Flash

cosmopolitalynet 06/02/2016

Flash

91845297_339800885_b2d20a82d8_o

 

La confusione è al massimo (ammesso e non concesso che non si possa andare ancora oltre…).  Il dolore e la perplessità sono al diapason.  Il contrappunto è costituito dal mortifero terremoto  nell’isola di Formosa (Taiwan) nel Mar della Cina meridionale: tanto per ricordarci  quanto poco contiamo sulla Terra…

 

Il sadico omicidio del Cairo (mentre torna in Italia il corpo straziato del giovane Giulio Regeni) non è stato adeguatamente spiegato.   Anzi per nulla. La dittatura militare “filo-Occidentale” egiziana è alla ricerca di una “soluzione” che “salvi la capra” (gli affari con l’Italia ed in particolare con l’ENI) ed i cavoli (un minimo di decenza per sanare un omicidio e soprattutto la faccia del Governo italiano che ha – forse incautamente – dimenticato il proprio record di omicidi di polizia e perfino di “ricovero sanitario”.   Forse ci riusciranno congiuntamente (Governo italiano ed egiziano) fino al lavacro giubilare (la “misericordia” appunto) e a quello – risolutivo per l’opinione pubblica italiana -   del Festival di Sanremo.   Poi arriverà la primavera ed il profumo delle vacanze.

 

Intanto l’assertività italiana (tutti possiamo canbiare…) viene corroborata da una pioggia di assoluzioni (es.: caso De Luca) ed una spruzzata di arresti (Sindaco di Brindisi) e rivelazioni “moralizzatrici” (affittopoli romana) e dall’ultima invenzione renziana: l’alleanza progressista ed anti-austerità con il ”socialistuccio” Hollande.   Entrambi dimentichi evidentemente che anche sul fronte della disfatta europea: due debolezze non fanno una forza.

 

In questo modo i fatti, la dura e crudele realtà di questi giorni, sono destinati a svaporare.   In fondo, fosse ancora vivo il compianto Andreotti tornerebbe di attualità la sua cinica affermazione “in fondo se l’era cercata”.  Parlava di uno che aveva messo dito e penna dove era meglio ignorare.  Un archetipo rovesciato di quello che sicuramente faceva il nostro Giulio.  C’è Giulio e Giulio.  Andreotti e Regeni: due Giulii e due visioni del mondo e forse di sé.  C’è italiano e italiano.

 

Tenendo presente tutto questo, non possiamo che apprezzare la franchezza del Ministro degli Esteri Gentiloni che ha definito “insufficienti” le prime dichiarazioni egiziane.    Speriamo tenga duro.

 

Intanto riprende quota il ciclone Bergoglio (piano, piano affievolitosi e quasi rientrato nella “normalità” declamatoria papale).    Certo a noi non è piaciuta l’”ostensione” in giro per Roma (un termine ripescato chissadove dai curiali…) del corpo imbalsamato di quel Padre Pio da Pietrelcina che ancor oggi divide nonostante l’adorazione globale che lo circonda (e l’ha fatto Santo).  Per quanto ci riguarda, noi abbiamo incontrato più persone da lui respinte a male parole di quelle accolte e “miracolate”.   Ma in questo campo non  abbiamo nessun titolo per contestare le scelte di Bergoglio…  Ed inutile anche contrapporre al “culto delle reliquie” (per noi sinistre da quelle cattoliche giù giù fino a Lenin e Mao…) il precetto “pulvis… ac pulvis redibis”.      Il nedioevo è duro a morire…

 

Il quale Pontefice ha nel frattempo realizzato un nuovo “colpo” mediatico: venerdì prossimo a Cuba, Avana, (da sempre città-ponte tra vecchio e nuovo) incontrerà il Patriarca russo Kyril: chiudere cioè uno scisma che dura ormai da un millennio (1054).     Ed i Cubani sono riusciti a segnare un nuovo punto più che diplomatico.   Buon auspicio per il loro proprio “cambiamento? Vedremo…

 

In breve: il palcoscenico è più globale che mai.  Gli attori in scena sono – chi più chi meno – all’altezza dei loro ruoli: forse più convincenti nella parte i “cattivi” che i “buoni”. Il coro annoia. La trama è doverosamente stantia.    Se possibile, buona domenica.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto