Flash

24/07/2013

Flash

statue de jeanne d'arc

Se mai sia stata una Giovanna d’Arco, che avrebbe immolato la propria “esistenza” sull’altare dei diritti umani e delle minoranze perseguitate e/o escluse, solo il ricordo dell’antico impegno (pure sommessamente rievocato oggi in Parlamento) ne sopravviveva nella ragionieristica esposizione resa alle Commissioni Esteri e Diritti umani sul ruolo (ex ante ed ex post… ) avuto da lei medesima e dalla Farnesina nell’affare della “deportazione” della “puttana russa”, come sarebbe stata brutalmente appellata dai poliziotti prima del trasferimento nel famigerato centro di “identificazione” di Ponte Galeria, la moglie con figlioletta dell’oppositore kazako Ablyazov.

Ben poco dell’antica pugnacità si è vista nell’attuale Ministro degli Esteri, o – peggio – un allineamento alla linea governativa del “sepolcro imbiancato”, in attesa che la frase da lei pronunciata “la vicenda non finisce qui” si trasformi in fatti concreti.    Già, ma una volta protetta sé stessa e la “casa” (la diplomazia italiana) affidatale nel “Governo del fare” (ancora….), Emma Bonino non ha neppure sfiorato i temi di fondo posti dall’”affaire”: in un muro immaginario protettivo costruito intorno all’Amministrazione degli Esteri non si è neppure accorta di avere sanzionato l’impotenza programmatica della nostra politica internazionale: la Farnesina non ha competenza per le espulsioni, non ha di fatto competenze sugli stranieri in Italia: in breve il suo ruolo – considerato che non viene neppure chiamata al telefono – sarebbe solo quello di fare da “foglia di fico” nazionale fuori dei patri confini.     Dentro c’è chi ci pensa: e già, ma chi ci pensa quando succedono casi – come quello attuale – ad alto impatto non solo sui “principi” o l’”immagine”, ma proprio sull’essenza stessa delle relazioni internazionali del Paese.

Ancora, sembra essere sfuggito alla Ministro Bonino il fatto di avere ereditato un’Amministrazione degli Esteri a cui da anni ed anni è stata tolta la propria funzione, magari per “surrogarla” nel migliore dei casi con gli “exploits” dell’Unità di crisi (tanto costosi quanto del tutto “neutri” sugli interessi complessivi nazionali) e, nel peggiore, con guasti auto-prodotti quale quello dei “marò”.     Messa a capo di questo guscio vuoto, Bonino non se ne è accorta o, peggio, fa finta di niente sperando che la sua “professionalità” e quel che resta della propria immagine possa fare il miracolo.  E al tempo stesso salvare il proprio ruolo governativo.

Evidentemente ci si aspettava l’opposto nel senso che oltre a valorizzare le disperse professionalità interne, ponesse con forza il tema  cruciale del coordinamento dell’insieme della politica internazionale dell’Italia ed anche della riconfigurazione di ruolo, immagine e strumenti pubblici.     Poteva fare (cominciare a fare) ciò che Ministri e vertici amministrativi hanno smontato in due decenni trasformando la Farnesina da struttura di servizio nazionale (come e forse più della Banca d’Italia) in struttura al servizio di… ?

D’altro canto se su tutto il caso Shalabaheva troneggia il silenzio dei servizi (da tempo – e certamente dalla crisi libica – assurti a Ministero degli Esteri-ombra) fino al punto che il loro coordinatore (“intelligence” interno ed esterno) è l’Ambasciatore Massolo già Segretario Generale degli Esteri nominato da D’Alema si è dichiarato ignaro dei fatti.  E, dunque, delle loro implicazioni.

Ma allora c’è da domandarsi se il sistema italiano di ruotare sempre gli stessi funzionari su tutte le cariche disponibili (nel pubblico e nel “partecipato”) garantisce, se non un coordinamento trasparente, almeno uno “personale”.   Nel caso kazako le cose sarebbero dovute andare al meglio proprio in ragione dell’attuale cumulo di competenze presenti e passate.     Viceversa è scattato un meccanismo (“inaudito” secondo Giorgio Napolitano) di “licenza di sbagliare”, o – peggio – di obbedire “ultra vires” ad un padrone straniero: in tutti i sensi.

Infine, un dubbio pare giustificato: che Giovanna D’Arco abbia paura?   O che sia andata – come spesso accade nel nostro disgraziato Paese – ben oltre le proprie competenza?  O, infine, la spiegazione peggiore di tutte: che il proprio contenuto dissenso condito di assenso “dovuto” e di promesse future (l’ex post della difesa oltrefrontiera della povera Shalabaheva), sia esattamente quello che da Bonino ci si possa aspettare.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto