Flash

22/02/2016

Flash | Anche Umberto Eco se ne è andato. Renzi – ma non solo – prepara la “ribollita”, gli Italiani annodano i tovaglioli al collo. Gli Inglesi vincono a Bruxelles? L’Europa è ai titoli di coda, Lampedusa in quelli di testa.

Il_nome_della_rosa

 

Il neo Conte di Montecristo (al secolo Matteo Renzi da Rignano sull’Arno) era rientrato del Vertice europeo “salva Gran Bretagna”): naturalmente  tornato “vincitore”.  Come al solito, e addirittura con la coroncina d’alloro conferitagli dalla (ora …sua..) RAI che lo aveva ribattezzato in tutti i notiziari “il nostro Premier”.   Il “successo” (in realtà indifferenza alle sue sparate assai simile a quella che circondava l’ultimo Berlusconi) era purtroppo pesantemente  ipotecato dal gelido attacco di Monti.    Dunque veniva annunciata per domenica una fredda vendetta da far partire nell’uditorio amico dell’Assemblea (chissà che sarà?…) del PD.

 

Purtroppo per lui (e indirettamente per noi) un’altra notizia gli falciava il terreno sotto i piedi costringendolo ad un brusco cambiamento di programma e perfino di abbigliamento (cravatta nera, toni calmi e solenni, buonismo e dignità).  D’altro canto – come diceva Stalin che era uno che se intendeva – la “vendetta è un piatto che si gusta freddo”.

 

Era successo che era morto Umberto Eco e cioè uno che da svariati decenni era diventato uno dei “padri nobili” se non della Repubblica, certo del Paese.  Sfuggendo al bando riservato al Nobel Dario Fo.   Ma solo perché non se n’erano accorti…. E’ infatti ad Eco che dobbiamo la folgorante battuta: “no Italiano, medio”.     Anche la sua ripulsa di Berlusconi e del ventennio in cui “spolpando l’Italia” l’aveva anche condannata all’idiozia di massa, era stata messa tra parentesi come innocua stravaganza di intellettuale (dunque, non uno come noi…).  Eppure il suo ultimo gesto pubblico (anche personalmente finanziato…) era stato quello di promuovere una nuova Casa Editrice – la Nave di Teseo -che tentava di spezzare l’orrendo duopolio Rizzoli Mondadori, anzi di più il matrimonio incestuoso dei due colossi.  Entrambi difficilmente definibili promotori e diffusori di cultura.

 

D’altro canto, da quando raggiunse meritatamente “fama e gloria”, seguì scrupolosamente una sorta di doppio binario: rimanere nella cultura “alta” e al tempo stesso essere utile  e fruibile.  Per esempio per i giovani e più in generale per un’opinione pubblica ancora in grado di leggere e scrivere.   Intere generazioni hanno utilizzato il suo “Come si scrive una tesi di laurea”: per sé stessi e come nel mio caso per “sfornare” testi di supporto…

 

Ma è inutile continuare: anche vecchio e un po’ stanco ci mancherà. Ma più che gli specifici eventi di questi giorni, è il quadro d’insieme che dovrebbe davvero preoccuparci.

Invece di appropriarsi di ogni buona notizia – come il premio a Berlino al film del “giovane” Rosi sui Lampedusani e la loro isola.

 

Intanto i dati dell’ISTAT su natalità e mortalità in Italia sono impressionanti e testimoniano che la “terapia” renziana è una vera e propria pratica di eutanasia.   Solo 8 (otto) neonati per ogni mille abitanti  nel 2015… in compenso sono 54mila i decessi (nella fascia 75/95 anni di età…) in sovrappiù rispetto alle proiezioni attese.   Cifre e non chiacchiere…  Erode con i bambini e  “rottamatore” di stampo eugenetico con i vecchi.    Non bastasse questo, sono sempre di più gli Italiani che fuggono da questo delirante Truman Show post-comunista.

 

Altro che gufi.   E, quanto alle cause, basta riflettere un poco per capire che tutta la società italiana viene sospinta in una condizione comparabile (dolcemente si intende…) simile alla Corea del Nord retta dall’”amato leader” Kim. Con una fertilità (e dunque vitalità) riportata ai primi anni dell’Unità (1860).     Certo Renzi non ha fatto tutto da solo, ma il suo ruolo non va – in questo caso – diminuito. Tanto più che i risultati positivi, ancorchè Renzi se ne appropri sistematicamente, sono come e più del solito individuali. Quando sono collettivi sono esemplari della “ribollita” renziana, come nel caso dell’appello dei 400 “Ottimati”.  Al caos sapevamo infatti come reagire, meno al crollo delle aspettative e della partecipazione, dei valori e delle speranze.

 

Grazie Matteo.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto