Flash

16/11/2012

Flash

In significativa concomitanza con la violenta repressione a Roma esercitata alla manifestazione per la “Giornata Europea d’azione e solidarietà” indetta dai Sindacati europei, una “repressione a freddo” il cui scopo era evidentemente ammonitorio secondo i precetti a suo tempo dettati da un antico Ministro degli Interni (Il poi Capo dello Stato Cossiga) – precetti che devono essere ben presenti all’attuale Signora Ministro degli Interni e già per quasi un cinquantennio prefetto.   Ebbene mentre tutto ciò accadeva, si teneva in Campidoglio una cena di gala siglata Telecom, ma in sostanza riservata ai Membri del Club Bilderberg.    Ovvero di coloro che a suo tempo vennero definiti i “padroni del mondo”.

Dunque l’area governativa ed ufficiale della Capitale viene violentemente interdetta a studenti e manifestanti, ma si schiude nella magia capitolina ad un ristretto numero di partecipanti per un padrone di casa che più che Telecom era targato Palazzo Chigi.      Valga la testimonianza resa incautamente in televisione da una elegante e giuliva Ministro Fornero che dichiarava recarsi a cena su invito del Premier Monti.       Fin qui l’incrociarsi di cronaca mondana e cronaca poliziesca.

D’altro canto non propriamente di coincidenza si tratta.    Infatti il Club Bilderberg (dal nome dell’hotel di lusso in Olanda in cui si tenne nel 1954 il primo incontro) sorto in piena Guerra fredda su iniziativa del Principe Bernardo di Lippe consorte della Regina per “rinsaldare i legami tra Europa e Stati Uniti” o meglio con gli ambienti più conservatori d’Oltreoceano, prescindendo di fatto dalle rappresentanze democraticamente elette. E pertanto ha annoverato nel suo Gotha Capi della Cia, di multinazionali e compagnia cantante. Tutta marcata sul potere dei “pochi”.    Infatti, nonostante la riservatezza delle conversazioni, ne è noto l’orientamento conservatore, come pure va ricordato un altro “Club” nato nel medesimo ambiente – il Club di Roma – che già nel lontano 1972 teorizzava con un suo “Rapporto”, “I limiti dello sviluppo”, mirato a cristallizzare gli assetti e i rapporti globali di forza: dunque bloccare (con il pretesto della limitatezza delle risorse) ogni redistribuzione interna e planetaria.

E allora sorprende che un Premier così “tecnico” e così dichiaratamente (praticamente non si sa…) impegnato per la crescita, si “attovagli” (come si dice nell’Urbe) in questa compagnia certamente non proiettata verso il futuro.   Soprattutto quello dei “molti”.

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto