Flash

29/07/2013

Flash

papa_bergoglio_copacabanacut

Non restate al balcone della storia.  Abbiate il coraggio di andare controcorrente. Siate allegri, demolite il male e la violenza e avanti così in un appello che più “sovversivo” non si può: Papa Francesco non ha avuto paura di lanciare un messaggio che oggettivamente rappresenta una lettura “rovesciata” di quel Discorso della montagna (“delle Beatitudini”, beati i poveri, beati i miti, beati gli afflitti) che Mark Twain – proprio lui… – aveva definito con ironico disprezzo l’elogio dello status quo, della remissività universale come fondamento del cattolicesimo.

Papa Bergoglio dice esattamente il contrario e affida il messaggio innovativo, partecipativo e perfino rivoluzionario ai credenti e a quelli che “potrebbero” credere e lo fa proprio da quell’America Latina che vide gli esperimenti storici dei Gesuiti ed in generale la più storicamente controversa missione evangelizzatrice.    Francesco lo fa – ed è il primo dei suoi “segreti” mediatici – con un approccio che non sarebbe dispiaciuto a Mark Twain: memorabile il suo appello di qualche settimana fa a preti e monache perché non siano “zitelli” e “zitelle”.   Cioè acidi ed egoisti.    A Rio ha fatto di più, molto di più: ha sistematizzato l’appello ai credenti, e soprattutto a milioni di giovani affinchè rispondano all’appello della Chiesa (della Chiesa, non lo si dimentichi) per sradicare male e violenza, per distruggere ed abbattere le barriere dell’egoismo, dell’intolleranza e dell’odio… per edificare un mondo nuovo.

Ed ecco il punto chiedere, reclamare la partecipazione per cambiare lo status quo.   Uno status quo che (ma Bergoglio lo dice solo indirettamente) separa i molti dai pochi e solo di questi si cura.   E, naturalmente, sorge un doppio quesito: perché la Chiesa romana ha ribaltato l’impostazione (di Papa Ratzinger, ma massimamente del pur carismatico Woytila) conservatrice ed è entrata nel vivo del problema dei problemi di questa fase storica, ovvero la rinuncia al futuro fatta di rassegnazione e subalternità culturale a tutti i miti asociali dell’epoca nostra?     Una Chiesa che – viceversa – Francesco schiera esplicitamente sul lato del cambiamento, pur astenendosi prudentemente da ogni azzardo dottrinale.   E di qui il reiterato appello alle giovani generazioni.  Perché tutto ciò avviene?

Certo c’era la più drammatica crisi di credibilità del Vaticano, travagliato non solo da scandali sessuali ed etici ma – perfino – da congiure medievali.  Ed è tanto difficile sortirne che perfino Bergoglio era stato indotto a nominare allo IOR un ambiguo e chiacchieratissimo prelato.  Facile dunque lanciare appelli rivolti all’ “orbe”, meno riportare sulla retta via l’“urbe”.   E, d’altro canto il risveglio morale all’esterno del chiuso mondo romano difficilmente potrà essere completamente “sterilizzato” all’interno delle Mura Leonine.

Per converso, come nel mondo (con il ritmo accelerato impresso da Bergoglio) potrà essere fermata questa – del tutto nuova – “rivincita morale dei “buoni” sui “cattivi”?   Soprattutto se i giovani – anche in Italia – uscissero da una abulia senza precedenti nella storia dell’avvicendarsi generazionale?    Il segreto di questa situazione del tutto nuova è forse nascosto nella valigetta a mano di Jorge Mario Bergoglio…

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto

Flash | “TUTTI GIU’ PER TERRA”

19/04/2017

Le ultime notizie danno l’”Armada” statunitense già diretta verso la Corea del Nord ed il suo improbabile dittatore come in piena retromarcia rispetto all’itinerario nel Pacifico verso il Mar Cinese settentrionale.  Allo stato possiamo solo pensare che la “Navy” (a differenza delle allegre ...
Leggi tutto