Flash

10/07/2013

Flash

Ancora declassata (in credibilità…) da Standard & Poor, colpevoli di fare il loro (inutile) mestiere e cioè di dire ai “mercati” quello che è sotto gli occhi di tutti e cioè che non è in atto alcuna fuoriuscita dalla crisi – che anzi si aggrava e toccherà per quest’anno meno 1,7 del prodotto nazionale lordo – l’Italia sonnecchia.  Per non pensare e, soprattutto, per non vedere.

La notizia finanziaria di ieri (e cioè il ritorno tra i peggiori Paesi d’Europa), come pure il monito del Fondo Monetario (FMI) della settimana scorsa vengono accuratamente “filtrati” dai media, soprattutto da quelli asserviti alla propaganda del “Governo del fare”: infatti non deve neppure sfiorare la mente degli Italiani il punto nodale e cioè il fatto che il Paese è strutturato (da quanto tempo?) in modo da proteggere le rendite parassitarie e malavitose e da schiacciare redditi da lavoro ed investimenti, produttività reale ed innovazione.   E’ scritto su tutti i documenti esterni che ci riguardano, ma i “miopi di Stato” leggono soltanto l’inevitabile ammonimento a non rinunciare alla tassazione immobiliare (poveracci compresi…).   E perché?  Semplice perché questo Stato non vuole né tagliare la spesa pubblica, non quella degli “asili nido” o di quel che resta del “welfare” bensì la mostruosa superfetazione del settore pubblico, e/o assistito (a partire dalla politica).     E neppure intende recuperare la ugualmente mostruosa e record nei Paesi sviluppati evasione fiscale: Equitalia è il gabelliere dei poveracci, non dei ricchi.

Così va tutto, ma – mentre il giovane Letta si autocompiace e mira a durare, almeno un altro po’ – la magistratura ne fa un’altra delle sue ed annuncia per il 30 luglio  la sentenza definitiva intorno alla condanna per i fondi neri Mediaset.    La destra di palazzo (Grazioli, ndr) insorge in vista della possibile conferma dell’interdizione dai pubblici uffici di Berlusconi e la “sinistra” trema al pensiero di doversi schierare, rompendo una così lucrosa convivenza.

In breve, il clima si fa caldo (come comunque sarebbe avvenuto nell’imminente autunno del brusco risveglio dell’Italia addormentata) e pare preludere ad un “25 luglio” del “XIX anno EB”, Era Berlusconiana (come quello del 1943, anno XXI EF Era Fascista): ancora una volta potrebbe esserci un “Gran Consiglio” che metta la parola “fine” ad uno spettacolo durato oltre ogni misura.    Del resto di Badogli ne abbiamo pronti a volontà, e non parliamo neppure dei giardini di Villa Savoia… Peraltro l’analogia non è nostra, ma è stata formulata ben più brutalmente da Berlusconi medesimo, che ha esplicitamente evocato lo spettro di  Piazzale Loreto (ove si consumò senza alcuna pietas il regolamento dei conti finale col dittatore giustiziato).

Intanto chi può prepari secchiello e paletta per la spiaggia.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto