Flash

17/09/2013

Flash

8076506321_c7beb54e57

Mentre l’Italia attende con spasmodica ansia il videomessaggio con cui Berlusconi annuncerà la resurrezione di “Forza Italia” (= Forza lupi, so’ finiti i tempi cupi…) che – ancora una volta – salverà l’Italia sia dalla crisi (che intanto peggiora, non migliora…), sia dal “comunismo”, le cronache (Franca Selvatici su “Repubblica”) narrano con quale tempra gli “antagonisti” del Cavaliere  vadano attrezzandosi da tempo per il “rinascimento” nazionale.

“Eravamo a cena da Vissani e c’era Moretti Presidente delle Ferrovie che diceva che con D’Alema aveva parlato bene di me così chiederò a Massimo di darci una mano per quell’appalto in Brasile…” e intanto “L’onta è stata lavata, l’Umbria rossa ha saputo reagire” e poi “bastardo coglione”, ma chi? Il funzionario che avrebbe potuto bloccare il mega-tunnel ferroviario  della TAV sotto Firenze.      C’erano le crepe sotto la scuola: bastava “stuccarle” e via in un profluvio di prevedibili citazioni ed inclusioni (come la ben nota Senatrice Finocchiaro, “Pasionaria” di sé stessa, quella dei pacchi IKEA portati dalla “scorta” e del marito sotto inchiesta giudiziaria).    E chi era a parlare, e quando?  Semplice Maria Rita Lorenzetti, già Presidente della Regione Umbria ora ai confortevoli arresti domiciliari in una delle sue magioni.   La data della chiacchiera era meno di un anno fa, dicembre 2012.

Si tratta di uno spezzone di cronaca che illustra – meglio di ogni dotta analisi – perché sia così difficile immaginare il “post-berlusconismo”, anzi qualunque “post” in una Repubblica in cui al termine di una “onorata” carriera il “professorino” adottato da Craxi per i servizi, ovvero Giuliano Amato, assurge alla Corte Costituzionale, magari con l’intesa di assumerne la presidenza. Altro che classe dirigente, qui siamo al Verga (scrittore del realismo fine Ottocento) della “roba”.  Peccato che sia “roba” nostra che con un tocco diventa tutta “loro”.

Ma nell’ultimo episodiuccio (Vissani incluso, quello che D’Alema chiamava “maestro” e pontificava a lauto pagamento da tv e stampa amica, mentre il “New York Times” ne “denunciava” il pollo bruciacchiato e “not juicy”… cioè rinsecchito) c’è molto di più che nell’imminente messaggio del Montecristo d’Italia: le TAV dell’alta velocità (predatoria), l’irrefrenabile avidità piccolo-borghese in una società “sfarinata”, inetta, autoreferente.

Davvero la celebrazione del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia costituisce – secondo noi – la più opinabile scelta di un Presidente che avrebbe potuto marcare una differenza epocale e – chissà perché – non pare essersi discostato granchè dalla difesa dell’esistente e spesso conferendogli una legittimità che non solo non aveva ma – anzi – la cui evidente assenza costituisce il vero problema nazionale.

La diluizione ad oltranza dei nodi irrisolti (con il pretesto dell’emergenza) nascerà pure dall’attaccamento alle Istituzioni ed anche dal senso dello Stato…   Sì, ma quale Stato?    Quello della Signora Lorenzetti (e delle migliaia di Lorenzetti d’Italia) e quello dell’altra TAV in Val di Susa scaturita da impegni internazionali, ovvero quello che rimane inadempiente e si crogiola in fondo agli indici internazionali o – peggio – convive con le  carceri (e sistema giudiziario…) peggiori d’Europa?    Eredi di Beccaria o degli “eroi” della Diaz?

Prima o poi toccherà scegliere.

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto