Flash

21/06/2013

Flash

maccari cut

“In questi tempi… la virtù stessa deve chiedere perdono al vizio. Sì: deve inchinarsi a strisciare” Shakespeare, Amleto.     Ci voleva un acuto commentatore cattolico (Vito Mancuso) per contestualizzare ciò che sta accadendo in Italia e come va “maturando” la cosiddetta fuoriuscita dalla crisi.    Altro che lo stormire di fronde nelle borse e nelle aspettative di veder percolare la ripresa americana fino al Mediterraneo italiano mentre  l’aggiustamento della politica monetaria statunitense si amplifica fino a diventare terrore sui mercati periferici tra cui il nostro.

La verità è che dal 2008 ad oggi nulla è stato fatto per intervenire nel profondo dei guasti italiani: la pratica delle tattiche e delle diversioni si è incistata nel Paese fino a diventare l’unica forma di politica.   Non solo l’Amministrazione, ma qualunque forma di analisi e di intervento ragionato affiorano in un possibile ordine del giorno.   Eppure circolavano già dalla prima crisi (per noi l’inizio di un interminabile ciclo recessivo) rapporti riservati sull’impatto amplificato che una recessione globale avrebbe avuto sull’Italia in ragione del mancato intervento sui guasti strutturali (morale inclusa) incancrenitisi per decenni.    Queste prese di posizione – assai ragionevoli – non hanno avuto alcun esito: ci si è fidati di quella che Carlo De Benedetti (non Berlusconi…) ha definito l’“indole pacifica” degli Italiani.   Aiutata peraltro dai limiti culturali dello sfogo grillino.

A fronte di zero risposta di fronte alle iniquità diffuse, al divaricarsi medievale dei redditi e delle aspettative, al massacro generazionale, alla stessa eclissi di un futuro collettivo del Paese si è risposto nell’ultimo quinquennio con il mortifero Gabinetto Monti, poi con la prolungata sagra elettorale e post-elettorale ed infine con il mostruoso “heri dicebamus” del Gabinetto delle larghe intese, della “pacificazione” nazionale e via farneticando.       Fino appunto all’inverosimile “decreto del Fare”.

Il resto, tutto il resto, l’intera società italiana è affondata sempre più in quell’assenza di fondamento etico di cui parla Mancuso.     “Arricchito” dagli autodafè delle vittime del caos moltiplicato dalla crisi e dalle “risposte” a questa fornite, inclusi gli stolidi gabellieri di Equitalia, e non solo.

Ed allora perché preoccuparsi per la “gelata” della FED?    Il marcio sta qu: in casa, non OltreAtlantico.    Altro che “fare”, ricostruire ci vuole e non – dicasi non – con la toletta delle “riforme istituzionali”.

Buon fine settimana.      E – con Shakespeare, e Mancuso – perdoniamoci la “predica”.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto

Flash | “TUTTI GIU’ PER TERRA”

19/04/2017

Le ultime notizie danno l’”Armada” statunitense già diretta verso la Corea del Nord ed il suo improbabile dittatore come in piena retromarcia rispetto all’itinerario nel Pacifico verso il Mar Cinese settentrionale.  Allo stato possiamo solo pensare che la “Navy” (a differenza delle allegre ...
Leggi tutto