Flash

11/07/2013

Flash

“Trasformerò quest’aula sorda e cieca in un bivacco per i miei manipoli.”

Quiz: chi l’ha detto?   Benito Mussolini, duce del Fascismo o Silvio Berlusconi, duce del Partito della libertà (sua…)?   Segnare il primo o il secondo.

Risposta esatta: il primo, all’apertura della propria “Era”.  Chi l’ha fatto? Il secondo nell’anno XIX EB.

Ma i paradossi – alla luce della invereconda giornata di ieri – non si arrestano qui.   Il PDL , chiamato a raccolta per salvare più che Berlusconi, sé stesso, dal rischio mortale annidato nella sentenza sui fondi “neri” esteri Mediaset che la Cassazione potrebbe confermare il 30 luglio  escludendo il “Capo” dai diritti civili (cassati dalla sua ripetuta tendenza a “delinquere”), ha risposto alla “chiamato alle armi” con il massimo della mobilitazione.    E cosa hanno preteso di “fare un Aventino” a rovescio costringendo tutti gli eletti del popolo (sic) con l’adesione di tutti.  Anche di coloro che hanno sempre ostentato rispetto per l’autonomia della magistratura.   Il PD, in particolare, ha risposto con il peggio di sé: forte ed assertivo con i deboli, pronto ad ogni compromesso con i forti (o coloro che si ritengono tali).

La sospensione di un giorno dei lavori parlamentari per lagnarsi e contestare decisioni che ogni – tutti – i cittadini italiani avrebbero rispettato è la decisione che ne è scaturita.     E’ una vergogna indicibile: dopo aver rifiutato l’ordine del giorno che avrebbe cassato il “Porcellum” in attesa di un’improbabile revisione del medesimo, ora il PD si associa di fatto allo sberleffo ai tremebondi giudici della suprema Corte, messi al centro di un dilemma impossibile: attenersi anche formalmente al precetto “La legge è uguale per tutti”, ovvero chinare il capo all’ukase: “non mi toccate, se no spacco definitivamente il “Paese che amo”.  E non è difficile prevedere la marcia indietro che avverrà tra tre settimane.

Il “Capo” lo sa ed invita i suoi a digrignare i denti, ma senza esagerare.   Nel frattempo – mentre diventa difficile criticare Grillo per aver anteposto le sue dorate vacanze in Costa Smeralda all’incontro al “Colle” (infelice e pomposo appellativo per la Presidenza della Repubblica) – sembra che le uniche preoccupazioni della politica siano: a) mantenere in vita (assistita…) il Gabinetto delle parole del giovane Letta e b) gestire con il “passismo” del burocrate Epifani la transizione al vertice del PD.

E l’Italia, e noi?  Chi se ne frega. Anzi peggio, il “calmante” sarebbero i ripetuti interventi del Ministro per l’Europa (il plumbeo Moavero, ora Moavero Milanesi dopo l’“aristocratico” Gabinetto del Prof Monti) sui futuri fasti del semestre italiano di Presidenza UE dell’anno prossimo.   Godi popolo nel 2014 a Bruxelles, che nel 2015 avrai l’Expo di Milano.  Fortuna è che Paesi più seri, o semplicemente più “normali” (quale la Germania) andranno tra pochi mesi al voto.

Se non fosse tutto da ridere (per chi ce la fa) sarebbe tutto da piangere.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto