Flash

07/06/2013

Flash

Mentre si attende il fine settimana di ballottaggio per i sindaci di una serie di Comuni – tra cui Roma fin qui retta dalla destra di Alemanno già giovane “leone” del neofascismo – la politica non va in vacanza.    La sparata anti-Merkel di Berlusconi ha più o meno il significato dei fuochi d’artificio sulla spiaggia per animare l’estate dei vacanzieri: si sparano e poi spariscono e tutti a letto.    Non senza una risposta al ciclostile del giovane Solone del Partito Democratico (nonché responsabile – sic – “economico” del PD), Matteo Colaninno: figlio dell’imprenditore che D’Alema definì “capitano coraggioso”.  Chissà perché?     Un vuoto così pneumatico che ogni commento è superfluo: giudicheranno i tedeschi con il voto d’autunno.   Gli italiani dicano quello che hanno da dire (possibilmente non da soli…) nel vertice europeo di fine mese.

Grillo (un po’ tagliuzzato dalle prime defezioni dal gruppo 5 stelle) riparte all’attacco del Parlamento (“tomba della Repubblica”): difficile dargli torto quando per approntare le “riforme” costituzionali (che di fatto nessuno chiede, limitandosi i cittadini invece a pretendere una legge elettorale rappresentativa) si istituisce una ennesima “Commissione dei saggi”: saggi di che? e – se erano saggi – dove erano ibernati?  E perché l’esercizio non viene svolto dal Parlamento?   Che sia – a questo punto – inutile?     Ovvero – visto dall’altro lato – non è bastato il Governo Monti? Altri saggi, altro giro?

Anche il Papa si interrogava oggi sul “ma che fa la politica, forse come Ponzio Pilato?”  Ahi, ahi.

Infine, La Repubblica (il giornale del Gruppo De Benedetti… non quella della Costituzione…) – con l’altro più che ottuagenario Eugenio Scalfari – si riunisce in conclave in quel di Firenze per trovare le “idee”.   E per trovarle non pensa di meglio che riunire la solita “compagnia di giro” (Saviano e co.) più le proprie firme e, appunto, l’ottuagenario “Padre della Patria” che trent’anni or sono tentava di spacciare Ciriaco De Mita come una specie di Moro che avrebbe cambiato e salvato l’Italia…    Ora la parola d’ordine è – udite, udite – “discontinuità.      E come realizzarla? Semplice: popolarizzando una “neo-lingua” perfettamente orwelliana che cambi il nome delle cose, lasciandole esattamente come sono.

Purtroppo la realtà esiste e la testa sanguinante del Sindaco di Terni (o il cadavere vilipeso del giovane Cucchi) ne sono precisa testimonianza.    Ok. Discontinuità.   A cominciare dal sedere della Signora Merkel.   Buon fine settimana elettorale.

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto