Flash

24/12/2015

Flash

Bad_Santa

 

 

La sapevate questa: a dispetto delle statistiche che fanno stato di un Paese comunque uscito in mezzo secolo – o poco più – dal semianalfabetismo di massa, dotato di un congruo numero di laureati e di “masterizzati”, nonché discretamente connesso da una lingua nazionale (conosciuta perfino nelle plaghe “leghiste”…) ebbene esiste un luogo in cui sopravvive e si moltiplica l’arretratezza culturale (e non solo culturale) della “neo-Italietta”?  E qual è questo luogo che ci rimanda all’”età dell’oro” del Belpaese?  Semplice: il Parlamento nazionale: Camera e moribondo Senato e in generale l’intera nomenklatura del potere.

 

E’ infatti qui che le statistiche nazionali arretrano in una mezza voragine composta di semianalfabeti, esperti in nulla, in breve “personaggetti” come li definirebbe lo “sceriffo” campano De Luca.   Calunnie le nostre?   Nient’affatto perché appoggiate a solide statistiche che ci dicono incontrovertibilmente come il livello culturale certificato tra i membri dell’Assemblea Costituente del 1947 era circa doppio di quello registrato tra i parlamentari ed affini di oggi.   Ed ecco qui una semplice spiegazione dello sfacelo che stanno compiendo a ritmo accelerato.   O che lasciano compiere ad un giovanotto (spesso in tuta mimetica, prossimamente abbigliato come Nembo Kid… e dotato di apposita Kryptonite  regalatagli dai suoi influenti sponsor),      Solo così si può spiegare la caduta verticale del Paese (Lui la chiama ripresa irrefrenabile, quasi travolgente con il motto “semo li mejo”).   Peccato che se ne accorga solo lui….

 

Quello che lui non sa (evidentemente non c’era bisogno di dirglielo…) è che egli stesso costituisce la “versione italiana” di un modello planetario ciberneticamente elaborato per impersonare un “potere democratico” universale carismatico e rappresentativo (nei cosiddetti Paesi di democrazia capitalista ed “occidentale”: occidentale più o meno).   Uno così  ce l’hanno perfino nella lontana Indonesia (il Paese musulmano demograficamente più grande con oltre trecento milioni – e più – di abitanti senza contare quelli non censiti più gli infanti abbandonati e quindi neppure meritevoli di nome e cognome, e futuro) ove da pochi mesi si è insediato un giovane “politico” di nome Widodo.   Ma Widodo è meglio di Renzi perché assomiglia assai ed è quasi bello come Obama.   Il che non potrebbe dirsi di Renzi neppure sotto le volte osannanti della Leopolda.

 

C’è da dire che gli Italiani – per le ragioni anzidette e grazie al ”ricco” pluralismo dell’informazione di cui godono – nulla sanno di tutto questo e neppure sanno bene dove sia l’Indonesia (quarto o giù di lì Paese al mondo) e poi  – per quanto attiene l’Asia – sono reduci dalla fatica di “distinguere” la Cina dal Giappone nonché frastornati dal “ribaltamento” di importanza tra i due.   Ma non sono solo i cittadini “comuni” a non saperlo: non lo sanno neppure i governanti che paiono scegliere i loro carnet di visite nel vasto mondo o dai cataloghi delle agenzie di viaggio, oppure – quasi sempre – perché qualche influente gruppo o interesse economico glielo “suggerisce”.   Inutile poi meravigliarsi se gli ospiti, quando se li vedono arrivare, cascano dalle nuvole e sono perfino un po’ infastiditi.   Un ricordino personale: in questi ultimi sei mesi – mi sono trovato spesso a Cuba (alla ribalta vuoi per la visita di Papa Francesco, vuoi per la riapertura delle relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti).  Ebbene l’Avana è stata “beneficata” da una visita di Stato di Hollande durata ben tre giorni con tutto quello che ciò comporta anche in termini economici e culturali.   Ma anche Renzi vi ha fatto un’escursione durata meno di 24 ore culminata con una “lectio magistralis” (ma de che?).  E – non a caso – i media cubani lo hanno definito “alto funzionario” dall’Italia.  E tanto basti.  Altro che Premier, come dicono qui.

Siamo forti.  Tutto il mondo ci invidia…

 

Sarebbe dunque un caso di scuola del famoso “se la cantano e se la suonano”, ma purtroppo è più che così.    Infatti, sparita (per ragioni anagrafiche e per mano del destino, ma anche per sanguinoso intervento “umano”: esempio Aldo Moro e non solo) una generazione con qualche caratura intellettuale e culturale (se non propriamente “morale”…) il Paese vive in una orrenda diarchia: da una parte i lustrini, le trombette (e i trombettieri) comunque “renziani” (quelli pro e quelli contro) e dall’altra la mediocrità di una classe dirigente (burocratica e affini) selezionata attraverso la “meritocrazia all’italiana” cioè a rovescio.  Parametrata sul tasso di ossequio.  Insomma una più che grigia, sinistra, “demeritocrazia”.  I risultati arrivano fino all’emblematica “Città Capitale” immersa in un buio fisico e spirituale perfino peggiore che durante l’occupazione nazista.

 

Quando un bubbone scoppia (come nel caso della ex Popolare Etruria) è tutto un accorrere di pompieri e salvatori della “diarchia” di potere.    Fino a cercare di cancellare l’evidenza che è sotto gli occhi di tutti: il pensionato suicida perché derubato e beffato, il “papà” Boschi che si aumenta il “valzente” e realizza plusvalenze (pare il 68%) sulle sue azioni ma sentenzia l’Antitrust ed un Parlamento “bulgaro”: “non c’è conflitto di interessi”.   Quanto ai burocrati (tipo Banca d’Italia, ovvero “Banca de Noantri) questi ricevono l’affettuosa solidarietà del Quirinale.      Hanno fatto quello che dovevano, cioè guardare dall’altra parte.

 

Il tutto approvato e celebrato con il bolscevico consenso di un Partito che – con il supporto di un Italiano su cinque – già detiene la maggioranza parlamentare e si pappa tutto il pappabile: tipo la RAI.   Certo da una parte sola: quella dei lavoratori… sai che risate… ed altre risate per essere entrati in rotta di collisione con le Istituzioni Europee, che – almeno – sono più furbe.    Mentre da noi pensano di poter fare qualunque cosa: tanto siamo invisibili… e inscrutinabili.

 

Intanto la miopia del potere viene “miracolata” quando sono in ballo le cose “serie”, la voce del “padrone”: così mentre tutta l’architettura della politica estera è la stessa di quella di Cavour (i bersaglieri in Crimea ed ora i seimila sparpagliati dall’Afganistan a chissà dove…) si concede la “grazia” per un condannato statunitense (già capo-stazione CIA a Milano) per illegalità compiute sul nostro territorio nazionale.  Sigonella addio.  Scusate, c’eravamo sbagliati.

 

Pensierino finale.   In tanto squallore spicca il caso autoprodotto ed irrisolto dei marò “martiri” in India (a cinque stelle…), ma spicca soprattutto la contraddizione messa in moto dal nuovo Papato: tante belle parole e qui sulle sponde del Tevere risultati praticamente nulli.  A meno di non considerare un risultato la prevedibile conversione (a tappe: dal Cardinal Martini a Papa Bergoglio) di un grande “vecchio” (come il celebrato Scalfari) non già del rinnovamento dell’Italia bensì dell’incartapecorimento della Repubblica.

 

E per oggi potrebbe bastare.  Insieme al cenone di magro (tradizione!) e a qualche stuzzichino di “misericordia” giubilare.  Ma non per la memoria: per esempio del povero Cucchi e di tutti i Cucchi d’Italia.    Piuttosto per quei carabinieri che (secondo la Procura…) si erano tanto “divertiti” a spezzargli le ossa.   Non siamo solo “forti”, siamo anche buoni.

 

Arrivederci a Capodanno.

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto