Flash

29/12/2015

Flash

MATTEO RENZI

 

Mentre ascoltiamo il discorso di Capodanno del Premier (sic)  rivolto con voce insolitamente monocorde “Urbi et Orbi (e ricordiamoci del detto “beati i monocoli in terra ciecorum…) che il “Premier” ha la bontà di rivolgerci con la consueta prevedibile raffica di vittorie di cartapesta, possiamo “digerire” un Natale che più triste non si poteva.

 

Ce lo ha annunciato con un tasso irrefrenabile di squittii e miagolii senza precedenti la “notista politica” (tal Tatiana)  dell’ex Telekabul, oggi Tele Contado fiorentino: in proprietà diretta (con l’intera RAI) di Palazzo Chigi e del suo inquilino.   La giovane donna (non delle meno preparate) è affetta da gravi disturbi di fonazione e, dunque, irrompe in voce come un gatto moribondo.  Insomma la professionista giusta al posto giusto.  Tanto i telespettatori italiani sono sordi (oltre che “bocconi”.    Ma – questa mattina – il giovane Renzi naturalmente parla da solo con il suo piffero magico.    Gli squittii arriveranno questa sera con i telegiornali destinati a magnificare contenuti e stile del messaggio.  Corredato ovviamente di “slides” da rappresentante di commercio.  Ed un altro anno si è pressoché chiuso.  Renzi Dux.

 

A caso: la stabilità l’ha inventata lui, Mattarella pure.  Pompei l’ha scoperta lui… e subito richiusa perché non la sporchino i turisti (rimasti fuori dai cancelli già l’indomani dell’ispezione sua e del prode Francreschini quello che le assunzioni le fa sull’Economist).

 

Sintesi.  L’Italia trionferà.   Lo dice lui.   Il 2015 è stato l’anno delle “riforme”, il 2016 sarà l’anno dei valori.  Nel frattempo ha incontrato 132 leader mondiali e da loro ha capito che “venceremos”.  Anzi lui vincerà e poi, poi…  Dopo la “Presidentura” si ritirerà: novello Cincinnato.

 

 

Maglio: pago “all’anglosassone” del job compiuto, percorrerà altre vie.    E per favore ci faccia sapere dove andrà… per andare dalla parte opposta.

 

E’ seguito uno straziante “report” sulle centraline per l’inquinamento:  il caos delle misure adottate intanto è il frutto avvelenato della malevolenza dei non renziani.  Quanto alle “stime” grilline dei morti (68mila sulla “ruota” pentastellata…) sono semplicemente immorali.  Matteo dixit.   Nulla dice sull’incremento della mortalità registrata dall’INPS negli ultimi mesi: anzi i pensionati con lui rigano dritto  e fanno il loro dovere…. Cioè muoiono…..    Ad majora.

 

Quanto al consenso (suo e dell’eccitato battaglione PD) in calo crescente: di fatto lui se ne frega.  Ed infatti – secondo lui – quello che conta è che gli Italiani “hanno ricominciato a “spendere” – ma per cosa? Capponi o sfilatini?  In breve tra due anni e mezzo ineluttabilmente lui vincerà.  Dunque non se ne andrà… come aveva promesso.

 

Sulle banche, naturalmente svicola via.  E ripete: non le cambierei con quelle tedesche.   Lui, non noi…

 

Bravissimo anche sulla pappardella delle clausole europee.  Il tono è il suo: il saputello che è sempre “a posto”.    Ma con chi?  Con i pensionati italiani che muoiono?  O con il 3% della sua manovra in deficit… O con i suoi “sponsor”?

 

Breve sintesi provvisoria.    In questi giorni la luna è calante, Renzi pure.   Alla lunga l’”omarino” che aveva ridicolizzato il diligente Enrico Letta sta ridicolizzando sé stesso: studi la parabola del bonaccione Berlusconi.   De te fabula narratur.

 

E noi?  Beh: pensiamoci con le nostre testoline.   Certo non con Salvini o l’irsuto Grillo e e e:

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto