Flash

17/07/2013

Flash

guillotinecut

E così, con l’invereconda lettura di un “mattinale” di Questura al Senato prima, e alla Camera poi, il Ministro Alfano (e con lui il Governo Letta, Ministra degli Esteri Bonino inclusa) conta di chiudere la vergognosa vicenda della deportazione “segreta” di una bambina di sei anni e della madre, entrambe “colpevoli” del rapporto di parentela con un oppositore politico del dittatore kazako Nazarbahev.

I dibattiti seguiti alla arrogante – e vuota – declamazione hanno avuto – come prevedibile – un doppio registro: l’opposizione (e con garbo surreale lo stesso PD) ha segnalato la ferita agli impegni in materia di diritti umani, la retrocessione del fatto a mero “incidente” burocratico, la perdita di sovranità insita nei comportamenti e nel “copione” suggerito dal potente Ambasciatore kazako; il Partito di Berlusconi  ha viceversa sostenuto con spavalda insolenza come il caso si chiude con qualche caduta sacrificale di teste al vertice del Ministero degli Interni.  Come prevedibile, il colmo del ridicolo è stato raggiunto dal capogruppo (e post fascista) Gasparri che – dopo aver lodato Alfano per la sua coraggiosa “riforma” (ma quale?), ha sostenuto che di espulsioni “ce ne vorrebbero di più”.        Davvero non male per un Paese la cui Costituzione (almeno fino a quando non verrà abrogata in omaggio alle “larghe intese”) si fonda su principi diametralmente opposti.

Ovviamente il “caso” non si chiude qui.  Neppure nell’ addormentata ed abulica Italia l’enormità di una vicenda che si vorrebbe declassare di fatto a “svista” di una burocrazia tanto sclerotica quanto prontamente e completamente disponibile (nel tempo record di 48 ore…) ai “desiderata” di un Ambasciatore di un Paese che – ricco o no – rimane “minore”.   Almeno rispetto alle presunzioni italiane.    Anzi il comportamento del diplomatico (di fatto l’unico artefice riconosciuto della deportazione considerata l’auto-assoluzione di Alfano e le responsabilità solo “oggettive” dei vertici di polizia) si configurerebbe come una violazione della prassi diplomatica: confermata tra l’altro con il rifiuto di aderire alla (tardivissima) convocazione della Bonino.     “Sono in ferie” avrebbe dichiarato il compiaciuto diplomatico factotum…

In ferie anche i servizi ed il coordinamento AISI, considerato il silenzio assordante fin qui tenuto… Non in ferie, ma in altre faccende affaccendata, Emma Bonino che di “diritti umani” si intende, ma solo a debita distanza dall’Italia.     Così, tagliata la testa del prefetto Procaccini già capo di Gabinetto dell’ineffabile Alfano, rimane aperto il problema di tutti gli apparati statali preposti alle relazioni dell’Italia con il mondo.  Anche ad escludere la tesi della testa di Abyazov da mettere su un piatto d’argento per il vacanziero Nazarbahev e – “faute de mieux – quelle delle di lui moglie e figlioletta, si apre (si riapre, pensando ai marò… e ad una incancrenita realtà) la questione di tutte le strutture della politica estera nazionale.  Questa è a tutto ispirata tranne che ai principi di cooperazione internazionale e di difesa di diritti e principi: un Paese che quando “esce di casa” suscita solo ridicolo o vergogna.  Entrambe nate da una seria “inesportabilità” di ciò che siamo, o di ciò che siamo diventati.

Al Viminale come certo alla Farnesina i funzionari vengono selezionati ed addestrati alla più completa ignoranza dei principi e delle linee guida di un moderno Paese democratico, aggravata da un totale disinteresse degli interessi e della dignità nazionale: in sintesi un piccolo, provinciale e corrotto Paesello.   Volontariamente semi-coloniale.  Altro che grandeur e centenari da festeggiare.  E poi ci si lamenta dei “rimproveri” europei.

Per retorico che sia, il “Politically Correct”, questo dovrebbe diventare materia obbligatoria per l’assunzione nel servizio pubblico.   In ogni caso anche qui siamo solo al prologo.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto