Flash

28/01/2016

Flash

sabbia

 

Non si era ancora spenta l’eco dell’evacuazione manu militari della principale Stazione ferroviaria di Roma per il passaggio minaccioso di un omino dotato di arma giocattolo, che un nuovo farsesco episodio  ha investito il Belpaese… palesemente prigioniero di una pandemia di cretinismo.

 

Zelanti ed ottusi preposti al Cerimoniale di Palazzo Chigi (“Bananas”?) si sono esercitati nella copertura delle pudende greco-romane nei Musei Capitolini onorati dalla visita di un Ayatollah il quale – tra i numerosi incarichi ricoperti nella natia Repubblica islamica dell’Iran- detiene anche i cordoni di una pingue borsa di commesse ed affari che fa gola all’asfittica industria italiana ed ai suoi padroni.   Evidentemente molta acqua è passata da quando per ossigenare le relazioni bilaterali con un Paese “ospite” bastava avvisare il Questore della Capitale perché provvedesse – grazie alle sue conoscenze professionali – ad un congruo rifornimento di “Belles” da destinare ai virili appetiti dello Sciah Rezha Palevi.   Un’usanza d’accoglienza peraltro più volte ripetuta in anni più recenti e generalmente a carico del visitatore medesimo (ricordate le vaste adunanze femminili reclutate dal Colonnello Gheddafi e culminate per sovrammercato in caroselli equestri dei Carabinieri?…).

 

E dunque non sorprende che la stampa internazionale si sia fatta quattro risate: assai preziose di questi tempi.   Nel Paese del cappuccino e cornetto e – ove possibile – della pizza (il famoso “nostro stile di vita” che difenderemo con i nostri petti dalle orde barbariche che minacciano anche la “polenta taragna” leghista quotidianamente ostentata nelle televisioni di Stato da un rozzo e saccente politico sovrappeso) la cultura è diventata un oggetto misterioso e, dunque, cancellabile “ad libitum”, a piacere.  Naturalmente il saggio Rouhani per primo ci ha scherzato sopra con benigna comprensione per l’ottuso provincialismo degli “ospitali” Italiani.

 

In verità siamo sempre lì: Franza o Spagna purchè se magna.  E nessuno paga.  Tranne noi….

 

Ma restiamo per così dire in tema poiché oggi nell’Italia in ripresa (sic, doppio sic!) non ci sono altre preoccupazioni che le contrapposte manifestazioni di piazza e le deliberazioni legislative su coppie etero, omo, lgbt, riproduzione e diritti e chi più ne ha più ne metta…

 

Ovviamente la confusione è al massimo, il buonsenso al minimo. Ci attendono un paio di settimane di caos.   Ed intanto la sola parola chiara ed intellegibile è paradossalmente arrivata da un dignitario (il cardinale Bagnasco, “capo” dei vescovi italiani) che noi non amiamo ma rispettiamo: “il figlio non è un diritto”.   Ecco qua il punto: si possono volere o non volere i figli, ma non si possono pretenderli, non si possono inventare o costruire a piacimento come i due piccoli “Lord Fauntleroy esibiti da una coppia gay di designer statunitensi.   La riproduzione umana, la molteplicità del “noi” (più o meno “sacrale” che sia…) non può essere ridotta – a nostro avviso – all’ingegneria genetica.    Non ci piacciono gli OGM, tanto meno quelli umani.   E dispiace che sia proprio la Chiesa di Roma a difendere  questo valore basico quando per decenni ha ostacolato le adozioni per difenderne il “business”.

 

Detto in altri termini, le libertà e i diritti vanno rispettate e tutelate, ma non confusi con una onnipotenza illusoria e che cancellerebbe invano l’ultimo mistero rimasto: il prima e il dopo.

 

Oltre tutto un fiume di falsa melassa (sponsorizzata da chi vuole occultare i “problemi” risolvibili) tenta di cancellare come la crescita degli individui non sia un fatto di “amore” bensì la successione di eventi casuali e/o determinabili e soprattutto una via tutta da costruire.

 

Ci dispiace per aspettative genitoriali infantili, ma l’omologazione si può fare solo per i modelli di vettura da acquistare, non per le vite altrui.   Senza contare che – ormai – i bambini si possono “pescare” come tonnetti nel Mediterraneo.  Belli, brutti, unici.

 

Ma chiudiamola lì, nella settimana in cui il piccolo Renzi ha inaugurato il centro-destra con l’ottimo e plurinquisito Denis Verdini, già uomo di stocco parlamentare di quel “padre della patria” che fu Silvio Berlusconi.    La nausea assale e non basterà a fermarla una dose massiccia di buonsenso ritualizzato del Presidente Mattarella che ha aspettato il “Giorno della Memoria” per denunciare i guasti e veleni dei “patriottismi” e delle egemonie “nazionali”.

 

Anche qui: eravamo un Paese internazionalista e non ce ne eravamo accorti.

 

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto