Flash

11/07/2013

Flash

“Trasformerò quest’aula sorda e cieca in un bivacco per i miei manipoli.”

Quiz: chi l’ha detto?   Benito Mussolini, duce del Fascismo o Silvio Berlusconi, duce del Partito della libertà (sua…)?   Segnare il primo o il secondo.

Risposta esatta: il primo, all’apertura della propria “Era”.  Chi l’ha fatto? Il secondo nell’anno XIX EB.

Ma i paradossi – alla luce della invereconda giornata di ieri – non si arrestano qui.   Il PDL , chiamato a raccolta per salvare più che Berlusconi, sé stesso, dal rischio mortale annidato nella sentenza sui fondi “neri” esteri Mediaset che la Cassazione potrebbe confermare il 30 luglio  escludendo il “Capo” dai diritti civili (cassati dalla sua ripetuta tendenza a “delinquere”), ha risposto alla “chiamato alle armi” con il massimo della mobilitazione.    E cosa hanno preteso di “fare un Aventino” a rovescio costringendo tutti gli eletti del popolo (sic) con l’adesione di tutti.  Anche di coloro che hanno sempre ostentato rispetto per l’autonomia della magistratura.   Il PD, in particolare, ha risposto con il peggio di sé: forte ed assertivo con i deboli, pronto ad ogni compromesso con i forti (o coloro che si ritengono tali).

La sospensione di un giorno dei lavori parlamentari per lagnarsi e contestare decisioni che ogni – tutti – i cittadini italiani avrebbero rispettato è la decisione che ne è scaturita.     E’ una vergogna indicibile: dopo aver rifiutato l’ordine del giorno che avrebbe cassato il “Porcellum” in attesa di un’improbabile revisione del medesimo, ora il PD si associa di fatto allo sberleffo ai tremebondi giudici della suprema Corte, messi al centro di un dilemma impossibile: attenersi anche formalmente al precetto “La legge è uguale per tutti”, ovvero chinare il capo all’ukase: “non mi toccate, se no spacco definitivamente il “Paese che amo”.  E non è difficile prevedere la marcia indietro che avverrà tra tre settimane.

Il “Capo” lo sa ed invita i suoi a digrignare i denti, ma senza esagerare.   Nel frattempo – mentre diventa difficile criticare Grillo per aver anteposto le sue dorate vacanze in Costa Smeralda all’incontro al “Colle” (infelice e pomposo appellativo per la Presidenza della Repubblica) – sembra che le uniche preoccupazioni della politica siano: a) mantenere in vita (assistita…) il Gabinetto delle parole del giovane Letta e b) gestire con il “passismo” del burocrate Epifani la transizione al vertice del PD.

E l’Italia, e noi?  Chi se ne frega. Anzi peggio, il “calmante” sarebbero i ripetuti interventi del Ministro per l’Europa (il plumbeo Moavero, ora Moavero Milanesi dopo l’“aristocratico” Gabinetto del Prof Monti) sui futuri fasti del semestre italiano di Presidenza UE dell’anno prossimo.   Godi popolo nel 2014 a Bruxelles, che nel 2015 avrai l’Expo di Milano.  Fortuna è che Paesi più seri, o semplicemente più “normali” (quale la Germania) andranno tra pochi mesi al voto.

Se non fosse tutto da ridere (per chi ce la fa) sarebbe tutto da piangere.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto