Flash

10/07/2013

Flash

Ancora declassata (in credibilità…) da Standard & Poor, colpevoli di fare il loro (inutile) mestiere e cioè di dire ai “mercati” quello che è sotto gli occhi di tutti e cioè che non è in atto alcuna fuoriuscita dalla crisi – che anzi si aggrava e toccherà per quest’anno meno 1,7 del prodotto nazionale lordo – l’Italia sonnecchia.  Per non pensare e, soprattutto, per non vedere.

La notizia finanziaria di ieri (e cioè il ritorno tra i peggiori Paesi d’Europa), come pure il monito del Fondo Monetario (FMI) della settimana scorsa vengono accuratamente “filtrati” dai media, soprattutto da quelli asserviti alla propaganda del “Governo del fare”: infatti non deve neppure sfiorare la mente degli Italiani il punto nodale e cioè il fatto che il Paese è strutturato (da quanto tempo?) in modo da proteggere le rendite parassitarie e malavitose e da schiacciare redditi da lavoro ed investimenti, produttività reale ed innovazione.   E’ scritto su tutti i documenti esterni che ci riguardano, ma i “miopi di Stato” leggono soltanto l’inevitabile ammonimento a non rinunciare alla tassazione immobiliare (poveracci compresi…).   E perché?  Semplice perché questo Stato non vuole né tagliare la spesa pubblica, non quella degli “asili nido” o di quel che resta del “welfare” bensì la mostruosa superfetazione del settore pubblico, e/o assistito (a partire dalla politica).     E neppure intende recuperare la ugualmente mostruosa e record nei Paesi sviluppati evasione fiscale: Equitalia è il gabelliere dei poveracci, non dei ricchi.

Così va tutto, ma – mentre il giovane Letta si autocompiace e mira a durare, almeno un altro po’ – la magistratura ne fa un’altra delle sue ed annuncia per il 30 luglio  la sentenza definitiva intorno alla condanna per i fondi neri Mediaset.    La destra di palazzo (Grazioli, ndr) insorge in vista della possibile conferma dell’interdizione dai pubblici uffici di Berlusconi e la “sinistra” trema al pensiero di doversi schierare, rompendo una così lucrosa convivenza.

In breve, il clima si fa caldo (come comunque sarebbe avvenuto nell’imminente autunno del brusco risveglio dell’Italia addormentata) e pare preludere ad un “25 luglio” del “XIX anno EB”, Era Berlusconiana (come quello del 1943, anno XXI EF Era Fascista): ancora una volta potrebbe esserci un “Gran Consiglio” che metta la parola “fine” ad uno spettacolo durato oltre ogni misura.    Del resto di Badogli ne abbiamo pronti a volontà, e non parliamo neppure dei giardini di Villa Savoia… Peraltro l’analogia non è nostra, ma è stata formulata ben più brutalmente da Berlusconi medesimo, che ha esplicitamente evocato lo spettro di  Piazzale Loreto (ove si consumò senza alcuna pietas il regolamento dei conti finale col dittatore giustiziato).

Intanto chi può prepari secchiello e paletta per la spiaggia.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto