Flash

14/05/2013

Flash

una vergine per il principe

“Una vergine per il principe”.    Una storia vera del Cinquecento alla Corte dei Gonzaga (immortalata in un film degli anni ’60 di Festa Campanile con Gassman e la Lisi) e l’arringa accusatoria della procuratore di Milano Boccassini nei confronti dell’ex Premier Berlusconi  (richiesta PM sei anni di carcere e connessa interdizione perpetua dai pubblici uffici con sentenza prevista per  il 24 giugno) presentano alcune affascinanti analogie.  Vediamole: sia la giovane Ruby che la popolana Giulia (“cavia” della prova di virilità a cui deve sottoporsi il principe per avere il via libera al matrimonio con la giovane Medici) escono dalla forse non gradevole esperienza con… una dote ed un marito.  Il che permette ad entrambe di iniziare una nuova vita su basi più promettenti di quelle che prevedevano le loro umili origini.

Naturalmente il ridicolo ricade tutto sui protagonisti – maschi e potenti – delle rispettive storie.    Ora, a parte l’improponibile raffronto tra il giovane Gassman  ed il senile Berlusconi, le forze in gioco sono le medesime: il sesso e il potere, con quest’ultimo a dettare le regole. E, fin qui, niente di penalmente rilevante (né mezzo millennio addietro, né ora), salvo naturalmente alcune regolette (norme penali emerse da cinquecento anni fa ad oggi con l’ergenza dello Stato moderno) che prevedono alcuni limiti.   Secondo la procuratore di Milano Berlusconi ne ha infrante una serie, e nel sistema giuridico nazionale (quello delle “fattispecie” – le norme – che impongono pene e sanzioni qualora i comportamenti corrispondano ad una previsione ritenuta dal sistema meritevole di sanzione) e, naturalmente la legge vale – dovrebbe almeno – essere uguale per tutti.   Due i punti principali: Ruby era minorenne, Berlusconi ha tentato – avvalendosi del potere di Primo Ministro – di interferire nel normale corso della vicenda.   Anzi – mentre la sua assistente erotica Minetti continua a trarre vantaggi dal suo ruolo in quella notte di fine maggio del 2010 – la giudice minorile Fiorillo ne è uscita di fatto punita per aver tentato di seguire le procedure di legge.

Tanto basterebbe per un Paese “normale”, non per l’Italia. E basti ricordare quanto avvenne negli Stati Uniti con il – negato ma vero – sesso orale di Clinton con la stagista della Casa Bianca.   Qui invece, memori forse di storici precedenti (es.: l’Imperatore Caligola che entrava in trionfo a Roma montando a cavallo e nel contempo ricevendo sesso anale da un suo schiavo), la permissività – meglio la connivenza con i potenti – era e rimane totale.

La morale e il rigore della legge (per usare un eufemismo) sono riservati ai poveracci.     Infatti i mesi precedenti alla notte nella Questura di Milano erano già stati caratterizzati da una “escalation” impressionante: nel settore specifico dell’ “eleganza berlusconiana” c’era stata la giovane Noemi Letizia portata a palazzo e nel resort personale del Premier e la famosa sera del “Telegatto” (quella che provocò la ribellione della moglie Veronica) in cui il Premier venne descritto nelle cronache stampa come “ubriaco di fica” .

Erano anche i tempi post-terremoto dell’Aquila con le risa sui morti e la cricca Bertolaso e co. impegnata nel tempo libero tra “sconocchiate” brasiliane ed incontri con coristi neri e vaticani di grandi dimensioni (reminiscenza ante-litteram dei romanzi di Limonov?), ma erano al tempo stesso i tempi dei furori leghisti, fascisti, berlusconiani anti prostitute e marginali.  Ed ecco qui un’altra bella analogia con i tempi andati (da secoli) e riportati in auge nell’epoca della democrazia “censitaria”  inaugurata già dal 1994 dal medesimo Berlusconi.  Il tutto – ahimè – nella più perfetta inerzia (solo questa?) delle cosiddette forze democratiche e riformiste.

Ed ora eccoci qui: tornati ancora una volta alla “case départ” (l’eterno ritorno del gioco dell’oca)  delle mobilitazioni contro la “persecuzione” giudiziaria mentre si dovrebbe plaudire al Governo delle “larghe intese”.       Per favore ridateci Beccaria, Voltaire o – in mancanza – il rispetto per il senso del ridicolo.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto