Flash

05/09/2013

Flash

armageddon

Ora che il Papa si è messo a fare il Papa, è difficile provare nostalgia per il suo immediato predecessore che – di fatto- chiuse il proprio pontificato annunciandoci che (forse) la presenza del bue e dell’asinello intorno alla culla di fortuna di Betlemme era infondata.

L’impatto del lucido appello di Papa Francesco contro l’intervento militare in Siria in nome di principi umanitari pure condivisi dalla comunità internazionale sarà misurabile nei prossimi giorni e, ancor più, nelle prossime settimane, ma – di fatto – già segna una decisa inversione di tendenza rispetto all’epoca in cui le ingerenze vaticane nella politica (soprattutto italiana) si misuravano a colpi di esenzioni dall’ICI, di copertura dello scandalo dei preti pedofili, di allettamenti (in senso proprio) dei corruttori pubblici nazionali con nerboruti coristi e – ciliegina finale – di “ritorno ai sacramenti” – di quel certificato peccatore di Silvio Berlusconi.

Del resto non riguarda noi l’interrogativo sul carattere “strumentale” delle nuove posizioni vaticane, ma riguarda noi l’aria fresca che spira dal Colonnato di San Pietro.    E la veglia del prossimo sabato (non solo della Chiesa romana ma di fatto aperta agli “uomini di buona volontà”, categoria negletta e ridicolizzata nell’ultimo ventennio…) apre la strada ad una riflessione collettiva che gli Stati nazionali (e tanto più quelli “imperiali” e a vocazione globalista )  non hanno alcuna intenzione di compiere.

Facile dunque consentire ancora una volta con Papa Bergoglio e constatare – per quanto attiene l’Italia – come la grigia e puteolente palude nazionale contrasti con quell’“aria fresca” che riporta gli umani (e non lo “sterco del demonio”) al centro degli eventi.    E’ facile anche constatare l’insanabile contraddizione con il dibattito in corso sul “destino” (politico ma anche personale) dell’ultimo “mohicano” di una fase che – ancorchè non formalmente chiusa – viene spinta di giorno in giorno ai margini, per essere poi relegata in una epoca “orribile” della vita nazionale.

Il punto giuridico è cristallino: decada il Senatore dal laticlavio e – se vuole – continui pure a fare “politica” con gli immensi mezzi (distorsivi di ogni decente democrazia) di cui dispone.  Lo seguano – se vogliono – i suoi ascari e dipendenti con il volenteroso supporto di squallidi personaggi dell’“altra parte” che mai hanno tuonato contro l’indecente stato della “giustizia” italiana, da tempo ridotta ad una “discarica umana” di cui le grandi pagine di Michel Foucault sulle istituzioni concentrazionarie dello Stato moderno rendono – al paragone – solo pallide analogie.    Ed una spiegazione di fondo.

Quanto al “nostro” (e adesso “pover’uomo”?) si è dimenticato tutto della sua storia e di quella nostra collettiva in un disgraziato ventennio “perduto”: entrato in politica dopo aver tentato di costruire un “ersatz” del suo protettore politico Craxi (statista divorato dall’egotismo ed infine dalle “termiti” comuniste) nel fragile Mariotto Segni e poi decisosi a “giocare in proprio” a colpi di “cazzate! (“L’Italia è il Paese che amo”) proprio quando la sua posizione debitoria stava condannando le aziende costruite non si sa a partire da che.    Poi una strada in discesa, senza antagonisti ma soltanto complici o avversari di comodo: tutte le leggi (i “lodi” Schifani, Alfano) tutti i provvedimenti a favore del suo arricchimento personale.   Suoi i capricci regali: se non un cavallo come Caligola, nomine pubbiche per le sue favorite, per i suoi legulei eccetera eccetera.  Al popolo – oggetto del suo “amore” – “soma” televisivo, e calcio, molto calcio: in sostanza un replay miserabile e di “provincia” del “e la barca va” teorizzato da Craxi.

Questo è il “cittadino” di cui oggi si reclama una “protezione” speciale.  Diritti per un pluricondannato nel Paese che incarcerò senza motivo alcuno un uomo solo colpevole della propria notorietà quale Enzo Tortora e le decine di Dreyfuss e poveri Cristi stritolati da un sistema a cui – per primi – dovrebbero ribellarsi i magistrati stessi.     E, naturalmente senza contare la ridicola, penosa, immagine dell’Italia in campo internazionale tra corna, scherzi da osteria, baldorie e bagordi che incarnavano i sogni del peggio nazionale.

Ebbene mentre tutto ciò precipiterà la prossima settimana in un asettico e tecnico dibattito, il Paese resta fuori dalla ripresa, non inizia la convalescenza e neppure la presa d’atto della realtà (ci vorranno decenni) e continuano – al di là del forbito trionfalismo democristiano di Letta il giovane– i segnali dispersivi e di assenza di un consenso ed una direzione nazionale.   La partenza per le coste libanesi di una nave da guerra italiana (l’“Andrea Doria”) non è un fatto “tecnico”, bensì una decisione politica e – come tale – avrebbe dovuto essere discussa in Parlamento ed approvata dall’opinione pubblica.   Non è stato così: gli Stati maggiori – né più né meno di chiunque detenga in Italia un qualche potere – decidono da sé.

Lo ha insegnato l’”unto del Signore” nell’incredibilmente lungo periodo (a paragone di Napoleone, Mussolini, e così via) del suo incontrastato regno.    Forse solo il sanguinario Mugabe in Zimbabwe batte il nostro in durata: ne godano i suoi supporter e gli Italiani tutti.

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto