Flash

16/11/2012

Flash

In significativa concomitanza con la violenta repressione a Roma esercitata alla manifestazione per la “Giornata Europea d’azione e solidarietà” indetta dai Sindacati europei, una “repressione a freddo” il cui scopo era evidentemente ammonitorio secondo i precetti a suo tempo dettati da un antico Ministro degli Interni (Il poi Capo dello Stato Cossiga) – precetti che devono essere ben presenti all’attuale Signora Ministro degli Interni e già per quasi un cinquantennio prefetto.   Ebbene mentre tutto ciò accadeva, si teneva in Campidoglio una cena di gala siglata Telecom, ma in sostanza riservata ai Membri del Club Bilderberg.    Ovvero di coloro che a suo tempo vennero definiti i “padroni del mondo”.

Dunque l’area governativa ed ufficiale della Capitale viene violentemente interdetta a studenti e manifestanti, ma si schiude nella magia capitolina ad un ristretto numero di partecipanti per un padrone di casa che più che Telecom era targato Palazzo Chigi.      Valga la testimonianza resa incautamente in televisione da una elegante e giuliva Ministro Fornero che dichiarava recarsi a cena su invito del Premier Monti.       Fin qui l’incrociarsi di cronaca mondana e cronaca poliziesca.

D’altro canto non propriamente di coincidenza si tratta.    Infatti il Club Bilderberg (dal nome dell’hotel di lusso in Olanda in cui si tenne nel 1954 il primo incontro) sorto in piena Guerra fredda su iniziativa del Principe Bernardo di Lippe consorte della Regina per “rinsaldare i legami tra Europa e Stati Uniti” o meglio con gli ambienti più conservatori d’Oltreoceano, prescindendo di fatto dalle rappresentanze democraticamente elette. E pertanto ha annoverato nel suo Gotha Capi della Cia, di multinazionali e compagnia cantante. Tutta marcata sul potere dei “pochi”.    Infatti, nonostante la riservatezza delle conversazioni, ne è noto l’orientamento conservatore, come pure va ricordato un altro “Club” nato nel medesimo ambiente – il Club di Roma – che già nel lontano 1972 teorizzava con un suo “Rapporto”, “I limiti dello sviluppo”, mirato a cristallizzare gli assetti e i rapporti globali di forza: dunque bloccare (con il pretesto della limitatezza delle risorse) ogni redistribuzione interna e planetaria.

E allora sorprende che un Premier così “tecnico” e così dichiaratamente (praticamente non si sa…) impegnato per la crescita, si “attovagli” (come si dice nell’Urbe) in questa compagnia certamente non proiettata verso il futuro.   Soprattutto quello dei “molti”.

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto