Flash

10/07/2013

Flash

Ancora declassata (in credibilità…) da Standard & Poor, colpevoli di fare il loro (inutile) mestiere e cioè di dire ai “mercati” quello che è sotto gli occhi di tutti e cioè che non è in atto alcuna fuoriuscita dalla crisi – che anzi si aggrava e toccherà per quest’anno meno 1,7 del prodotto nazionale lordo – l’Italia sonnecchia.  Per non pensare e, soprattutto, per non vedere.

La notizia finanziaria di ieri (e cioè il ritorno tra i peggiori Paesi d’Europa), come pure il monito del Fondo Monetario (FMI) della settimana scorsa vengono accuratamente “filtrati” dai media, soprattutto da quelli asserviti alla propaganda del “Governo del fare”: infatti non deve neppure sfiorare la mente degli Italiani il punto nodale e cioè il fatto che il Paese è strutturato (da quanto tempo?) in modo da proteggere le rendite parassitarie e malavitose e da schiacciare redditi da lavoro ed investimenti, produttività reale ed innovazione.   E’ scritto su tutti i documenti esterni che ci riguardano, ma i “miopi di Stato” leggono soltanto l’inevitabile ammonimento a non rinunciare alla tassazione immobiliare (poveracci compresi…).   E perché?  Semplice perché questo Stato non vuole né tagliare la spesa pubblica, non quella degli “asili nido” o di quel che resta del “welfare” bensì la mostruosa superfetazione del settore pubblico, e/o assistito (a partire dalla politica).     E neppure intende recuperare la ugualmente mostruosa e record nei Paesi sviluppati evasione fiscale: Equitalia è il gabelliere dei poveracci, non dei ricchi.

Così va tutto, ma – mentre il giovane Letta si autocompiace e mira a durare, almeno un altro po’ – la magistratura ne fa un’altra delle sue ed annuncia per il 30 luglio  la sentenza definitiva intorno alla condanna per i fondi neri Mediaset.    La destra di palazzo (Grazioli, ndr) insorge in vista della possibile conferma dell’interdizione dai pubblici uffici di Berlusconi e la “sinistra” trema al pensiero di doversi schierare, rompendo una così lucrosa convivenza.

In breve, il clima si fa caldo (come comunque sarebbe avvenuto nell’imminente autunno del brusco risveglio dell’Italia addormentata) e pare preludere ad un “25 luglio” del “XIX anno EB”, Era Berlusconiana (come quello del 1943, anno XXI EF Era Fascista): ancora una volta potrebbe esserci un “Gran Consiglio” che metta la parola “fine” ad uno spettacolo durato oltre ogni misura.    Del resto di Badogli ne abbiamo pronti a volontà, e non parliamo neppure dei giardini di Villa Savoia… Peraltro l’analogia non è nostra, ma è stata formulata ben più brutalmente da Berlusconi medesimo, che ha esplicitamente evocato lo spettro di  Piazzale Loreto (ove si consumò senza alcuna pietas il regolamento dei conti finale col dittatore giustiziato).

Intanto chi può prepari secchiello e paletta per la spiaggia.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto