Flash

13/09/2013

Flash

Game-over

“Game Over”, così Matteo Renzi con il suo ben noto talento semplificatorio e la consueta “ribalderia” giovanilistica (nel suo caso giovanile “tout court”…) ha descritto l’attuale fase della saga berlusconiana.  “Game Over”: la partita è chiusa.     Il flipper ti dice che o metti altri soldi o te ne vai a casa: finite le palle da giocare o troppi calci ad una macchina recalcitrante.

La situazione è esattamente questa, nonostante Quirinale e PD (forse un po’ ammaestrati dai contraccolpi pluridecennali del “caso Craxi”) appaiano più che pronti a concedere un “onore delle armi” che assimila il pregiudicato Berlusconi al Duca d’Aosta davanti alle truppe inglesi sull’Amba Alagi: perdere, ma con onore.  Boh?  Intanto il voto della Giunta decisivo dovrebbe essere mercoledì prossimo con riunione al calar della notte (20 e 30).

Poiché l’unico complimento che si possa fare all’ex Premier e che non trattasi di “fesso”, e nonostante il probabile dispiacere di molti – a partire dai media – l’esito più logico sarebbe quello di “nobili” dimissioni che taglino la testa al toro, salvino il “malloppo” e consentano una nobile rinuncia “per il bene del Paese”  con tutti i futuri spazi (anche quelli aziendali) ancora aperti.

Ed infatti l’ottimo D’Alema ha chiosato con leggerezza che il Governo Letta “non cadrà, a meno che Berlusconi non ammattisca”…   Non solo, ma l’attesa convocazione di Obama a Washington per il 16 ottobre del “giovane Letta” fornisce un’ovvia contro-assicurazione.  Che, tra l’altro, va esattamente nella (ovvia) direzione di separare i destini personali di Berlusconi da quelli del Governo.     Again, di nuovo: “Game over”.

Sviluppi che hanno galvanizzato il periclitante establishment del PD, sedandone un po’ le ansie ed i fremiti per l’unica battaglia che veramente gli interessa: quella della successione interna… e della spartizione di potere.  Nel frattempo si continua alacremente a produrre scelte e decisioni che frustrano ed irritano il Paese (quella minoranza che “segue” e capisce) proprio quando i “tamburi di ripresa” affievoliscono di giorno in giorno: si stoppano le decisioni sul finanziamento ai partiti, si mettono in castigo i deputati grillini “rei” di movimentismo pro-Costituzione, si nomina l’impopolare Giuliano Amato alla Corte Costituzionale.   “Business as Usual” (affari di routine…).

Davvero Berlusconi potrebbe fare un ultimo “score” d’opinione andandosene sulle sue gambe…   E lasciando il duo Santanche Sallusti alle loro sinistre malinconie.   Quanto agli altri centurioni PdL, non si preoccupino: il PD ha aperto un apposito Ufficio amnistia/riciclo.

Mica siamo come i Tedeschi che non ne lasciarono uno della DDR all’indomani della caduta del Muro e come premessa di una riunificazione che funzionasse.  In Italia vale la sempiterna legge dei Gattopardi, eccetera eccetera.      Auguri.

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto