Flash

09/02/2016

Flash

tammany-tiger

 

Non ci rallegra affatto, eppure la nostra “profezia” di sabato scorso si è realizzata bene al di là delle previsioni: Il giovane Regeni viene descritto come morto “a furia di botte” sul più diffuso quotidiano italiano – la “Repubblica”, ovvero l’”House Organ” del finanziere Carlo De Benedetti e del PD renziano….

 

A noi questo orrendo (anche giornalisticamente…) titolo ci ha fatto sobbalzare ed inorridire:  sarebbero forse “botte” tagliare un orecchio, coprire il corpo di tagli e bruciature, denudare e profanare il corpo ed infine spezzare a morte la vertebra cervicale?    Il neo Direttore del quotidiano governativo “Repubblica” non si è forse accorto di quell’“azzeccata” presentazione del pezzo da lui pubblicato… Anche qui, a noi il tutto ha paradossalmente ricordato un recente dibattito con cui il Parlamento italiano si era rifiutato di varare una legge anti-tortura che ci allineasse alle norme internazionali.  Giustificazione addotta?  Siffatta legge avrebbe infatti interdetto gli auspicati “interrogatori robusti” (vedasi verbali parlamentari testuali dell’epoca…).   Ma ci sembra che questi temi e questo linguaggio andrebbero maneggiati con sensibilità e rispetto, anche e soprattutto dal nuovo prudente Direttore di Repubblica, Mario Calabresi.   E tanto basti.

 

Intanto – ad una manciata di ore dall’apertura del Festival di Sanremo – l’umore ed il “Minculpop” governativo (vedasi) non tollera le “cattive” notizie, che però arrivano da tutte le borse. Italiane in prima fila, dopo quelle asiatiche. Da noi in più si riaffaccia lo “Soread” fra titoli pubblici italiani e tedeschi. Con buona pace della preferenza di Renzi per il sistema bancario italiano rispetto a quello tedesco…

 

Intanto, in attesa del “lavacro” sanremese (che avrebbe dovuto essere cancellato per un lutto nazionale di cui manco si parla ) continua il dibattito omo “riproduttivo” in Parlamento.   Con il noto Formigoni  che ci spiega cosa si può fare e non fare…     Intanto il PD suona  i tamburi di un “trionfo” alla farsa “primarie” che ha peraltro trasformato Palazzo Marino in una specie di Tammany Hall newyorkese della prima metà del secolo scorso: i Cinesi della Chinatown milanese (già cara alla Sindachessa di destra Moratti) hanno “votato” compatti a favore di quel Sala reduce dal “successo” dell’Expo, nonché passato da destra a sinistra come un funambolo.

 

Ai dem non importa che il Sala sia indagato, che non abbia nulla a che vedere con la tradizione operaia, socialista e democratica di Milano.    Gli piace, gli piace tanto. E i “votanti” cinesi accorrono al soccorso.  Appunto Tammany Hall (vedasi).

 

Ma da questo blocco politico “renziano”(sopravvissuto alla Banca Etruria della leggiadra Boschi) ci si può aspettare questo ed altro…. Ed intanto il Presidente Mattarella finisce il viaggio “sinodale” a Washington: purtroppo un viaggio che ci ricorda per più versi quelli indimenticabili di Leone.    Nonostante l‘evidente compostezza.  Del “primo Presidente siciliano”. Obama dixit.

 

Che più?   Che ci aspetteremmo che venerdì (il giorno dei funerali di Giulio Regeni) fosse proclamato il lutto nazionale e la ricerca della giustizia sia assunta al massimo livello possibile. Altro che gli “affari” con l’Egitto.  ENI e non solo.  E tanto meno chiedere una buona parola all’Amministrazione (uscente…) Obama.

 

Ci sarà o no una cosa che possiamo fare da soli?  In primo luogo da soli.  Oltre a prenderci in giro con tutte le asfissianti girandole sul nulla.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto