Flash

13/06/2013

Flash

ap-afghanistan-funerali-2

Solo un paio di giorni fa cadeva un altro militare italiano in Afganistan: il 53esimo della “missione di pace”.   Che ora nessuno nega più sia – quanto meno – una “micro-guerra” tanto che l’anno prossimo si trasformerà in una missione di addestramento, formazione supporto. Naturalmente, secondo le ultime dichiarazioni del Segretario alla Difesa statunitense “a tempo indeterminato” o comunque.. si vedrà.    Il come – considerata la situazione sul terreno – rimane ugualmente indeterminato.

In Italia, tanto per cambiare, il tragico evento è passato praticamente inosservato e, del resto, le solite cerimonie (arrivo bara, onori, funerale di Stato) sono ormai ridotte al minimo indispensabile.   Il record dell’indifferenza – complice il Governo il cui motto è “meno se ne parla, meglio è”- è detenuto dal Parlamento.  Così l’informativa fornita dal Ministro della Difesa (la “new entry” ed ex parlamentare europeo) Mario Mauro è caduta nel disinteresse dell’aula e nella confusione con i lavori in Commissione…

Del resto la piatta esposizione si guardava bene dall’entrare nel merito della guerra afgana, trastullandosi con la questione se l’attentatore era undicenne o ventenne.  E poi a che pro entrare nei dettagli quando da una parte l’intero governo è a favore del mantenimento della missione e la maggioranza dei parlamentari non è neppure in grado di formulare la parola “Afghanistan”, sempre regolarmente storpiata a dimostrazione non tanto di una distanza geopolitica quanto proprio culturale.

Seguiva la consueta litania sui marò che – in quanto caso internazionale autoprodotto – non manca mai di suscitare la dovuta emozione.   Nessuno (a parte isolati e rituali richiami al dettato costituzionale che interdirebbe questo tipo di indefiniti interventi militari) avanza la benchè minima richiesta  di un serio e complessivo approfondimento (Esteri e Difesa) su bisogni e prospettive di un Paese che diventa sempre più inconsistente sul piano internazionale e vive in caduta libera l’esaurimento storico della sovranità nazionale. Insomma non solo non riesce, ma neppure ci prova a ricostruire la presenza internazionale che pure ha avuto negli anni ’60, ’70 e ’80.    La verità che l’89 non è stato da noi occasione di riflessione profonda e costruzione di una visione di transizione, bensì la “libera uscita” rispetto ad ogni riflessione sulla politica estera ed i nessi tra questa e quella interna.

Così è rimasta (con un apice nell’era Berlusconi) solo l’ossessiva devozione all’“amico americano”, magari con qualche saltuaria “furbata” laterale e zero contributo alla stabilizzazione e alla visione strategica (anche nel nostro cortile di casa mediterraneo).  Ed è assai dubbio che il “giovane” Letta quando uscirà dalla letargia (definizione del Financial Times) peraltro assai verbosa (pesce Nemo e Disney inclusi) che lo pervade e si recherà in visita sinodale a Washington, dia un qualche segnale di risveglio nazionale.

Speriamo che sia preceduto – almeno – da una parvenza di riflessione, se non con l’opinione pubblica, almeno nelle sedi istituzionali.  Insomma qualcosa da portare a Washington meglio del quaderno dei compiti “a casa”. E che fra i “compiti a casa” non ci siano altri caduti sul “teatro” afgano.

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto