Flash

17/07/2013

Flash

guillotinecut

E così, con l’invereconda lettura di un “mattinale” di Questura al Senato prima, e alla Camera poi, il Ministro Alfano (e con lui il Governo Letta, Ministra degli Esteri Bonino inclusa) conta di chiudere la vergognosa vicenda della deportazione “segreta” di una bambina di sei anni e della madre, entrambe “colpevoli” del rapporto di parentela con un oppositore politico del dittatore kazako Nazarbahev.

I dibattiti seguiti alla arrogante – e vuota – declamazione hanno avuto – come prevedibile – un doppio registro: l’opposizione (e con garbo surreale lo stesso PD) ha segnalato la ferita agli impegni in materia di diritti umani, la retrocessione del fatto a mero “incidente” burocratico, la perdita di sovranità insita nei comportamenti e nel “copione” suggerito dal potente Ambasciatore kazako; il Partito di Berlusconi  ha viceversa sostenuto con spavalda insolenza come il caso si chiude con qualche caduta sacrificale di teste al vertice del Ministero degli Interni.  Come prevedibile, il colmo del ridicolo è stato raggiunto dal capogruppo (e post fascista) Gasparri che – dopo aver lodato Alfano per la sua coraggiosa “riforma” (ma quale?), ha sostenuto che di espulsioni “ce ne vorrebbero di più”.        Davvero non male per un Paese la cui Costituzione (almeno fino a quando non verrà abrogata in omaggio alle “larghe intese”) si fonda su principi diametralmente opposti.

Ovviamente il “caso” non si chiude qui.  Neppure nell’ addormentata ed abulica Italia l’enormità di una vicenda che si vorrebbe declassare di fatto a “svista” di una burocrazia tanto sclerotica quanto prontamente e completamente disponibile (nel tempo record di 48 ore…) ai “desiderata” di un Ambasciatore di un Paese che – ricco o no – rimane “minore”.   Almeno rispetto alle presunzioni italiane.    Anzi il comportamento del diplomatico (di fatto l’unico artefice riconosciuto della deportazione considerata l’auto-assoluzione di Alfano e le responsabilità solo “oggettive” dei vertici di polizia) si configurerebbe come una violazione della prassi diplomatica: confermata tra l’altro con il rifiuto di aderire alla (tardivissima) convocazione della Bonino.     “Sono in ferie” avrebbe dichiarato il compiaciuto diplomatico factotum…

In ferie anche i servizi ed il coordinamento AISI, considerato il silenzio assordante fin qui tenuto… Non in ferie, ma in altre faccende affaccendata, Emma Bonino che di “diritti umani” si intende, ma solo a debita distanza dall’Italia.     Così, tagliata la testa del prefetto Procaccini già capo di Gabinetto dell’ineffabile Alfano, rimane aperto il problema di tutti gli apparati statali preposti alle relazioni dell’Italia con il mondo.  Anche ad escludere la tesi della testa di Abyazov da mettere su un piatto d’argento per il vacanziero Nazarbahev e – “faute de mieux – quelle delle di lui moglie e figlioletta, si apre (si riapre, pensando ai marò… e ad una incancrenita realtà) la questione di tutte le strutture della politica estera nazionale.  Questa è a tutto ispirata tranne che ai principi di cooperazione internazionale e di difesa di diritti e principi: un Paese che quando “esce di casa” suscita solo ridicolo o vergogna.  Entrambe nate da una seria “inesportabilità” di ciò che siamo, o di ciò che siamo diventati.

Al Viminale come certo alla Farnesina i funzionari vengono selezionati ed addestrati alla più completa ignoranza dei principi e delle linee guida di un moderno Paese democratico, aggravata da un totale disinteresse degli interessi e della dignità nazionale: in sintesi un piccolo, provinciale e corrotto Paesello.   Volontariamente semi-coloniale.  Altro che grandeur e centenari da festeggiare.  E poi ci si lamenta dei “rimproveri” europei.

Per retorico che sia, il “Politically Correct”, questo dovrebbe diventare materia obbligatoria per l’assunzione nel servizio pubblico.   In ogni caso anche qui siamo solo al prologo.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto