Flash

22/12/2015

Flash

image

 

 

Siamo alla Verna, paesino toscano e presidio francescano: “dotato” della sua brava banca del “territorio” (ma esiste un luogo in Italia e nel mondo che non sia “territorio”?).  E qual è questa “banca”?   Semplice: la nostra cara Popolare (ora felicemente lucidata a nuovo “Spa”, Società per azioni: azioni di chi?  Dei risparmiatori, truffati e non. ?    Ma no: degli accorti finanzieri, quelli per i quali le banche esistono.

 

Parla un anziano di “campagna” e racconta come i suoi trentamila euro, messi da parte anche per comprarsi una elegante e funzionale dentiera (evidentemente era sfuggito alle famose dentiere omaggio di Berlusconi…) si siano vaporizzati grazie all’accorta gestione della “sua” banca operata anche da quel certificato galantuomo di “papà Boschi”.  Mentre, nel frattempo, il Consiglio Superiore della Magistratura è costretto a convocare il Procuratore di Arezzo che era stato cooptato a Palazzo Chigi….. E così il nostro anziano racconta al vento come la dentiera gli sarebbe servita per ricongiungersi – bello e sorridente  – all’amata moglie scomparsa molti anni addietro per leucemia.  Un ricongiungimento – dice lui – vaticinato dalla “nostra santa religione”.   Una sommetta frutto di ovvi sacrifici e pari (per avere un’idea) ad un quinto del famoso “dono” del Cardinale Bertone per il “decor” del suo “attichetto” a San pietro.

 

Intanto – mentre il Parlamento parte in  vacanza per tre, tre, settimane, il Duo Mattarella Renzi batte le piazze d’Italia e del mondo per descrivere il Paradiso che ci hanno regalato.  Entrambi descrivono il “malo” mondo che ci circonda: dai perfidi Danesi che sottrarrebbero ai profughi le poche risorse rimastegli (ma – a proposito – che fine hanno fatto i denari e i monili sequestrati ai disgraziati mesi addietro su di una unità navale italiana?).   Il Presidente Mattarella – come si conviene – ricalca al Quirinale le orme di un suo illustre predecessore che lamentava i ritardi nei soccorsi ai terremotati dell’Irpinia.  Oggi Mattarella – dopo aver affettuosamente rincuorato il Governatore Visco reclama la tutela del risparmio.  Giusto, loro che c’entrano?    L’importante è proteggere non il vecchietto dellla Verna, ma la bella Mari ed il suo “maggiore” e tutti i “potenti” nazionali.

 

Poi, come al solito, “Matteosubito” batte tutti e – truccato alla Spielberg – si intrattiene con i soldati (“campione scelto) dei sei mila che – quatti quatti – abbiamo sparpagliato nel mondo… senza aver mai tenuto un congruo dibattito parlamentare e d’opinione sulla politica estera del Paese.   Ma tant’è… Matteo ha vinto anche le elezioni spagnole (per quelle italiane si vedrà tra qualche anno…) dove l’emergenza delle forze anti-nomenklatura porterebbe .- dice lui – alla terribile “ingovernabilità”.  Da noi no, grazie alle elezioni truffa previste dall’Italuicum.  Anzi meglio abolirle del tutto per evitare… confusione.   Da noi il Primo ministro elegge il Presidente, il Presidente sceglie il Primo Ministro e tutti e due scelgono l’altro.  Perfetto… e buono per i secoli dei secoli.

 

Non solo ma Matteo (in attesa delle sue vacanze “di Stato”, come d’abitudine) continua la sua offensiva sbruffonesca: “non cambierei le banche italiane con quelle tedesche.  E già…

 

A copertura finale (la glassa sulla torta…) i media sovvenzionati insinuano il dubbio che i proclami caritatevoli di Papa Bergoglio (tipo le parrocchie che dovrebbero accogliere i rifugiati e magari anche i poveri e i marginali)  non siano stati accolti adeguatamente.   Mal comune, mezzo gaudio…

 

In sintesi Matteo mantiene i nervi saldi e contina a descrivere la situazione come “eccellente”. Per lui di sicuro…   Nonostante non vi sia traccia positiva alcuna per la stragrande maggioranza degli italiani.     Il Presidente Mattarella gioca invece sul tasto della gravità della situazione (esempio credito e risparmio): tuttora sconosciuti i responsabili.  Ma certamente “pagheranno”… Fioretti…?

 

In sintesi, le differenze tra le prese di posizione tra le due massime magistrature della Repubblica paiono più caratteriali (cilicio versus frizzi e lazzi) che politiche: entrambe fuori registro per i bisogni e le latenti aspettative degli Italiani.

 

Ciliegina finale.   Tra i proclami decembrini non poteva mancare l’inefffabile Angelino (Alfano) che ha vantato il riuscito “coniugio” (termine coniato da lui medesimo ed evidente frutto di vaste letture) tra diritti democratici ed esigenze di sicurezza.   Anche qui missione compiuta: incluse le cariche alla manifestazione di quei sovversivi pericolosi (ah, ah) della FIOM e la sparizione dai vivi della solita quota di marginali sottoposti a “pietosi” trattamenti di “terapia” obbligatoria.   D’altro canto come il caso Cucchi insegna e come il Parlamento ha ribadito cassando la legge sulla tortura (per evitare la repressione degli interrogatori “robusti” come li hanno definiti… e lodati).  E poco male se vengono riservati anche a chi non è colpevole di nulla.

 

Però – è questa è l’unica nota positiva – a Roma si respira come a Sankt Moritz.  E si sta a casa…  Non si spende e si sta a sicuri.    Evviva: siamo tornati agli anni ’50 del secolo scorso: poveri… ma non tanto belli.

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto