Flash

27/06/2013

Flash

Batra_6

“Supercazzola”. Così – in un didascalico empito di entusiasmo – il deputato grillino (nonché vicePresidente della Commissione Esteri della Camera) Alessandro Di Battista irrompeva – suscitando virtuoso scandalo – nel dibattito parlamentare sull’acquisto di 90 F35 per cingere il  nostro Paese di una invincibile “Armada” di caccia d’attacco.   E così suggellava – forse inconsapevolmente – una giornata destinata ad ulteriori fasti ed una polemica – degna di una Batracomiomachia (letteralmente “battaglia dei topi e delle rane”, poemetto tradizionalmente attribuito ad Omero o meglio al più tardo Prigite nel II secolo avanti Cristo): in ogni caso trattasi di un’antica sempreverde satira sul vuoto politico… Peraltro aggiornata nel 1831 da un finalmente scherzoso Leopardi con i suoi “Paralipomeni della Batracomiomachia” in cui fanno già irruzione i filoni politico-etici che ancor oggi sopravvivono.

Il carbonaro risorgimentale  Conte Leccafondi ed il Generale Assaggiatore, il solo in grado di salvarlo dal crollo delle sue illusioni illuministiche “à la mode”, sono due figurine tipiche non della “Topaia” (l’amata Patria) di allora, ma di quella dell’oggi.    In verità, lo scontro alla Camera tra “pacifisti” (avvolti nella Costituzione e nei valori cosmopoliti) e “guerrafondai” (ammantati di cooperazioni e rivoluzioni tecnologiche per lo più di fantasia e soprattutto di “celodurismo”) e la  vittoriosa mediazione dei “rinviatori”  hanno avuto un solo punto positivo (e non da poco): contestualizzare e sottoporre a (futuro…) scrutinio scelte non solo onerose, ma del tutto indefinite e problematiche.   In ogni caso non atti dovuti e scelte obbligate (come usava coi famigerati “Decreti missione”), bensì opzioni da definire e comunque decisive per il Paese.

Il tutto – proprio come nelle antiche e moderne (Leopardi) “battaglie delle rane e dei topi” – condito in un mare di banalità (“si vis pacem”, ecc), mezze bugie (l’occupazione), altre banalità (“la guerra fa schifo”) e – pochi – sprazzi di serie ed argomentate puntualizzazioni.  In verità soprattutto da parte “pacifista”. La palma della banalità toccava invece al neoMinistro della Difesa Mauro (vedasi testi ufficiali e dichiarazioni).

A seguire nelle ore più tarde, la “supercazzola” si arricchiva con i peana intonati dal ventriloquo Alfano e le proteste del querulo Brunetta: in effetti la “preparazione” italiana al Consiglio europeo di oggi e domani (vedi nota del nostro Immanuel in questo aggiornamento ) veniva completata dal Governo con il rinvio dell’aumento IVA compensato dall’anticipo Irpef ed Ires per i contribuenti autonomi.   Insomma anche qui un rinvio “tecnico” per permettere agli italiani e soprattutto al Governo di passare tranquillamente l’estate.   Chissà?  E, comunque, come diceva Rossella O’Hara in Via col vento: domani è un altro giorno.

Infine – a suggello della trionfale giornata – l’ex Premier, testè condannato se non al carcere ad una rinnovata gogna internazionale, veniva ricevuto in pompa magna dal bis-Presidente della Repubblica: premio di consolazione?  Consultazione del Colle con un grande vecchio pre-Vertice europeo, ovvero informale conversazione sulle voci sul suo “asse” ereditario?    Infatti, benchè smentita, diffonde giubilo la voce che la “Dinasty” potrebbe proseguire anche in politica con la figlia Marina, già mostrata sul settimanale “di famiglia” CHI a seno nudo (“novella Galatea”) al timone di un aquascooter nello specchio d’acqua in Costa Azzurra prospiciente la sua residenza.

Supercazzola.  Lasciateci sognare.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto