Flash

23/07/2013

Flash

25lugl

Tra due giorni chi vuole potrà celebrare l’ottantesimo anniversario della caduta del fascismo: una caduta avvenuta sullo sfondo della guerra incautamente partecipata ed ovviamente perduta.   Una caduta decisa all’interno dello stesso movimento fascista alla ricerca di una qualche salvezza per alcuni dei protagonisti (ma non di Mussolini, passato da condottiero trionfante a capro espiatorio della tragedia nazionale.) Tra una settimana una sentenza confermatoria da parte della Cassazione della condanna in appello (per un’esportazione illegale di capitali che –ovviamente – è prassi per la generalità delle aziende) di Berlusconi.

Eventi (ciascuno a modo suo) epocali ed apparentemente separati da un oceano di cambiamenti.  In realtà legati da una coazione a ripetere, da un humus nazionale mai nitido, mai pienamente visibile, né tanto meno democraticamente controllabile, modernamente trasparente.   In verità, ogni volta che si appressa un cambiamento nella vita nazionale, si moltiplicano diversioni, distrazioni, “parlar d’altro”.  Ora perfino del tutto inventate “pacificazioni nazionali”.  Ma non per fare, per mascherare l’irrisolto marcio del Paese.

Il Gabinetto del “giovane” Letta, coadiuvato dal “giovane” democristiano Franceschini e dagli  (ugualmente giovani… come Guglielmo Epifani…) “ascari” del PD si inventa i decreti “del fare” e – come se ciò non bastasse – si impantana da solo sull’etica e la pretesa della politica di intervenirvi.  Per l’”etica” – nonostante siano passati diversi anni dal memorabile insano dibattito sulla fecondazione artificiale/assistita – oggi è il turno dell’omofobia.   Così, invece di regolare i diritti, si pretende di cambiare per legge i costumi.    Il tutto mentre ci si prepara all’esplosione estiva delle carceri: l’immondezzaio sociale dei nostri tempi in barba a Beccaria ed altre “baggianate” illuministe.

L’ “esemplare” condanna a 9 anni e 6 mesi di Ottaviano del Turco – già sindacalista e poi Presidente degli Abruzzi – ci impantana in un’estate che più torbida e velleitaria non si potrebbe.  E, purtroppo, sembra che gli oltre cinquant’anni trascorsi dalle “giornate del luglio 1960 di Genova e Reggio Emilia” – quando venne fermato da parte di grandi e partecipanti masse (non ancora sprezzantemente e concordemente definite “piazza”) il tentativo di bloccare definitivamente la giovane Repubblica  con il ritorno dei relitti fascisti nel reazionario Governo Tambroni – siano passati invano.  Siamo sempre lì e l’Italia è sempre più vecchia e stanca.  A meno di ritenere che belletti, lifting e trapianti possano continuare ad ingannare chi non ricorda più e chi non ha mai saputo.

Intanto il debito ha superato il 130% sul prodotto interno.    Intanto continuiamo a pagare alcune centinaia di migliaia di addetti alla nostra sicurezza e responsabili delle pubbliche istituzioni affinché ci offrano spettacoli come quello della “consegna degli ostaggi” al dittatore kazako.  Anzi, più che ostaggi, una “puttana russa” (e la sua piccola figlia) come avrebbe affermato uno dei pubblici “commando” nell’eroico blitz di Casal Palocco.   Altro che norme anti-omofobia, qui ci vorrebbe un lavacro di civiltà di base.   Basterebbe ed avanzerebbe.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto