Flash

19/02/2016

Flash

blogdilifestyle_a665d98db35658bb20cf8a1ab87709ff

 

 

Credevamo Mario Monti fosse (chissà per quali imperscrutabili meriti e nei confronti di chissà chi) solo un Senatore a vita, invece ricopre – con molto piacere – il ruolo di boia politico di Stato… quando bussa alla tua porta preparati a morire.  Qualcuno metaforicamente (se sei – bene o male – membro della “nomenklatura”), qualcun altro, molti altri (i quidam de populo, la gente qualunque) moralmente e perfino fisicamente: un esempio per tutti gli “esodati”della lacrimante Ministra Fornero.

 

Adesso sono passate poche ore ed in concomitanza con il Vertice europeo dedicato a scongiurare (con trattamenti preferenziali e regalie…) la possibile uscita referendaria della Gran Bretagna dall’Unione (che il Generale De Gaulle vaticinava – ed auspicava – già mezzo secolo fa con molte valide ragioni inclusa la preminenza per il Regno Unito della solidarietà inter-atlantica anglosassone rispetto a quella europea…) il Senatore Monti ha annunciato in Parlamento a “Matteosubito” l’imminenza della sua dipartita da Palazzo Chigi.   Lui non funziona (cosa che noi avevamo capito dal primo giorno) e soprattutto comincia a provocare l’orticaria di chi conta in Europa ed ovviamente in Italia.   Con questo “campione” (come l’aveva definito un entusiasta Marchionne) non si va da nessuna parte e si rompe con chi conta in Europa.  Monti dixit… Senza contare il crollo evidente delle sue iperboli gratuite tipo una “ripresa” che semplicemente non esiste (tranne per le legioni di ragazzotte e ragazzotti da lui collocati in tutte le possibili “posizioni”)…

 

E, del resto, come potrebbe l’Italia riprendersi quando anche le più ottimistiche previsioni fissano la “crescita” sotto l’1%, cioè meno della metà della media europea.    Il punto è che la generalità dei Paesi europei dirigono – bene o male –le loro economie.     Lui è diretto da chi gli ha consegnato il  Paese… mentre gli avrebbero più opportunamente affidato altri compiti nelle loro aziende, o interessi.  E Monti glielo ha spiegato.     Vedremo dove il giovanotto toscano  fisserà la sua linea Maginot.   Per ora dovrà districarsi dal pasticcio da lui stesso messo in piedi trasformando una possibile ed utile  legge di diritti civili e di non discriminazione in una specie di referendum su uteri e riproduzioni in laboratorio.

 

E, questa volta, la forzatura autoritaria affidata in Parlamento ai suoi pasdaran vecchi e nuovi (tipo il roccioso Senatore Zanda da un lato e dall’altro le Serracchiani…) non ha funzionato.    Mentre rimane desaparecida la prediletta Boschi “impiombata” da una famiglia forse troppo presente… e troppo”bancaria”.

D’altro canto,  (e a questo punto nodale si riferisce il richiamo alla “naturalità” umanistica del grande Courbet)  il vaso di Pandora era stato incautamente aperto dallo stesso Renzi che spesso non sembra neppure sapere di cosa stia parlando: in questo caso non di quisquilie bensì di visioni del mondo e di irrisolti (e probabilmente irrisolvibili e certamente divisivi) nodi che attendono all’essenza stessa della nostra specie.   Altro che Banca Etruria o cariche alla RAI…

 

Lo ha spiegato con garbo e ragionevolezza il fisico di Pisa delle onde gravitazionali (quelle che piacciono agli scienziati e a noi spaurano nella nostra certificata insignificanza…) attestandosi su di una linea molto lontana dalla disinvoltura di chi si entusiasma di maternità surrogate e manipolazioni genetiche (le facevano già Hitler e i suoi e perfino i civili Svedesi del secondo dopoguerra…).  E’ vero che non era questo in discussione, ma questo (e i due gemelli plasticati    della coppia gay di designer di moda americani esibiti nei media di tutto il mondo) ovvero gli embrioni custoditi in frigorifero in Malaysia dal mio amico statunitense mentre moglie e bambinaie indonesiane portano a spasso i due “scongelati”, ispirano sentimenti ostili.   E ci conforta che gli eccezionali fisici italiani (questo sì nostro legittimo vanto) siano anch’essi “conservatori”.      E – pensate un po’ – Matteo si è messo in mezzo a tutto questo…

 

Intanto – come sempre – il mondo si muove.  Due le ultime notizie.   Papa Francesco – forse “ispirato” dalla pressurizzazione nel volo di ritorno dall’inferno messicano  – ha espresso tutta la sua repulsione per un personaggio che sempre più pare inventato da un cartoonist, Donald Trump.  Di più lo ha sommariamente scomunicato per la sua idea di erigere una “grande muraglia” anti Latinos.   Già che c’era, ha toccato (con la sua celebrata e finta ingenuità) il tema della Cina… che amerebbe visitare.   Insomma una specie di “turista per caso”…  O meglio – ma non lo ha detto – un Matteo Ricci (grande gesuita anche lui) mezzo millennio data.   Ovviamente gli auguriamo di trovare il giusto agente di viaggio… Personalmente ricordo di aver sentito già nel lontano 1979 dalla bocca del piccolo/grande (in tutti i sensi) Deng Xiaoping escludere una simile possibilità.  Certo – affermavano – non per”colpa” loro ma di un Vaticano filo-Taiwan.   Forse adesso Pechino potrebbe “perdonare” Roma.

 

E, mentre Bergoglio volava felice al pensiero dell’Impero di Mezzo, non dimenticandosi neppure di sopire il caos italiano incautamente suscitato dal piccolo Renzi (seguite la coscienza…votate come vi pare…il Papa è misericordioso: perdona perfino l’aborto, se è”male minore”), Obama annunciava di aprire le sue vacanze pasquali con una “due giorni” con Michelle all’Avana.  Turismo certo, ma con un piede nella storia e molte fondate aspettative…  Auguri a tutti già per il mese prossimo e soprattutto per gli amici Cubani…

 

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto