Flash

04/07/2013

Flash

guerra_dei_bottoni

Dal Cairo a Istanbul il mondo cambia. E l’Italia?

Ancora due piazze fuori dell’Europa dominano nelle ultime ore la scena internazionale: Piazza Tahir al Cairo e Piazza Taksim ad Istanbul:   Ed intanto – piano piano – viene emergendo una linea anche per la sempre più periferica Italia e non è una bella linea, anzi è perfino difficile definirla una proposta per il futuro, intrisa – come è – di un torbido passato e di una praticamente nulla partecipazione di massa.   Anche di quelle giovani generazioni da tempo connotate come le vittime sacrificali della crisi “made in Italy”.  Peggio: se una volta si diceva “è il nuovo che avanza”, ora “è il vecchio che torna”.   E – a questo punto – è lecito domandarsi se quella che viene formandosi (e che cercheremo di tracciare) è la nostra risposta per la ridislocazione planetaria delle risorse e delle opportunità imposta dalla globalizzazione e, anche, se questo è il progetto a breve di fuoriuscita dalla crisi.

Cominciamo dunque dal Cairo e vediamo se e come la storia ci riguardi.  E non solo e non tanto per stantie considerazioni geopolitiche sulla contiguità strategica e le interdipendenze economiche quanto per le onde culturali che muove.   L’intervento dei militari nella deposizione del Presidente Morsi la cui deriva autoritaria aveva da tempo compromesso la legittimazione ottenuta dai Fratelli musulmani nelle urne, la costituzione di un Gabinetto di “transizione” affidato alla Presidenza del giudice costiuzionale Adly Mansur: il tutto nel mezzo di una grande partecipazione popolare.    Non nuovo è il ruolo dell’esercito (qualcuno ricorda Nasser? E l’Egitto post-coloniale?). Nuovo è il parametro di riferimento che, se da una parte reintroduce il ruolo della “forza”, dall’altra si colloca in un contesto politico culturale caratterizzato sia dalla partecipazione popolare (e giovanile), che da nuovi parametri di riferimento socio-culturali positivamente globalizzati.  Non a caso un punto qualificante del “colpo” è l’ “inclusione” come sbocco positivo del dinamismo economico assai vivace nel giovane Egitto.

A Istanbul, l’apparente vittoria di Erdogan su di una piazza che (ohibò) beve birra e si bacia in pubblico (ancora ohibò) si è incagliata sulla sentenza della magistratura che boccia il progetto di cementificazione speculativa di Piazza Taksim.  Anche qui il messaggio è chiaro: a breve vince chi detiene il potere ma da subito lo vede ridimensionato e, soprattutto, con un assai incerto futuro racchiuso – come è – in un universo culturale di segno completamente diverso.

Nell’uno e nell’altro caso (come peraltro in Brasile) è incontestabile l’emergenza di istanze e forze di cambiamento.   I “molti” fanno sentire la propria voce e gli “establishment” vedono incrinarsi la loro capacità di controllo sociale.  Al tempo stesso i soggetti in campo si moltiplicano e riempiono spazi e domande inevasi dalla crisi delle democrazie rappresentative e degli schemi ideologici: il tutto a condizione e nel contesto di una grande vitalità sociale.

Ed è proprio questa che sembra uccisa da noi.   Ed è questa la responsabilità “storica” (o – visto dalla parte delle oligarchie – il “merito”) del ventennio berlusconiano e dell’ossificazione dell’alternativa democratica.   Così, mentre la società planetaria, cerca (magari confusamente…) di trasformarsi, adattarsi e in qualche modo progredire, in Italia è in corso un “indietro tutta” che cade in una società e in un apparato statuale  mai veramente approdati alla modernità (nonostante gli artigianali ed autoritari tentativi mussoliniani – sic – ed il primo trentennio “illuminista” della Repubblica) ed ormai naufragati in un abulico ed agnostico grigiore post-moderno.

L’ultimo episodio, purtroppo interinato da una decisione del Consiglio supremo di difesa presieduto dal Presidente della Repubblica, è quello di vanificare preventivamente il potere costituzionale di indirizzo del Parlamento sugli orientamenti generali della spesa militare ed in particolare l’acquisto di quasi cento caccia d’attacco (gli F35).    Secondo questo rivitalizzato “Cabinet du Roi” (memoria della Versailles prerivoluzionaria) di timbro pre-costituzionale, la materia spetterebbe al Governo e – di fatto – alla concertazione con il Capo dello Stato: manco fossimo in guerra…

Nel frattempo viene designato a guidare Finmeccanica (cioè il gigante militare industriale pubblico) non già un industriale o un “tecnico” bensì l’ex Capo della Polizia De Gennaro (tale era all’epoca dei fatti di Genova…)  e poi da sempre responsabile amministrativo e/o politico dei servizi di sicurezza.    Al di là delle capacità e professionalità del personaggio, vale per lui lo stesso ragionamento da fare  per la questione F35 (su cui peraltro si “dimentica” a pié pari il tentativo di Eurofighter, simmetrico alla nostra autoesclusione dal consorzio Airbus scopo perpetuare nostra dipendenza dai fornitori statunitensi) e cioè che l’indicazione tassativa “perinde ac cadaver” implica una castrazione di ogni possibile decisione alternativa.

Se poi si tiene conto che la pronuncia del Consiglio di Difesa è solo l’ultimo episodio di un cortocircuito rispetto ai pur anchilosati meccanismi di garanzia costituzionale (Parlamento in primo luogo e sia pure eletto a colpi di “porcellum”), ogni preoccupazione appare legittima. In primo luogo questa: siamo sicuri che la volontà popolare desideri trasformare l’Italia in un ridotto militare-industriale per il mantenimento dell’intera flotta aerea d’attacco occidentale?  E servirà questo a rilanciare la vocazione manufatturiera del Paese?  E si concilia questo approccio programmaticamente “militarista” con il più ampio dettato costituzionale e con le pacifiche e cooperative vocazioni del Paese?   Un Paese – oltretutto – più turistico e magari culturale, piuttosto che “bellico”.     Non dimentichiamo infine che già esiste una Prussia del Mediterraneo e la competizione potrebbe essere ardua per un Paese che – retorica a parte – non ha mai – dicasi mai dopo l’antica Roma – brillato nel “campo di Marte”.

Infine la montagna di risorse economiche da impegnare farà ridurre il numero dei suicidi e/o delle sofferenze cumulate nell’ultimo quinquennio ed occultate nel ventennio precedente?

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto