Flash

09/02/2016

Flash

tammany-tiger

 

Non ci rallegra affatto, eppure la nostra “profezia” di sabato scorso si è realizzata bene al di là delle previsioni: Il giovane Regeni viene descritto come morto “a furia di botte” sul più diffuso quotidiano italiano – la “Repubblica”, ovvero l’”House Organ” del finanziere Carlo De Benedetti e del PD renziano….

 

A noi questo orrendo (anche giornalisticamente…) titolo ci ha fatto sobbalzare ed inorridire:  sarebbero forse “botte” tagliare un orecchio, coprire il corpo di tagli e bruciature, denudare e profanare il corpo ed infine spezzare a morte la vertebra cervicale?    Il neo Direttore del quotidiano governativo “Repubblica” non si è forse accorto di quell’“azzeccata” presentazione del pezzo da lui pubblicato… Anche qui, a noi il tutto ha paradossalmente ricordato un recente dibattito con cui il Parlamento italiano si era rifiutato di varare una legge anti-tortura che ci allineasse alle norme internazionali.  Giustificazione addotta?  Siffatta legge avrebbe infatti interdetto gli auspicati “interrogatori robusti” (vedasi verbali parlamentari testuali dell’epoca…).   Ma ci sembra che questi temi e questo linguaggio andrebbero maneggiati con sensibilità e rispetto, anche e soprattutto dal nuovo prudente Direttore di Repubblica, Mario Calabresi.   E tanto basti.

 

Intanto – ad una manciata di ore dall’apertura del Festival di Sanremo – l’umore ed il “Minculpop” governativo (vedasi) non tollera le “cattive” notizie, che però arrivano da tutte le borse. Italiane in prima fila, dopo quelle asiatiche. Da noi in più si riaffaccia lo “Soread” fra titoli pubblici italiani e tedeschi. Con buona pace della preferenza di Renzi per il sistema bancario italiano rispetto a quello tedesco…

 

Intanto, in attesa del “lavacro” sanremese (che avrebbe dovuto essere cancellato per un lutto nazionale di cui manco si parla ) continua il dibattito omo “riproduttivo” in Parlamento.   Con il noto Formigoni  che ci spiega cosa si può fare e non fare…     Intanto il PD suona  i tamburi di un “trionfo” alla farsa “primarie” che ha peraltro trasformato Palazzo Marino in una specie di Tammany Hall newyorkese della prima metà del secolo scorso: i Cinesi della Chinatown milanese (già cara alla Sindachessa di destra Moratti) hanno “votato” compatti a favore di quel Sala reduce dal “successo” dell’Expo, nonché passato da destra a sinistra come un funambolo.

 

Ai dem non importa che il Sala sia indagato, che non abbia nulla a che vedere con la tradizione operaia, socialista e democratica di Milano.    Gli piace, gli piace tanto. E i “votanti” cinesi accorrono al soccorso.  Appunto Tammany Hall (vedasi).

 

Ma da questo blocco politico “renziano”(sopravvissuto alla Banca Etruria della leggiadra Boschi) ci si può aspettare questo ed altro…. Ed intanto il Presidente Mattarella finisce il viaggio “sinodale” a Washington: purtroppo un viaggio che ci ricorda per più versi quelli indimenticabili di Leone.    Nonostante l‘evidente compostezza.  Del “primo Presidente siciliano”. Obama dixit.

 

Che più?   Che ci aspetteremmo che venerdì (il giorno dei funerali di Giulio Regeni) fosse proclamato il lutto nazionale e la ricerca della giustizia sia assunta al massimo livello possibile. Altro che gli “affari” con l’Egitto.  ENI e non solo.  E tanto meno chiedere una buona parola all’Amministrazione (uscente…) Obama.

 

Ci sarà o no una cosa che possiamo fare da soli?  In primo luogo da soli.  Oltre a prenderci in giro con tutte le asfissianti girandole sul nulla.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto