Flash

13/06/2013

Flash

ap-afghanistan-funerali-2

Solo un paio di giorni fa cadeva un altro militare italiano in Afganistan: il 53esimo della “missione di pace”.   Che ora nessuno nega più sia – quanto meno – una “micro-guerra” tanto che l’anno prossimo si trasformerà in una missione di addestramento, formazione supporto. Naturalmente, secondo le ultime dichiarazioni del Segretario alla Difesa statunitense “a tempo indeterminato” o comunque.. si vedrà.    Il come – considerata la situazione sul terreno – rimane ugualmente indeterminato.

In Italia, tanto per cambiare, il tragico evento è passato praticamente inosservato e, del resto, le solite cerimonie (arrivo bara, onori, funerale di Stato) sono ormai ridotte al minimo indispensabile.   Il record dell’indifferenza – complice il Governo il cui motto è “meno se ne parla, meglio è”- è detenuto dal Parlamento.  Così l’informativa fornita dal Ministro della Difesa (la “new entry” ed ex parlamentare europeo) Mario Mauro è caduta nel disinteresse dell’aula e nella confusione con i lavori in Commissione…

Del resto la piatta esposizione si guardava bene dall’entrare nel merito della guerra afgana, trastullandosi con la questione se l’attentatore era undicenne o ventenne.  E poi a che pro entrare nei dettagli quando da una parte l’intero governo è a favore del mantenimento della missione e la maggioranza dei parlamentari non è neppure in grado di formulare la parola “Afghanistan”, sempre regolarmente storpiata a dimostrazione non tanto di una distanza geopolitica quanto proprio culturale.

Seguiva la consueta litania sui marò che – in quanto caso internazionale autoprodotto – non manca mai di suscitare la dovuta emozione.   Nessuno (a parte isolati e rituali richiami al dettato costituzionale che interdirebbe questo tipo di indefiniti interventi militari) avanza la benchè minima richiesta  di un serio e complessivo approfondimento (Esteri e Difesa) su bisogni e prospettive di un Paese che diventa sempre più inconsistente sul piano internazionale e vive in caduta libera l’esaurimento storico della sovranità nazionale. Insomma non solo non riesce, ma neppure ci prova a ricostruire la presenza internazionale che pure ha avuto negli anni ’60, ’70 e ’80.    La verità che l’89 non è stato da noi occasione di riflessione profonda e costruzione di una visione di transizione, bensì la “libera uscita” rispetto ad ogni riflessione sulla politica estera ed i nessi tra questa e quella interna.

Così è rimasta (con un apice nell’era Berlusconi) solo l’ossessiva devozione all’“amico americano”, magari con qualche saltuaria “furbata” laterale e zero contributo alla stabilizzazione e alla visione strategica (anche nel nostro cortile di casa mediterraneo).  Ed è assai dubbio che il “giovane” Letta quando uscirà dalla letargia (definizione del Financial Times) peraltro assai verbosa (pesce Nemo e Disney inclusi) che lo pervade e si recherà in visita sinodale a Washington, dia un qualche segnale di risveglio nazionale.

Speriamo che sia preceduto – almeno – da una parvenza di riflessione, se non con l’opinione pubblica, almeno nelle sedi istituzionali.  Insomma qualcosa da portare a Washington meglio del quaderno dei compiti “a casa”. E che fra i “compiti a casa” non ci siano altri caduti sul “teatro” afgano.

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto

Flash | “TUTTI GIU’ PER TERRA”

19/04/2017

Le ultime notizie danno l’”Armada” statunitense già diretta verso la Corea del Nord ed il suo improbabile dittatore come in piena retromarcia rispetto all’itinerario nel Pacifico verso il Mar Cinese settentrionale.  Allo stato possiamo solo pensare che la “Navy” (a differenza delle allegre ...
Leggi tutto