Flash

16/07/2013

Flash

w964cut

In quest’Italia son tornate di moda crudeltà rinascimentali (anche allora facce oscure) o forse con più chiara analogia  le pratiche giapponesi immortalate in “Shogun” del grande James Clavell: scambio di ostaggi (mogli, figli) in anticipo di regolamenti cruenti voluti da dittatori (o “signori” medievali).   Questa è l’evidente trama dell’espulsione/ratto della signora kazaka Alma Shalabayeva  e della sua figlioletta di sei anni.   E non c’è molto da aggiungere salvo forse una “strana” coincidenza: la concomitante vacanza in Costa Smeralda del capo di Stato Kazako Nursultan Nazarbahev.  E dove avveniva il meritato riposo?  Semplice: in una villa di un amico del nostro Berlusconi.   Così, invece dei soliti cesti frutta e vasi di fiori, ecco il bel regalo delle più care parenti di un seccante oppositore prontamente spedite di forza a “casa” con un jet all’uopo noleggiato.

Ci sarebbe poco da aggiungere se non alcuni dettagli che -come è noto – rivelano la “mano del diavolo”: il tempo (oltre un mese) trascorso dal blitz nella villetta di Casal Palocco a Roma (manco si trattasse di Provenzano) fino all’esplodere del “caso”, il mancato riscontro di denunce (qui non tanto Viminale quanto la Farnesina retta dalla famosa “protettrice” dei diritti umani Emma Bonino), i falsi nell’istruzione della procedura, l’intervento di praticamente l’intero vertice della polizia, della Questura e del Gabinetto del Ministro Alfano, l’inverosimile detenzione (in attesa dell’arrivo dell’aereo-prigione) nel famigerato centro di identificazione di Ponte Galeria (ove il digiuno segnalato dalla Signora Shalabayeva  è – come ben descritto in un recente libro di Carlo Bonini – il minimo che possa capitare) ed infine la comprovata sodalità tra i vertici del Viminale e l’Ambasciata kazaka.

A parte l’ironia su di un Paese che fa determinare le proprie decisioni in materia di diritti umani dal Governo kazako di Nazarbahev, peraltro esplicitamente lodato – come già Gheddafi – dalle “pelose” adulazioni dell’allora Premier Berlusconi (“beato te Nursultan che sei adorato dal 92% del tuo popolo”), si scopre poi che un’Agenzia investigativa israeliana aveva delegato a personale italiano (ex carabinieri e servizi) di rintracciare e sorvegliare il banchiere (e scienziato) dissidente Ablyazov e la sua famiglia.  Un incarico privato “di servizio” ovvero operazioni “coperte”.  Boh?

Ora la responsabilità appare concentrata su di una fila di alti funzionari di polizia (appena reduci dal balletto di poltrone al Viminale e al vertice della famigerata Finmeccanica: Pansa, De Gennaro e compagnia minore) che non avrebbero “avvisato” l’ottimo Alfano (reduce a sua volta dai numerosi abbracci in Parlamento ed altrove con il vertice del PD); per quanto riguarda Emma Bonino (così efficace con i “montagnard” vietnamiti e con le mutilazioni genitali femminili) non si capisce cosa abbia fatto – nell’ambito delle proprie responsabilità politico-istituzionali – dal 31 maggio ad oggi.     Vedremo come i due Ministri (italiani?) se la caveranno in Parlamento, perfino questo Parlamento.

La nota finale è la “diversiva” querelle sull’ennesimo insulto del brillante autore del “Porcellum” il  leghista Calderoli a Cecile, la Ministra Nera, paragonata – ovviamente data la fantasia dell’individuo– ad una scimmia.   Difficile che il vice Presidente del Senato (autore del regalo alla nomenklatura politica costituito dal “porcellum” medesimo che evita l’ “intromissione” dei cittadini nella scelta dei parlamentari).  Resterà: serve anche a confermare che continuiamo a vivere una tragica “opera buffa”.  Situazione grave, ma non seria.

Intanto il Capo-chierichetto Enrico Letta tenta di liquidare il tutto come manovre contro il suo “Governo della Provvidenza”.   E il Colle vigila sulla… “stabilità”.       Amen.    Anzi: “ora e sempre niente IMU, abbasso l’IVA” viva l’Italia, Meglio: “Forza Italia”.    E naturalmente guai agli ingenui che credono alla favoletta dell’accoglienza italiana.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto