Flash

10/12/2015

Flash

Daumier_parlamento

 

 

Tre giorni fa – vigilia dell’apertura (rivelatasi moscia assai) del Giubileo della “Misericordia” – chiudevamo la nostra nota con la frase “allora per noi non c’è speranza”.  E così è stato.

 

Infatti, mentre Matteosubito ed i suoi accoliti si preparano per l’ennesima kermesse alla Leopolda  (per fare che? Preparare nuove gabbole per gli italiani?), la linea generale di governo pare essere il passare dai salassi (il Belpaese è primatista per l’imposizione fiscale ed ultimo in Europa per servizi e “crescita”) direttamente alla giugulare del popolo che si è trovato questa specie di Gabinetto senza mai avere il piacere di votarlo…

 

Con buona pace del suo Ministro dell’economia Padoan (già pupillo di uno statista di cachemire, vigne e sale da bingo quale Massimo D’Alema…) che parla di questione “umanitaria”, ben 130 mila cittadini sono stati di fatto derubati dei risparmi di una vita a causa del collasso di un pugno di banche tra cui spicca quella Popolare dell’Etruria al cui vertice siede il papà della Ministra Boschi: la Madonnina (ancora…) che – con l’aiuto della navigata pdessina  Finocchiaro – ha fatto a pezzi la Costituzione della Repubblica.   Ed intanto uno dei 130mila c’è morto.    Una specie di Jan Palach (ve lo ricordate il giovane immolatosi per la libertà nella Praga di cinquant’anni fa?) dell’inverno italico.

 

Non spetta a noi qui ricostruire la dinamica bancaria, il ruolo nefasto e colpevole della così decantata Banca D’Italia (a che ci serve questa autoreferente cosiddetta “riserva della Repubblica”? Probabilmente sarebbe meglio scioglierla…) che ha “salvato” il “sistema” ed ucciso – in senso proprio – i risparmiatori gabbati.    Perché, al di là della ben nota frase (Mark Twain, Bertolt Brecht?) per cui sarebbe “più criminale fondare una banca che rapinarla”, è innegabile che il “sistema” non ha nulla a che vedere con il sostegno finanziario all’economia  e mira – con innegabile successo – a trasformare i bancari in banchieri, erogare credito a chi già sa che non lo restituirà, metterci in rotta di collisione con le Istituzioni europee. Al passaggio fornisce poi Presidenti della Repubblica, Ministri e quant’altro. Come per esempio l’“unto del Signore” Mario Draghi, battezzato da giovanotto nella famosa crociera dei mega-finanzieri globali sul reale Yacht “Britannia” nella simbolica data del 2 Giugno…1992, in compagnia dei benefattori globali di Goldman Sachs . E poi, a margine, dobbiamo sorbirci i senili sermoni di un personaggio come Eugenio Scalfari, vero e proprio quarantennale ostetrico di questo bel capolavoro di Paese.

 

Un successo dopo l’altro, non per il Paese bensì per la nomenklatura (la “casta”) e per i gruppi parassitari, vero e proprio “nocciolo duro” del famoso “Paese corrotto, Capitale infetta”.

 

Aspettiamoci di meglio.   Lo studieranno alla Leopolda…

 

Nel frattempo nel vasto mondo i fuochi (più che “focolai”) crescono e – da noi – vengono seguiti con un misto di ottimismo trionfalista e beota: galvanizzato dal Giubileo (come già dall’Expo gastrico di Milano…), evidentemente inconsapevoli che i fessi siamo noi e non i cattivi.

 

Siamo forti, siamo forti.  E – alle brutte – ci soccorrerà Putin, magari con le sue testate nucleari.

 

Meno male: perché noi siamo impegnati a preparare le elezioni amministrative: Sindaci, Governatori, trionfi renziani. Nuove “pappate”.   E lasciamo gli “scherzi” (così li hanno definiti loro stessi russi per non spaventare nessuno) “atomici” a chi se li può permettere…

Quanto a noi, come ripetono all’unisono il giovane Renzi e il presidente Mattarella: “il Califfato si batte con la cultura”.

Ci dicano allora dove possiamo trovarla. Forse alla Lotteria di Capodanno…

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto