Flash

02/11/2012

FLASH

La nuotata non è finita.  E’ solo cominciata.  I giorni di esultanza seguiti all’affermazione del movimento grillino quale primo partito alle elezioni regionali siciliane si sono nelle ultime ore trasformati in una successione  di dichiarazioni e comunicati (in particolare il “Comunicato” n. 53 che consacra ufficialmente il comico genovese come capo del movimento e, in qualità di “garante”, detentore del potere di certificare “chi entra” e “chi esce”) prefigura inequivocabilmente che le ambizioni del neo-politico si spingono fino alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.  Il che sarebbe di riuscita se non proprio probabile, certamente assai possibile se non fosse varata la legge elettorale che – quanto meno – riduca le aberranti distorsioni della volontà popolare e della rappresentanza politica dell’attuale cosiddetto “Porcellum”.

In parallelo l’indicazione dello stesso Grillo di Antonio Di Pietro quale candidato alla Presidenza della Repubblica va letta più che come un’ipotesi reale (dove finirebbero i Monti, i Casini e co.?) come un approccio diretto ad un “rassemblement” operativo delle due forze politiche reso evidentemente più facile dalla caduta di credibilità del secondo, messo da qualche giorno alla berlina per la sua conduzione soprattutto finanziaria dell’Italia dei valori”, sviluppatosi come una “bad company” privatistica, se non addirittura personale.

Per quanto fantastico sia lo scenario che ne consegue, almeno nei tradizionali termini della politica, vi è una linea interpretativa che individua un fenomeno del tutto nuovo “dietro le quinte” ovvero la presenza determinante nel successo di Grillo del super-guru informatico – ed ideologico – Gianroberto Casaleggio  (a suo tempo al servizio dello stesso Di Pietro).   E sarebbe lo stesso Casaleggio a ritenere che ormai (grazie alla propria “potenza di fuoco” informatica e al successo siciliano, nuotata “maoista” inclusa) “tutto è possibile”…

Viene da pensare che questi fatti italiani inverino un vecchio libro di fantascienza che descriveva le scatole cinesi di un potere strutturato come un complesso meccanismo alla Rasputin di “chi comanda chi” fino ad arrivare ad un taumaturgico massaggiatore dell’onnipotente consigliere del Capo supremo, di nome Garonna, i cui sudditi vengono a loro volta invitati a credere di essere i detentori del potere e a declamare al suo passaggio il mantra “servici Garonna, servo di tutti”….

D’altro canto i pericoli di questa metaforica parabola sono assai ridotti dalla ligure  respingente rudezza dell’aspirante premier come ha già dimostrato la inutile polemica sul “punto G” delle proprie indisciplinate seguaci a suo dire vittime dell’esibizionismo mediatico (da quale pulpito…): insomma siamo le mille miglia lontani dallo scivoloso maschilismo del “seduttore” Silvio.

In realtà e fuor di metafora, il lungo percorso del degrado democratico e dell’autoillusione italiana viene da molto lontano ed il quasi ventennio berlusconiano  ne è stato soltanto una delle più significative tappe: le attuali macerie (assai peggiori della profezia artistica del “Caimano” di Moretti) vanno ben oltre il ridicolo del “patto con gli Italiani” davanti al “notaio”, delle pantagrueliche scorpacciate sessuali (noto privilegio del “principe” ) e di tutti gli altri medievali parafernalia.    Ciò che è stato in gioco era – come oggi si vede alla luce del sole – la premessa stessa del gioco democratico, le sue regole ad i suoi limiti consensuali.   Prima il decisionismo craxiano, poi l’auto-ubriacatura della “governabilità” e della camicia di forza bipolare e maggioritaria, infine la convalida politica di ciò che politico non era (“Forza Italia”, forza lupi semo forti….).    Ed ecco ora l’Italia nella morsa tra la (finta seppur giustificata) jacquerie ed un non più proponibile merletto della “grande” politica: insomma – per restare in Sicilia – un perfetto “tra Scilla e Cariddi”.    Auguri.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto