Flash

10/12/2015

Flash

Daumier_parlamento

 

 

Tre giorni fa – vigilia dell’apertura (rivelatasi moscia assai) del Giubileo della “Misericordia” – chiudevamo la nostra nota con la frase “allora per noi non c’è speranza”.  E così è stato.

 

Infatti, mentre Matteosubito ed i suoi accoliti si preparano per l’ennesima kermesse alla Leopolda  (per fare che? Preparare nuove gabbole per gli italiani?), la linea generale di governo pare essere il passare dai salassi (il Belpaese è primatista per l’imposizione fiscale ed ultimo in Europa per servizi e “crescita”) direttamente alla giugulare del popolo che si è trovato questa specie di Gabinetto senza mai avere il piacere di votarlo…

 

Con buona pace del suo Ministro dell’economia Padoan (già pupillo di uno statista di cachemire, vigne e sale da bingo quale Massimo D’Alema…) che parla di questione “umanitaria”, ben 130 mila cittadini sono stati di fatto derubati dei risparmi di una vita a causa del collasso di un pugno di banche tra cui spicca quella Popolare dell’Etruria al cui vertice siede il papà della Ministra Boschi: la Madonnina (ancora…) che – con l’aiuto della navigata pdessina  Finocchiaro – ha fatto a pezzi la Costituzione della Repubblica.   Ed intanto uno dei 130mila c’è morto.    Una specie di Jan Palach (ve lo ricordate il giovane immolatosi per la libertà nella Praga di cinquant’anni fa?) dell’inverno italico.

 

Non spetta a noi qui ricostruire la dinamica bancaria, il ruolo nefasto e colpevole della così decantata Banca D’Italia (a che ci serve questa autoreferente cosiddetta “riserva della Repubblica”? Probabilmente sarebbe meglio scioglierla…) che ha “salvato” il “sistema” ed ucciso – in senso proprio – i risparmiatori gabbati.    Perché, al di là della ben nota frase (Mark Twain, Bertolt Brecht?) per cui sarebbe “più criminale fondare una banca che rapinarla”, è innegabile che il “sistema” non ha nulla a che vedere con il sostegno finanziario all’economia  e mira – con innegabile successo – a trasformare i bancari in banchieri, erogare credito a chi già sa che non lo restituirà, metterci in rotta di collisione con le Istituzioni europee. Al passaggio fornisce poi Presidenti della Repubblica, Ministri e quant’altro. Come per esempio l’“unto del Signore” Mario Draghi, battezzato da giovanotto nella famosa crociera dei mega-finanzieri globali sul reale Yacht “Britannia” nella simbolica data del 2 Giugno…1992, in compagnia dei benefattori globali di Goldman Sachs . E poi, a margine, dobbiamo sorbirci i senili sermoni di un personaggio come Eugenio Scalfari, vero e proprio quarantennale ostetrico di questo bel capolavoro di Paese.

 

Un successo dopo l’altro, non per il Paese bensì per la nomenklatura (la “casta”) e per i gruppi parassitari, vero e proprio “nocciolo duro” del famoso “Paese corrotto, Capitale infetta”.

 

Aspettiamoci di meglio.   Lo studieranno alla Leopolda…

 

Nel frattempo nel vasto mondo i fuochi (più che “focolai”) crescono e – da noi – vengono seguiti con un misto di ottimismo trionfalista e beota: galvanizzato dal Giubileo (come già dall’Expo gastrico di Milano…), evidentemente inconsapevoli che i fessi siamo noi e non i cattivi.

 

Siamo forti, siamo forti.  E – alle brutte – ci soccorrerà Putin, magari con le sue testate nucleari.

 

Meno male: perché noi siamo impegnati a preparare le elezioni amministrative: Sindaci, Governatori, trionfi renziani. Nuove “pappate”.   E lasciamo gli “scherzi” (così li hanno definiti loro stessi russi per non spaventare nessuno) “atomici” a chi se li può permettere…

Quanto a noi, come ripetono all’unisono il giovane Renzi e il presidente Mattarella: “il Califfato si batte con la cultura”.

Ci dicano allora dove possiamo trovarla. Forse alla Lotteria di Capodanno…

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | GRILLO E IL BUON DIO

16/02/2018

Ancora non basta.   La  “scoperta” che il movimento “Cinque stelle” (ancora con questo insulso nome…) truccava i propri stessi impegni “steccando” qua e là un po’ delle risorse pubbliche (indennità parlamentari) da destinare – udite udite – alle “piccole imprese” non ha incrinato (stando ai ...
Leggi tutto

Flash | RINCOGLIONITI?

12/02/2018

Che gli Italiani siano “a pezzi” è evidente constatazione.   Perfino la sagra nazional-popolare di tardo inverno (o precoce primavera?) di Sanremo è passata con una specie di innocuo auto-trionfo ma senza lasciare traccia alcuna.   Certamente le sensibilità e le capacità di ...
Leggi tutto

Flash | IL “MALIGNO” DALLE ALPI AL LILIBEO

30/01/2018

Prima di tutto due parole sul nuovo scandalo (a poco dire…) dell’industria automobilistica tedesca che, evidentemente non paga di aver taroccato dati sull’inquinamento di alcuni tipi di vetture, è passata alla “dimostrazione” che i suoi motori diesel non fanno poi troppo male…   E ...
Leggi tutto

Flash | DA DAVOS AL CAIRO PASSANDO PER ROMA

25/01/2018

La settimana che si sta chiudendo non offre granchè salvo forse una rinfrescante tregua nella più squallida campagna elettorale della storia repubblicana dell’Italia: tasso d’interesse da parte dei cittadini (esistono ormai solo figurativamente e non riescono evidentemente a svegliarsi e ...
Leggi tutto

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto