Flash

10/09/2013

Flash

f490_tapirulan_gallery_17_454cut

“Camera a gas”, “Plotone di esecuzione” o più romanticamente azione dei “sans culottes” dell’odiata rivoluzione francese ed in accordo con la tradizione del neo-fascismo romano e con le “corde” culturali dell’esperto in draghi ed esoterismo Andrea Augello, il cosiddetto “relatore” al Senato  sul caso della decadenza del Sen Berlusconi: questo il clima con cui il PDL ha aperto il dibattito sull’applicazione della Legge Severino al “Capo”.       Il tutto è proseguito sui media con un tanto ostinato, quanto ridicolo, tam-tam sulla “vittima sacrificale”.

L’apice di questo ridicolo spetta alla Signora Santanchè (quella che qualche tempo addietro vantava gloriosamente i rubinetti d’oro della propria magione, da tempo vestale totale di Berlusconi (“mi ama perché non gliela ho data….”) ed autoproclamatasi leader dei falchi del partito: questa è andata ripetendo istericamente che la sentenza della Cassazione (e degli altri due livelli di giudizio…) è persecutoria in quanto Berlusconi nel periodo considerato aveva “versato dieci miliardi al fisco” e, dunque, non certamente evaso qualche milione.

Siffatta pazzesca motivazione non veniva – purtroppo – rintuzzata con un paio di “truismi” chiari a tutti ma non ai “fedeli”: i dieci miliardi non sono un “regalo” al fisco.   Bensì una quota – carente e parziale – del dovuto.  Strano che non lo capiscano le migliaia di italiani perseguitati dall’Agenzia delle Entrate e dalla Gerit per pochi spiccioli (o rate di mutuo) ritardate per impossibilità o altre decorose ragioni inclusa la “rapinosità” di un sistema ferreo ed esoso con i “pezzenti” (cioè la grande maggioranza degli Italiani) e pieno di “buchi” per piccoli e grandi “Cresi”.

Ma tant’è: se il clima di fondo è quello vaticinato già molto tempo addietro nel suo “Il Caimano” da Nanni Moretti con le fiamme su tutto appiccate dal caimano nel momento della sua uscita di scena dopo aver fatto strame di un intero Paese (e dei suoi abitanti), sono i dettagli ad impressionare: un “relatore” che si presenta alla Giunta non già con una relazione, bensì con le cervellotiche istanze della “difesa” ad una panoplia di organismi sovranazionali che nulla hanno a che vedere con il banale caso sintetizzabile con l’adagio popolare “tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino”.     Altro che persecuzione.

Così vengono “ripescate” le già odiate istituzioni Europee (UE e perfino il relitto storico del Consiglio d’Europa) invocati sia nella difesa del “reo”, che nella tentata cancellazione dell’assai moderata Legge Severino che tentava di portare il tasso di delinquenza tra i parlamentari almeno al livello della generalità della popolazione…

Questioni che dovrebbero ben conoscere coloro che – aspirando non già ad una carica elettiva, bensì ad un modesto impiego di spazzino – sono stati sottoposti a capillari controlli di polizia e carabinieri…   Ciò non bastasse, ben 37 eletti sono già stati dichiarati decaduti a norma della Legge oggi divenuta presuntamente “incostituzionale”.

In verità questo “ritorno all’Europa” non solo è in contrasto con l’ “animus” del Cavaliere che al proprio esordio dalla tribuna di Strasburgo definì “kapò cinematografico” l’attuale Presidente del Parlamento Schultz…, ma anche con un radicato provincialismo ed incapacità nazionale di rapportarsi con un’integrazione europa (e globale) che non può continuare ad essere fatta sulla base della supremazia del nostro modello di “cappuccino e cornetto”, o – peggio – di “non sono io ad essere razzista, è lui o lei che è “negra”… Ed ora questi disprezzati rappresentanti delle Istituzioni europee dovrebbero salvarlo o sul piano personale (ciò che sarebbe spettato al povero Cucchi), o su quello giuridico cassando la Legge Severino (e non già quel “Porcellum” che viola tutti i principi di rappresentanza democratica che – giustamente – l’UE reclama dai Paesi extracomunitari come pre-condizione di cooperazione.

In breve.  La deriva italiana (non del solo Berlusconi) non solo dall’Europa e non solo dai principi illuministi – democratici e/o liberali – ma dalla realtà ha raggiunto un livello degno della più grossolana ed estrema “fiction”.    Dunque, altro che sconfitta: siamo al trionfo finale.   Che tutti pagheremo.  Senza canone, vivaddio.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto