Flash

10/12/2015

Flash

Daumier_parlamento

 

 

Tre giorni fa – vigilia dell’apertura (rivelatasi moscia assai) del Giubileo della “Misericordia” – chiudevamo la nostra nota con la frase “allora per noi non c’è speranza”.  E così è stato.

 

Infatti, mentre Matteosubito ed i suoi accoliti si preparano per l’ennesima kermesse alla Leopolda  (per fare che? Preparare nuove gabbole per gli italiani?), la linea generale di governo pare essere il passare dai salassi (il Belpaese è primatista per l’imposizione fiscale ed ultimo in Europa per servizi e “crescita”) direttamente alla giugulare del popolo che si è trovato questa specie di Gabinetto senza mai avere il piacere di votarlo…

 

Con buona pace del suo Ministro dell’economia Padoan (già pupillo di uno statista di cachemire, vigne e sale da bingo quale Massimo D’Alema…) che parla di questione “umanitaria”, ben 130 mila cittadini sono stati di fatto derubati dei risparmi di una vita a causa del collasso di un pugno di banche tra cui spicca quella Popolare dell’Etruria al cui vertice siede il papà della Ministra Boschi: la Madonnina (ancora…) che – con l’aiuto della navigata pdessina  Finocchiaro – ha fatto a pezzi la Costituzione della Repubblica.   Ed intanto uno dei 130mila c’è morto.    Una specie di Jan Palach (ve lo ricordate il giovane immolatosi per la libertà nella Praga di cinquant’anni fa?) dell’inverno italico.

 

Non spetta a noi qui ricostruire la dinamica bancaria, il ruolo nefasto e colpevole della così decantata Banca D’Italia (a che ci serve questa autoreferente cosiddetta “riserva della Repubblica”? Probabilmente sarebbe meglio scioglierla…) che ha “salvato” il “sistema” ed ucciso – in senso proprio – i risparmiatori gabbati.    Perché, al di là della ben nota frase (Mark Twain, Bertolt Brecht?) per cui sarebbe “più criminale fondare una banca che rapinarla”, è innegabile che il “sistema” non ha nulla a che vedere con il sostegno finanziario all’economia  e mira – con innegabile successo – a trasformare i bancari in banchieri, erogare credito a chi già sa che non lo restituirà, metterci in rotta di collisione con le Istituzioni europee. Al passaggio fornisce poi Presidenti della Repubblica, Ministri e quant’altro. Come per esempio l’“unto del Signore” Mario Draghi, battezzato da giovanotto nella famosa crociera dei mega-finanzieri globali sul reale Yacht “Britannia” nella simbolica data del 2 Giugno…1992, in compagnia dei benefattori globali di Goldman Sachs . E poi, a margine, dobbiamo sorbirci i senili sermoni di un personaggio come Eugenio Scalfari, vero e proprio quarantennale ostetrico di questo bel capolavoro di Paese.

 

Un successo dopo l’altro, non per il Paese bensì per la nomenklatura (la “casta”) e per i gruppi parassitari, vero e proprio “nocciolo duro” del famoso “Paese corrotto, Capitale infetta”.

 

Aspettiamoci di meglio.   Lo studieranno alla Leopolda…

 

Nel frattempo nel vasto mondo i fuochi (più che “focolai”) crescono e – da noi – vengono seguiti con un misto di ottimismo trionfalista e beota: galvanizzato dal Giubileo (come già dall’Expo gastrico di Milano…), evidentemente inconsapevoli che i fessi siamo noi e non i cattivi.

 

Siamo forti, siamo forti.  E – alle brutte – ci soccorrerà Putin, magari con le sue testate nucleari.

 

Meno male: perché noi siamo impegnati a preparare le elezioni amministrative: Sindaci, Governatori, trionfi renziani. Nuove “pappate”.   E lasciamo gli “scherzi” (così li hanno definiti loro stessi russi per non spaventare nessuno) “atomici” a chi se li può permettere…

Quanto a noi, come ripetono all’unisono il giovane Renzi e il presidente Mattarella: “il Califfato si batte con la cultura”.

Ci dicano allora dove possiamo trovarla. Forse alla Lotteria di Capodanno…

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto