Flash

30/05/2013

Flash

La morte di Franca Rame è un altro grano di un rosario laico che viene snodandosi in questi ultimi mesi e – certamente – questa ex parlamentare, moglie di un Nobel (il più bistrattato dal proprio Paese secondo la plurisecolare tradizione italiana) e donna appassionata – non si risentirebbe vedendosi accomunata agli altri grani di questo “rosario”.   Certo non per Mariangela Melato, ma neppure per Franco Califano o Little Tony, per non parlare del forse tardivamente celebrato Don Gallo.  Scompare con questi variegati e difformi personaggi di un’Italia diversa e che tale voleva essere un profumo di libertà, un’aspettativa che non si è realizzata.    Anzi – diciamola tutta – lasciano un Paese peggiore di quello in cui avevano vissuto e variamente cercato di cambiare.

Ai fermenti, alle contraddizioni, che in qualche modo erano riusciti a sopravvivere dalla fine degli anni ’60 fino – ma sempre più stancamente – a questo nuovo secolo sono succeduti l’attuale apatia, lo “sbiancamento” delle differenze, la morte delle differenze creative.    In una Italia passata dal fermento post-bellico direttamente alla senilità senza passare per la maturità.   Che è sinonimo della modernità: quella condizione che l’Italia post-fascista, ma anche post-borbonica, asfittica repressiva ed ovviamente tagliata fuori dal resto del mondo non ha mai conosciuto.    Il che ne fa un record anche nell’ambito del decoroso declino europeo.   Un declino in cui peraltro ci sarebbe molto da salvare, se appena si  rimettessero la testa e i piedi ai rispettivi posti.   Le persone al posto degli pseudo equilibri dei “mercati”.

Non sembra che la direzione intrapresa sia questa. Non sembra che l’attuale “melina politica” possa portare grandi aperture.  Il verboso “giovane” premier viene progressivamente assumendo i tratti affabulatori del leader della (propria) Destra: solo più noioso.   L’area riformista (ammesso che tale sia) invece di proporre medicine si rallegra del calo della “febbre” grillina.   I “padri della Patria” si crogiolano in un conservatorismo ormai sfrenato.

Come avrebbe detto Califano: “il resto è noia”.

A meno di riuscire – di questi tempi – ad appassionarsi alla contesa tra il mortifero Alemanno ed il saputello Marino.

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto