della Regione Umbria ora ai confortevoli arresti domiciliari in una delle sue magioni.   La data della chiacchiera era meno di un anno fa, dicembre 2012.

Si tratta di uno spezzone di cronaca che illustra – meglio di ogni dotta analisi – perché sia così difficile immaginare il “post-berlusconismo”, anzi qualunque “post” in una Repubblica in cui al termine di una “onorata” carriera il “professorino” adottato da Craxi per i servizi, ovvero Giuliano Amato, assurge alla Corte Costituzionale, magari con l’intesa di assumerne la presidenza. Altro che classe dirigente, qui siamo al Verga (scrittore del realismo fine Ottocento) della “roba”.  Peccato che sia “roba” nostra che con un tocco diventa tutta “loro”.

Ma nell’ultimo episodiuccio (Vissani incluso, quello che D’Alema chiamava “maestro” e pontificava a lauto pagamento da tv e stampa amica, mentre il “New York Times” ne “denunciava” il pollo bruciacchiato e “not juicy”… cioè rinsecchito) c’è molto di più che nell’imminente messaggio del Montecristo d’Italia: le TAV dell’alta velocità (predatoria), l’irrefrenabile avidità piccolo-borghese in una società “sfarinata”, inetta, autoreferente.

Davvero la celebrazione del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia costituisce – secondo noi – la più opinabile scelta di un Presidente che avrebbe potuto marcare una differenza epocale e – chissà perché – non pare essersi discostato granchè dalla difesa dell’esistente e spesso conferendogli una legittimità che non solo non aveva ma – anzi – la cui evidente assenza costituisce il vero problema nazionale.

La diluizione ad oltranza dei nodi irrisolti (con il pretesto dell’emergenza) nascerà pure dall’attaccamento alle Istituzioni ed anche dal senso dello Stato…   Sì, ma quale Stato?    Quello della Signora Lorenzetti (e delle migliaia di Lorenzetti d’Italia) e quello dell’altra TAV in Val di Susa scaturita da impegni internazionali, ovvero quello che rimane inadempiente e si crogiola in fondo agli indici internazionali o – peggio – convive con le  carceri (e sistema giudiziario…) peggiori d’Europa?    Eredi di Beccaria o degli “eroi” della Diaz?

Prima o poi toccherà scegliere.

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto