Flash

15/02/2016

Flash

o-GIULIO-REGENI-facebook

 

Eccoci di fronte alla “certificazione” più attendibile (di questi tempi): il quotidiano statunitense – ed internazionale – “New York Times” – che ha documentato come l’appena sepolto Giulio Regeni sia stato massacrato in un omicidio politico, verosimilmente eseguito (sadicamente) da ambienti della sicurezza legati al dittatore Al Sissi (quello che fa rimpiangere perfino Mubarak…).    Il Times ha messo in luce l’ovvia latitanza delle Autorità Egiziane alle quali solo quelle italiane paiono prestare credito… data l’evidente assenza di qualunque presa di posizione… a difesa se non della vita, almeno della memoria del giovane.  Per non parlare della giustizia che in Italia non è mai stato un valore.

 

Al “Times” ha fatto eco il pluridecennale direttore dell’unica rivista italiana di politica internazionale che ha finalmente “scoperto” su “Repubblica” che almeno in questo caso la sua prediletta e già storicamente “nazi-fascista” dottrina “geo-politica” (da cui lo sclerotico e mortifero titolo “Limes” – “confini”) non spiega e non giustifica nulla.   Ora si “scopre” che nessuno Stato (o “comunità”, con termine di moda) può tollerare l’assassinio e lo scempio di un proprio cittadino.  E neppure – aggiungiamo noi –è giustificabile l’averlo abbandonato ai boia mentre si continuavano a firmare lucrosi contratti petroliferi: di più, incaute cronache “a caldo” riportavano di firme in fretta e furia di accordi energetici prima che il “caso Regeni esplodesse in tutta la sua gravità”…

 

Dunque a Roma sapevano e temevano ripercussioni d’opinione pubblica.   Patetico dunque che – a due settimane data – si biascichino ridicoli appelli a salvaguardare i rapporti bilaterali con l’Egitto.  Chi ha sbagliato, paghi… altro che appellarsi alle sanguinarie autorità egiziane.  O davvero abbiamo paura perfino dell’Egitto e del suo dittatore?  E nel coro (comunque troppo tardivo…) al massimo è comprensibile la moderazione di tono del Ministro degli Esteri Gentiloni, mentre le chiose del grillo parlante Sottosegretario radicale Della Vedova  puzzano di prezzemolo.  Di più. sintomaticamente solo l’ex Premier Letta ed il Presidente della Commissione Esteri Casini inquadrano la questione nella sua intollerabile gravità.  Quest’ultimo chiama in causa il “convitato di pietra” Matteosubito.    Colto da un’afasia alla quale non ci aveva abituato: loquace con “Zia Angela”, querulo al lancio (prima del tonfo) in Borsa della Ferrari del suo autorevole sponsor Sergio Marchionne, arrogante fino all’impudenza nei salotti internazionali

E soprattutto ossessivamente ubiquo.   Ora desaparecido all’ombra di uteri e vagine.

 

Ora vedremo se il garbato ammonimento dell’analista internazionale di regime scioglierà la lingua – e le azioni – del giovane premier che risulta “desaparecido” da giorni… Come fa sempre quando neppure la sua fervida fantasia (ed i suoi suggeritori) riescono a cucinare trionfi.  Inesistenti.     L’economia va male, del credito (per così dire…) manco a parlarne, l’occupazione scende, non sale.   Resta solo Sanremo – e il dibattito omo-riproduttivo – a spingere l’acceleratore del rincoglionimento nazionale.

 

Di più. La “selezione” dei candidati Sindaci si svolge nei Tribunali e non solo per la “suonata” opposizione dei Berlusconi Salvini Meloni Inc, ma anche per le quadrate legioni PD.   E grazie a Dio per loro, che i “Pentastellati” parlano d’altro e procedono in una sorta di ubriaca rappresentazione autoreferente.

 

Quindi, se Berlusconi estrae dalle aule di giustizia il Bertolaso del Vertice (mancato) della Maddalena , dei terremotati – a vita – dell’Aquila (quel Bertolaso definito da Hillary Clinton- Segretario di Stato USA- come uno che scambia Haiti distrutta dal sisma con la stessa Aquila….) e lo propone come risposta a Marino (il che – magari – fa paradossalmente senso…), Matteosubito sta – per una volta – in disparte e aspetta che si sollevi il polverone.   Compreso quello provocato da lui stesso con il guazzabuglio dei diritti “civili”.   E figuriamoci se non erano civili…

 

Ma torniamo a Giulio e al suo sacrificio.  Speriamo almeno un po’ inconsapevole e quindi ancora più grande. E degno.  La faccia di bronzo nazionale e la sua inarrestabile loquela si facciano sentire.  E a proposito, per piacere.   Ricordiamo che qui non si tratta del farneticante caso auto-prodotto dei marò, dove i morti stavano dall’altra parte.  Qui il morto è nostro.

 

Ed infine unque il Governo non può sfuggire dalla proprie responsabilità.   Faccia – di fronte all’opinione internazionale – il “minimo sindacale”.   E – a proposito di Sindacati – non c’è da meravigliarsi della loro scomparsa in Italia: dopo milioni di manifestazioni di tutti i tipi e per tutte le cause non si sono neppure accorti di cosa faceva e con chi parlava in Egitto Giulio Regeni.   O forse poiché quei sindacalisti egiziani non avevano tessere e non erano burocrati mandarinali non si è prevista manifestazione alcuna….  Solo imbarazzato silenzio.

 

Infine vorremmo concludere con un raffronto che aiuta a capire lo stato di confusione mentale in cui si trova la “nomenklatura” nazionale.  L’isteria che ha avvolto il caso marò, tra parentesi quelli che comunque hanno lasciato morti dietro di sé due poveri pescatori indiani e che hanno trascorso sì molti mesi “lontano da casa”, ma rischiando poco o nulla, alloggiati in alberghi a cinque stelle, “rifocillati” in tutti i sensi dalle nostre autorità nazionali in patria ed in India.    E, a fronte di ciò, la neghittosa indifferenza per Giulio.   E per ciò che ha rappresentato e sempre più rappresenterà.     Non solo ma – dietro il singolo errore commesso – ce ne è un’intera catena: sottovalutare l’India e, per converso, sopravvalutare l’Egitto, equiparare l’essere nel giusto ed avere torto, cause forti e nobili e dubbia routine di polizia internazionale.  E poi ignorare il vasto mondo e sostanzialmente infischiarsene: insomma un ripetuto capolavoro di provincialismo ed ignoranza.

 

Ci avviamo al bicentenario, ma siamo sempre lì.

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto